Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Bound by firelight by Dana Swift- Book tour Tbr and beyond tours

Hello and welcome to my stop for “Bound by firelight” by Dana Swift book tour! A huge thank you to Tbr and beyond tours for this opportunity!

Genre: Young Adult Fantasy
Publishing date: January 18th, 2022
Goodreads | Amazon | Barnes & Noble | Book Depository | Indigo | IndieBound
The heart-pounding sequel to Cast in Firelight, perfect for fans of epic, sweepingly romantic fantasy by Sabaa Tahir, Susan Dennard, and Mary E. Pearson.
After a magical eruption devastates the kingdom of Belwar, royal heir Adraa is falsely accused of masterminding the destruction and forced to stand trial in front of her people, who see her as a monster. Adraa’s punishment? Imprisonment in the Dome, an impenetrable, magic-infused fortress filled with Belwar’s nastiest criminals—many of whom Adraa put there herself. And they want her to pay.
Jatin, the royal heir to Naupure, has been Adraa’s betrothed, nemesis, and fellow masked vigilante . . . but now he’s just a boy waiting to ask her the biggest question of their lives. First, though, he’s going to have to do the impossible: break Adraa out of the Dome. And he won’t be able to do it without help from the unlikeliest of sources—a girl from his past with a secret that could put them all at risk.
Time is running out, and the horrors Adraa faces in the Dome are second only to the plot to destabilize and destroy their kingdoms. But Adraa and Jatin have saved the world once already. . . . Now, can they save themselves?

Thank you so much, NetGalley, Random House Children’s and Delacorte Press, for the chance to read and review this book in exchange of an honest review.

After the devastating magical eruption that devasted the kingdom of Belwar, royal heir Adraa is falsely accused and arrested. Sent to the Dome, the impenetrable fortress filled with criminal herself put there, Adraa will have to fight to prove her innocence and save her own life. On the other side, Jatin, the royal heir of Naupure and Adraa’s betrothed is willing to do anything to save Adraa, helped by friends and unexpected allies. But when Jatin and Adraa discover there’s a plan to destroy their kingdom, they will have to be ready for anything.

Bound by firelight starts right after the thrilling ending of Cast in firelight, in a Belwar where people are seeing Adraa as a monster, rioting and rallying against the royal family and where Vencrin and Bloodlurst are still major problems. The author expands the universe with the Dome’s introduction, a prison where the divide and power imbalances are strongly present and where Adraa finds herself in a complicated situation. Alone and without allies, or so she thought, Adraa is forced to do anything in her power to adapt to this new situation, trying to understand what happened at her trial and what is happening in this facility, between lies and manipulations, fights and tortures, deaths and unexpected allies.

Jatin finds himself without his partner and helped by Prisha, Riya, Hiren and Kalyan and by an ex classmate they start to concoct a plan to help Adraa escape from the prison, but nothing is what it seems and there’s more to the eye. The story is told by two POVs, Adraa’s and Jatin’s and I loved reading this book, because the author talked about brilliantly, about self-doubts, traumas, guilt, fears and what it means to have a voice, or not have one, to fight back, to be oneself and face the world, but also the importance of having a partner, to let others in and trusting them.

One of the most intense and lovely relationshis in this book is the one between Adraa and Jatin, who came a long way since the first book. Rivals, betrothed, allies, partners, I love their chemistry and how much they trust, help and support one other. Their relationship shines even more in this sequel, because, even among self-doubts about ruling countries and self-worths, they know they love each other and that their love is strong and it can face everything and that’s truly beautiful. Like in the first book, the author talks about addiction, torture and Bloodlurst, power imbalances and unfairness, mainly in the Dome as setting, a new and scary universe where the hierarchy is strong and built on violence and intimidation and where Adraa has to move and fight back.

I loved reading about the interactions between characters, new and old ones, in a romantical way or in parents/children or siblings one and I was really happy to see how the author addressed jealousy, love, family problems and doubts in this book. The characters’ growth is parallel to their fights against usurpers, violence, lies and manipulations and I really admire both Adraa and Jatin as characters. I was really happy to be able to read this book and I think it’s a brilliant sequel and a wonderful way to end this duology.

Between war, lies, violence, magic and self affirmation, this book is absolutely amazing. I loved the banter and the sweet moments, the intense and wild ride, the action and fights and I was so in love with everything. The ending is an open and hopeful one and I truly appreciated it, because it shows how much Adraa and Jatin have done and are still doing for their kingdoms, themself and each other, confident and powerful. I totally recommend it.

Jatin will do anything for the people he loves. And he loves me.”

“No one can save me but myself.”

“In this world, I don’t need to throw myself away or hide behind a mask.”

“I like you well enough. Always. Thank you for liking all part of me.” Every part. Every version. Every facet of myself that got me here, that he helped shape. “I love you.”

Dana Swift started making up fantasy worlds when she was eleven years old and hasn’t stopped since. She graduated from the University of Texas at Austin, where she earned degrees in English and Advertising. While in college, Dana competed as a saber fencer and learned a thing or two about fighting, parrying and how it feels to fall in love with your sparring partner. She currently lives with said husband in Miami, Florida. 
Website Twitter Instagram Facebook Goodreads

And here you can find the tour schedule!

Pubblicato in: Senza categoria

Perchè il re degli elfi odiava le storie di Holly Black- Review party

Salve a tutt* e benvenuti alla mia tappa dedicata a “Perché il re degli elfi odiava le storie” di Holly Black. Un grazie enorme a Ambra per aver organizzato l’evento e creato le bellissime grafiche e alla Mondadori per la copia in anteprima. Le mie opinioni non sono state influenzate in alcun modo.

Holly Black
pubblicato da Mondadori
Prima di essere un principe crudele o un re malvagio, Cardan è stato un bambino e poi un ragazzo con un cuore di pietra. Attraverso le pagine di questo libro si getterà luce sulla vita drammatica dell’enigmatico Sommo Re del Regno degli Elfi. Si ricorderanno momenti fondamentali della sua storia, che in certi casi suoneranno familiari ai lettori della trilogia “The Folk of the Air”, raccontati tutti dal punto di vista di Cardan.
Ci sarà spazio per una storia d’amore che fa battere il cuore, per avventure spericolate, ma anche per lo humour, ingredienti di una saga che ha incantato i lettori di ogni dove. Ad arricchire il tutto, poi, le sontuose illustrazioni a colori di Rovina Cai, che rendono questo libro un oggetto prezioso da collezionare, che piacerà agli appassionati dei romanzi della serie, ma anche ai nuovi lettori.

Per chi è appassionato dei romanzi della trilogia “The Folk of the Air” o per chi si vuole affacciare a questa nuova serie, questa raccolta di racconti è una vera e propria chicca, impossibile da perdere. Avventure spericolate, momenti teneri, storie su storie, incontri inaspettati, scoperte e così via costellano questo piccolo libriccino, che è meravigliosamente abbellito dalle illustrazioni a colori di Rovina Cai che accompagnano e rendono le storie ancora più spettacolari.

Cardan non è affatto un personaggio semplice, bensì intrinsecamente complesso, la cui infanzia e adolescenza (ma siamo onesti, gran parte della sua vita) è stata contraddista da abusi, ingiustizie che l’hanno formato e forgiato e spinto ad essere il personaggio amato/odiato da tutti i lettori della saga. Lui è la voce narrante di questo volume e, alternandosi tra passato e presente, la cui differenza è nettissima soprattutto nel modo di parlare e relazionarsi con gli altri personaggi, Jude in particolare, Cardan racconta di incontri e amicizie, rapporti con “amici” e fratelli, abusi e storie con morale, mostri e ragazzi con il cuore di pietra o di vetro, delusioni e rabbia, tradimenti e avventure. Interessante e intrigante è stato vedere vecchi e nuovi personaggi dal punto di vista di Cardan e aver potuto notare e apprezzare il modo in cui aveva iniziato a guardare e pensare a Jude, le sue considerazioni sui mortali, spesso e volentieri influenzate dagli altri, i libri che leggeva, i suoi rari momenti di gentilezza e comprensione, controbilanciati dalla rabbia e dagli eccessi che l’avevano contraddistinto.

Se la trilogia di “The folk in the Air” si era conclusa in un modo che ho adorato e ho trovato adatto e perfetto, ho molto apprezzato questo sguardo ulteriore sia sul personaggio di Cardan, aggiungendo e spiegando come effettivamente è diventato ciò che è diventato, ma anche sul suo rapporto con Jude dopo la fine dell’ultimo romanzo. Il lettore trova, quindi, Cardan e Jude come marito e moglie, re e regina, il cui rapporto, se confrontato con le storie ambientate nel passato, è diversissimo e sottolinea la grandissima evoluzione dei personaggi, sia a se stanti che nella loro relazione. Un Cardan più aperto al mondo, non solo il suo, innamorato e con un cuore non pietra e una Jude non sulla difensiva e piena di rabbia, personaggi che sono maturati e cresciuti e che si fidano l’uno dell’altro in un bellissimo rapporto di coppia.

Mi è piaciuto moltissimo leggere questo volume e ritrovare vecchi personaggi e ho adorato poter ammirare i pensieri di Cardan in questo continuo oscillare tra passato e presente. Ho adorato tutto e lo consiglio davvero a tutti.

Eccovi il calendario!

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

The furry thing di Kamwei Fong- Review Party

Salve e benvenut* alla mia tappa del review party dedicato a The furry thing di Kamwei Fong. Un grazie enorme va alla casa editrice Beccogiallo per la copia in anteprima e a Valeria per aver organizzato l’evento. Le mie opinioni non sono state influenzate in alcun modo.
Titolo: The Furry Thing
Autore: Kamwei Fong
Caratteristiche: 128 pp. bn, cartonato
ISBN: 9788833141749

Nato nel 2009, “The Furry Thing” è il progetto artistico dell’illustratore, scultore e designer di Kuala Lumpur, Kamwei Fong.
Utilizzando solo inchiostro nero a micro pigmenti e delle fitte trame di piccoli, brevi, segni, Fong ha creato centinaia di illustrazioni oniriche e fantasiose di gatti di ogni genere e taglia. Nonostante lo stile uniforme, quasi matematico nella sua progettazione e lavorazione, ogni gatto di “The Furry Thing” mostra una personalità unica: ci sono i gatti arruffati, panciuti e goffi, ci sono gatti sinuosi, eleganti e fieri, altri ancora hanno occhi curiosi, o diffidenti, o ruffiani. Alcuni hanno code enormi che puntano il cielo, altri sono arrotolati su loro stessi a formare un cerchio talmente perfetto da risultare magnetico. Ci sono poi quelli dal muso schiacciato o dal pelo striato, le code elettriche o le orecchie asimmetriche, gli sguardi assonnati o le movenze sinuose.
In “The Furry Thing” c’è tutto l’universo dei gatti, tranne le bocche dei protagonisti. Senza bocche, le loro emozioni vengono trasmesse dagli occhi espressivi e luminosi, dalle orecchie vigili e dalle code grandi e cespugliose e, naturalmente, dal pelo più o meno folto (o meglio, folto, molto folto o foltissimo)

Ho adorato aver avuto la possibilità di ammirare e recensire questo meraviglioso volume, un catalogo d’arte per i gattari come me e del quale è impossibile non innamorarsi. Nato nel 2009, The Furry Thing è un progetto artistico dell’artista di Kuala Lumpur, Kamwei Fong, che ha raccolto centinaia di illustrazioni di gatti, di ogni genere, taglia e dimensione in questo eccezionale volume. Gatti diversissimi tra loro, che spiccano per la loro curiosità, gli occhi intensi, le code guizzanti e le forme stravaganti.

Lo stile è molto particolare e pur non conoscendo molto, o nulla, di arte, mi ha profondamente colpito. L’artista, infatti, ricrea le forme feline usando la sovrapposizione di innumerevoli linee sottili, di varia densità per rappresentare il volume. Sovrapposizioni che vanno a creare un effetto tattile straordinario, perché appare essere peloso, sembra quasi possibile accarezzare i gatti attraverso le sue pagine ed è davvero una forte emozione. Impossibile resistere alla tentazione! Incredibile pensare che l’autore usi penne con inchiostro sottile e inchiostro a micro pigmenti e il suo lavoro richiede una pazienza infinita e un’altissima precisione, dato che basterebbe un solo errore per rovinare un intero disegno. Terapeutico, come viene definito dallo stesso autore. Magnetico e affascinante.

Il volume, edito da Beccogiallo, viene diviso in svariate sezioni ed è composto principalmente da disegni, grigi e neri che spiccano su uno sfondo bianco, contraddistinti dai titoli e da pochissime citazioni, ma anche da descrizioni e spiegazioni sulla tecnica, sulle diverse serie di disegni. Intenso e onirico è In the wonderfurryland, una serie di disegni dove i luoghi sono abitati dai gatti che diventano sole, luna, alberi e montagne nel corso delle pagine. Ho adorato le citazioni, molte mi hanno profondamente colpita.

Un aspetto molto peculiare di questi disegni è la mancanza di bocche dei gatti, ma ciò non comporta una mancanza di emozioni che, anzi, spiccano tramite i loro sguardi intensi, le orecchie e le code. Un atlante felino dove ogni gatto ha una sua personalità ben definita, gatti che giocano, gatti assonnati, irritati, entusiasti, felici, spaventati, sorpresi e via discorrendo. Adorabile la parte dedicata a “Quello che i gatti pensano dei miei disegni” che contrappone gatti reali ai disegni dell’artista in uno spassoso e dolce contrasto.

The furry thing è una raccolta di adorabili e spassosi felini, impossibile da non amare, soprattutto per chi ama i gatti come me. Gatti eleganti, felini grassottelli, code enormi, occhioni magnetici, questo volume è stupendo e davvero imperdibile!

Eccovi il calendario!

Pubblicato in: intervista

Intervista a Caterina Costa

Ciao Caterina, prima di iniziare vogliamo ringraziarti per il tempo che ci dedicherai e farti i complimenti per il tuo lavoro.
La prima domanda che vogliamo farti è la seguente:

Come mai hai deciso di suddividere ogni storia in una striscia di quattro quadrati? E’ un formato che ti è stato richiesto da altri o da esigenze esterne, o che hai deciso tu in maniera indipendente?


Forse mi sono involontariamente ispirata ad altri webcomic che ho visto negli anni, ma la ricordo come una scelta molto naturale. Inoltre, postando su Instagram, questa struttura rende molto più facile la condivisione dei miei lavori, perché la somma delle vignette quadrate è sempre un quadrato.

La forza del tuo lavoro è anche nella sua brevità, ma hai mai pensato di creare una storia molto più lunga, magari una graphic novel completa, partendo da una o più strisce?


È sicuramente qualcosa che mi piacerebbe molto fare! Il primo esperimento con storie più lunghe è stato con il mio primissimo libro, Vita da Pomodoro, un’antologia realizzata insieme ad altre 6 fumettiste.
È stato molto difficile per me scrivere qualcosa di più lungo, perché in genere nei miei lavori cerco sempre di trasmettere un’emozione, una sensazione, un concetto, e per questo tipo di comunicazione la vignetta breve è ciò che più mi è congeniale.
Al momento sto cercando di leggere più fumetti e di imparare a narrare storie più lunghe, perché penso che potrei farne qualcosa di bello!

Ci racconti la tua esperienza dell’Inktober e di cosa ti ha insegnato come fumettista? In futuro pensi che parteciperai nuovamente all’evento?


Per me l’Inktober del 2018 è stato la svolta, mi ha cambiato la vita.
È iniziato tutto come un gioco, un esperimento, ma mi ha portato tante cose fantastiche. Ho deciso di fare un fumetto al giorno anziché un’illustrazione e ho scoperto la mia vocazione!
Intanto mi ha fatto capire che sono in grado di produrre tanto in poco tempo, perché le parole a cui ispirarsi uscivano il 1 ottobre e ogni giorno c’era una nuova parola da usare, io all’epoca andavo in università tutti i giorni e da pendolare tornavo spesso a casa verso le 20. Però ce l’ho fatta! Ogni sera mi mettevo lì e creavo i miei fumetti.
È stato anche l’inizio del mio successo su internet, perché dai miei fumetti per l’Inktober è arrivata la prima ondata di lettori su Instagram.
Penso parteciperò ogni anno e spero di riuscirci ancora!

Abbiamo notato che molti colori – ad esempio il giallo – sono ricorrenti: c’è un criterio particolare dietro questa scelta? E quali tecniche e/o strumenti grafici usi per creare i tuoi disegni?


La scelta di usare il giallo è stata casuale, è sempre stato uno dei miei colori preferiti.
Disegnando e sperimentando mi sono accorta che stava meglio di altri colori come sfondo, faceva risaltare le immagini in primo piano e illuminava la scena.
Durante gli anni ho usato diverse tecniche, ho iniziato con la china su carta e le Bic, ho usato Photoshop, Paint Tool Sai, gli acquerelli… Ora uso Procreate su un iPad 2018, che penso sia il software meglio sviluppato per i disegnatori. Il suo unico problema sono i livelli limitati, però in confronto a Photoshop o ad altri programmi conosciuti ha dei pennelli meravigliosi e insuperabili.

Nelle note del tuo libro racconti che il tuo primo approccio al mondo dei fumetti sono stati i cartoni animati che vedevi da piccola: quali erano i tuoi preferiti? E oggi, invece, quali sono le tue fonti di ispirazioni principali?


Il primissimo che ho iniziato a ridisegnare penso sia stato Futurama, sapevo tutti i personaggi a memoria e i miei compagni di classe mi chiedevano sempre di disegnarli per loro.
Poi A tutto Reality, che è stato il cartone animato che mi ha fatto iniziare a disegnare in digitale. Avevo un gruppo di amici a distanza, nato su Facebook, in cui ognuno si creava il suo personaggio in stile ATR e insieme giocavamo e ci sfidavamo a gare di disegno. È iniziato tutto da lì!
Oggi invece non ho più un’ispirazione precisa, ormai il mio tratto e il mio stile sono abbastanza radicati da non aver bisogno di copie così fedeli. Questo non significa che abbia smesso di sperimentare!
Spesso mi piace provare a cambiare stile, fare qualcosa di più cartoon o di più realistico, cambiare il tratto e i colori… solo che ora sono tutti esperimenti che partono da me.

Ti piace la cultura giapponese, nello specifico i manga e gli anime? E, invece, nel panorama italiano c’è qualche fumettista che ti ha ispirato o che ti senti di consigliare?


Da bambina guardavo tanti anime e leggevo qualche manga, ho avuto un periodo attorno agli 11 anni in cui ho provato a ricrearne lo stile ma non faceva per me. Ho iniziato a creare fumetti per puro caso, sono sempre stata interessata sia all’animazione che all’illustrazione e il fumetto è ciò che univa queste due tecniche al meglio. Quindi non ci sono veri spunti a cui mi sia ispirata, non sono mai stata una grande lettrice di fumetti (anche se di fiera in fiera mi è venuta sempre più
voglia di iniziare) fatta eccezione per Dylan Dog e W.I.T.C.H..

Hai dei nuovi progetti in lavorazione? Cosa ti piacerebbe creare prossimamente? Ci puoi dare qualche anticipazione o è ancora tutto segreto?


Per il momento sono abbastanza ferma, fatta eccezione per la mia piattaforma su Webtoon che è stata appena aperta e mi sta portando molte soddisfazioni!
Spero di avere presto qualche progetto nuovo!

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

If this gets out by Sophie Gonzales and Cale Dietrich

Hardcover, 416 pages
Published December 7th 2021 by Wednesday Books
Original Title
If This Gets Out
ISBN
1250805805 (ISBN13: 9781250805805)

Eighteen-year-olds Ruben Montez and Zach Knight are two members of the boy-band Saturday, one of the biggest acts in America. Along with their bandmates, Angel Phan and Jon Braxton, the four are teen heartbreakers in front of the cameras and best friends backstage. But privately, cracks are starting to form: their once-easy rapport is straining under the pressures of fame, and Ruben confides in Zach that he’s feeling smothered by management’s pressure to stay in the closet.

On a whirlwind tour through Europe, with both an unrelenting schedule and minimal supervision, Ruben and Zach come to rely on each other more and more, and their already close friendship evolves into a romance. But when they decide they’re ready to tell their fans and live freely, Zach and Ruben start to truly realize that they will never have the support of their management. How can they hold tight to each other when the whole world seems to want to come between them?

Thank you so much, NetGalley, St. Martin’s Press and Wednesday Books, for the chance to read one of my most anticipated reads of 2021!

Careful of spoilers!

TW: drugs, drug abuse, closeting

Ruben Montez and Zach Knight are two members of the boy-band Saturdays and along with their bandmates, Jon Braxton and Angel Phan are teen heartbreakers in front of the camera and best friends in the real life. But behind the scene all of them are suffering from the pressure of their management and fame, above all for Ruben, forced to be closeted. During an intense tour through Europe, Ruben and Zach start to rely more and more on one other, until their already close friendship develops in a wonderful romance. Wanting to live free and to tell their fans, Ruben and Zach right away realize their management will do anything in their power to keep their love secret and separate them. With the support of Jon and Angel, Ruben and Zach fight to be free to love one other and from the management homophobic rules and chains.

I LOVED reading this book, it was such a pleasure and a privilege to have gotten the chance to read before the release date and I can’t wait to have the physical copy in my hands. A queer love in a boy-band? Sign me in!

Told by two POVs, Ruben’s and Zach it’s a journey, physical and emotionally, a journey that involves all the member of the band. The characterization is brilliant and even though the story is told by Zach and Ruben, so the reader gets to know them better, their fears, doubts, love and passions, Jon and Angel are not side characters. They are also skillfully written and complex, with their doubts and pressures, fears and desires.
The friendship between Zach, Ruben, Angel and Jon is beautifully written, with its ups and downs and fights, between friends who truly love and care about one other and who would do anything in their power to keep each other safe and happy.

Zach and Ruben are best friends and even though Ruben has ever had feelings for Zach, he has never told anyone (he was sure Zach was straight), but when something wonderful happens between them during the tour, their relationship changes, with cracks and tension, fear and confusion.
It was really intense, heartbreaking reading how Zach starts to understand his own sexuality, Ruben’s fear to have lost his best friend, Jon and Angel trying to solve their tension and understand what happened between them.

I had to admit I feared misunderstandings and unnecessary dramas, but this book is perfect!
Zach’s and Ruben’s relationship changes and evolves in a romance and, after a moment of “crisis”, silence treatment, tears and confusion, they emerge more strong and together than ever.
Their romance is adorable, I loved how they first feared to have lost one other, until they decided to finally talk and admit their own feelings. It was so beautiful, moving and satisfying and I loved how they were supported right away by Jon and Angel.
The romance is amazing, it made my heart sings and I love Zach and Ruben so much, I was squealing and swooning all the time, they are adorable together and I loved the way the author talked about their relationship, how it grew in something so beautiful and powerful, how they love, support and help one other, facing the world, the parents’, the management together.

Through If this gets out and through Zach’s and Ruben’s romance, the authors talk about the awful pressure placed on artists, queer above all, within the entertainment industry, the invasion of privacy, the exhausting working conditions, the abuse of power, the closeting, documented by many other real artists in the world. If this gets out explores this pressure, how someone can lose sense of oneself when forced to play a role they never choose, how they are abused and controlled by people in power and, also, in Ruben’s case, how the pressure and abuse can come from one’s family too.

It was clear in every member of Saturday how they were forced by the management to be four different heartbreakers in front of the camera, to play a specific role, even though they were very different from it, how Jon was forced to dress and act agains his own feelings and morality, how Angel was struggling to escape the pressure and control through substances, how being forced to be closeted for so many years weighed down on Ruben, how Zach, who discovers his own sexuality, was separated by his best friend and love.

If this gets out is a book about love and friendships, about fighting against abuse of power, control and bindings, about fighting to be oneself and not to caged anymore by pressure and people.
I loved everything in this book. The romance is to die for, Ruben and Zach are the cutest boyfriends ever, Angel and Jon are amazing characters and the story is amazing, full of cute and funny moments, flirting, jokes, adorable, while tackling important issues and problems.

I definitely recommend this book to those who love queer love and the power of love and friendship.

https://www.amazon.com/gp/product/1250805805/ref=x_gr_w_bb_sin?ie=UTF8&tag=x_gr_w_bb_sin-20&linkCode=as2&camp=1789&creative=9325&creativeASIN=1250805805&SubscriptionId=1MGPYB6YW3HWK55XCGG2

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Le guerriere dal sangue d’oro di Namina Forna- Review Party

Salve e benvenut* alla mia tappa del review party dedicato a “Le guerriere dal sangue d’oro” di Namina Forna. Un grazie enorme ad Ambra per l’evento e le grafiche e alla casa editrice per la copia in anteprima. Le mie opinioni non sono state influenzate in alcun modo.

di Namina Forna (Autore)
Mondadori, 2021

Editore: Mondadori

Collana:Fantastica

Anno edizione:2021

Pagine: 288 p.,

EAN:9788804724766

«È tardo pomeriggio quando arriviamo al tempio. La piazza del villaggio è già gremita: le ragazze, nei loro abiti da cerimonia, si mettono in fila davanti ai gradini del tempio, con i genitori ai lati. Mio padre prende posto accanto a me quando i tamburi iniziano a suonare. Gli jatu marciano solennemente verso i gradini, le loro crudeli maschere da guerra brillano nella luce spenta del pomeriggio. Osservo le mura bianche e spoglie del tempio, il suo tetto rosso. Il rosso è il colore della santità. È il colore del sangue delle ragazze pure che saranno messe alla prova oggi.»

Deka conosce bene l’importanza del rituale della purezza. Sa che da esso dipenderà se potrà o meno diventare membro a tutti gli effetti del suo villaggio ed essere finalmente parte di qualcosa, proprio lei che si è sempre sentita diversa e fuori posto. Ma il giorno della cerimonia, il suo sangue si rivela d’oro, il colore della non purezza. Le conseguenze, Deka lo sa bene, potrebbero essere peggiori della morte. Per questo, quando una misteriosa donna va a trovarla nel luogo in cui è imprigionata e le propone di andarsene dal villaggio per entrare a far parte di un esercito composto da ragazze esattamente come lei, le alaki, non ha dubbi. Pur comprendendo i pericoli che la aspettano, Deka decide di abbandonare la vita che ha sempre conosciuto. Ma già nel viaggio che la conduce alla capitale del regno, e alla più grande battaglia della sua vita, scoprirà presto che la grande città serba molte sorprese. E che niente è davvero come sembra, nemmeno lei.

Deka ha sedici anni eteme il rituale della purezza che determinerà se è pura o meno, se potrà far parte del suo villaggio o sarà ostracizzata come sua madre. Quando il suo sangue si rivela dorato e non rosso la sua vita viene stravolta. Da quel momento Deka viene torturata e uccisa più volte, incapace di morire, un giorno una sconosciuta le offre una scelta: restare nel suo villaggio e continuare a morire o unirsi a un esercito di donne come lei, per difendere l’imperatore da una terribile minaccia. Deka è, infatti, un’alaki e non solo è più forte dei comuni esseri umani, ma possiede anche particolari capacità. E Deka sembra essere la più potente e particolare di tutte le alaki. La giovane decide di abbandonare tutto ciò che ha sempre conosciuto, apprendendo, sia durante il viaggio verso la capitale che durante il suo addestramento, bugie e verità su ciò che ha sempre creduto vero, imparando a combattere, a credere in se stessa e nelle sue capacità ed ad accettarsi.

“Le guerriere dal sangue d’oro” è uno dei migliori libri che abbia letto negli ultimi anni. Si tratta di un fantasy femminista con una brillante e forte protagonista, alla quale è stato inculcato, per tutta la sua vita, in che modo le donne debbano o meno comportarsi, cosa possano fare, in che modo debbano vestirsi e via discorrendo. Seguendo “Le saggezze infinite”, un libro sacro del suo villaggio, le donne devono essere remissive e servili e non possono fare nulla che non le prepari ad avere una vita matrimoniale. A loro è vietato cavalcare, correre, bere, alzare la voce, andare a scuola o muoversi senza un accompagnatore. Non vengono viste come esseri umani indipendenti, ma solo inferiori agli uomini. E’ in questo contesto e seguendo questa mentalità che Deka ha sempre vissuto, sotto rigide regoli patriarcali e imposizioni, rassegnata alla loro idea di donna, terrorizzata di essere considerata impura, non naturale. Quando scopre di essere un’alaki tutto cambia, le si apre un mondo completamente nuovo dinanzi, spingendola non solo a smantellare la sua fede e le sue convinzioni, le idee sulla donna in sé, ma anche a imparare nuove cose.

Il libro segue brillantemente la sua crescita personale, il suo mettere in dubbio ciò che riteneva fosse la realtà, il suo trovare il proprio posto nel mondo e crescere più forte e sicura di sé e il lettore segue Deka nel suo sviluppo, nello scoprire segreti e realtà, abilità e nuovi amici.

Ho amato il modo in cui l’autrice ha descritto lo sviluppo fisico e psicologico di Deka, perché il lettore è in grado di seguire e comprendere alla perfezione i suoi sentimenti e pensieri, il suo umore. Il lettore, all’inizio, conosce una giovane che è stata plasmata da rigide regole patriarcali, che teme se stessa e le proprie abilità, terrorizzata di essere vista come un demone. La sua paura, il disgusto, la rabbia e disperazione sono stati d’animo descritti benissimo e il lettore è in grado di sentire sulla propria pelle le sue emozioni e seguire Deka nella sua crescita, vedendola diventare sempre più sicura di sé, fare amicizia e riporre la sua fede in sé e nei suoi compagni, diventando in grado di combattere, per difendere se stessa e la sua nuova famiglia.

Non solo nel villaggio di Deka, ma all’interno del suo paese, le donne sono considerate come inferiori, oppresse e abusate. Leggere il modo in cui i personaggi femminili di questo libro siano state in grado di superare gli ostacoli, diventando più forti e sicure è stato commovente e incoraggiante. La caratterizzazione è una delle migliori che abbia letto in molto tempo. Oltre a Deka, il cui personaggio è brillante e sfaccettato, ho amato leggere e conoscere i personaggi femminili del libro, come Britta e la sua energia, Belcalis con il suo sarcasmo, Mani Bianche con i suoi segreti. Tutte loro combattono contro una società patriarcale e il suo credo, imposto su tutto il paese dall’imperatore, con i suoi preti e generali.


Ho adorato leggere dell’addestramento, soprattutto perché è dove Deka crescerà di più, scoprendo nuovi amici, trovando una famiglia per sé e delle risposte. Ho apprezzato anche il modo in cui vengono descritte le reclute, gli uruni, costretti a lavorare e a combattere con donne che loro, a causa della società e delle sue idee, considerano inferiori e come si rendono lentamente conto delle bugie che sono state loro inculcate. Keita è, probabilmente, l’unico personaggio maschile che abbia adorato in questo libro e mi è piaciuto leggere del suo passato e di come lui sia maturato. Mi piace molto il suo rapporto con Deka, nonostante possa sembrare un po’ frettoloso il cambiamento di rotta.

“Le guerriere dal sangue d’oro” è ricco di colpi di scena, momenti in cui le verità vengono lentamente svelate e dove miti e leggende ricoprono una parte importantissima per Otera e i suoi abitanti. Si tratta di un libro pieno di personaggi femminili forti, con un’ambientazione evocativa e affascinante. Il mondo che viene descritto è brutale e violento, ci sono molto scene sanguinose, scene di battaglia e popolate da mostri.

Una storia che si focalizza su personaggi femminili forti e brillanti, un attacco alla società patriarcale violenta e oppressiva. Una storia che tratta di amore e amicizia, dell’importanza di credere in se stessi e trovare il proprio posto nel mondo e la propria famiglia, anche se non è quella biologica.

Questo fantasy è straordinario e lo consiglio a tutt* coloro che desiderano essere catturati da personaggi complessi e sfaccettati, colpi di scena continui e un’ambientazione intrigante ed evocativa.
Non vedo l’ora di leggere il seguito!

P.S. Mi sfugge ancora il senso di aver cambiato il nome e la copertina, perché preferisco nettamente gli originali!

Ecco a voi il calendario!

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Lei che divenne il sole di Shelley Parker-Chan- Review party

Salve e benvenut* alla mia tappa dedicata a “Lei che divenne il sole” di Shelley Parker-Chan. Un grazie enorme a Valeria che ha organizzato l’evento e alla casa editrice per la copia in anteprima. Le mie opinioni non sono state in alcun modo influenzate.

Disponibile su:    

Collana: Fantastica

408 pagine

Prezzo: € 20,00

ISBN: 9788804746072

Una piana polverosa, un villaggio tormentato dalla siccità, un indovino. È così che due bambini apprendono il loro fato: per il maschio si prepara un futuro di eccellenza; per la femmina, nulla.
Ma nella Cina del 1345, che soggiace irrequieta al gioco della dominazione mongola, l’unica “eccellenza” che i contadini possono immaginare è negli antichi racconti e il vecchio Zhu non sa proprio come suo figlio, Chongba, potrà avere successo. Viceversa, la sorte della figlia, per quanto intelligente e capace, non stupisce nessuno.
Quando un’incursione di banditi devasta la loro casa e li rende orfani, però, è Chongba che si arrende alla disperazione e muore. La sorella decide invece di combattere contro il suo destino: assume l’identità del fratello e inizia il suo viaggio, in una terra in cui si è accesa la fiamma della rivolta. Riuscirà a sfuggire a ciò che è scritto nelle stelle? Potrà rivendicare per sé la grandezza promessa al fratello e sollevarsi oltre i suoi stessi sogni?
In questo acclamato fantasy storico Shelley Parker-Chan riscrive la vicenda di Zhu Yuanzhang, il contadino ribelle che nella Cina del XIV secolo cacciò i mongoli, unificò il Paese e divenne il primo imperatore della gloriosa dinastia Ming.

“Il Cielo non vuole il mio fallimento.”

Se mi conoscete online o nella vita “reale”, sapete quanto abbia adorato questo libro e sono molto contenta che sia stato tradotto e portato in Italia, perché merita davvero di essere amato e apprezzato da più persone possibile. Di solito non leggo libri storici, non mi capita molto spesso, ma sono stata subito attirata da questo libro in quanto queer retelling e non me ne sono affatto pentita.

In un villaggio tormentato dalla siccità un indovino predice due destini: a due fratelli uno di eccellenza al bambino e un destino di nullità alla bambina, cosa che non stupisce nessuno. Eppure dopo un attacco di banditi che li rende orfani è il ragazzo che si lascia morire e la bambina, determinata a non scomparire e a non soccombere al destino predetto decide di rubare la sua identità ed entrare nel monastero come novizio, iniziando una nuova vita come Zhu Chongba. Spinta da una forza e determinazione incredibile, Zhu farà qualunque cosa in suo potere, non importa quanto crudele o impossibile, per nascondersi dal proprio destino e raggiungere la grandezza. Quando il monastero, che era diventato il suo rifugio, viene attaccato e distrutto perché si era rifiutato di supportare la ribellione contro i Mongoli, Zhu decide di continuare a lottare per raggiungere e ottenere l’eccellenza.

“Lei che divenne il sole” è un brillante retelling al femminile dell’ascesa di Zhu Yuanzhang, il contadino ribelle che nella Cina del XIV divenne il primo imperatore della gloriosa dinastia Ming. La storia è intrigante, la caratterizzazione è assolutamente perfetta e, come scritto in precedenza, nonostante i libri storici non siano il mio genere prediletto, questo mi ha catturato sin dall’inizio.

La protagonista principale è Zhu Chongba e il suo ardente desiderio di sopravvivere, di importare e diventare qualcuno di grande. Testarda, intelligente, forte, la sua determinazione è l’aspetto che più ho amato di lei. La sua ferocia e intelletto, i suoi costanti piani sono caratteristiche mi hanno fatto innamorare del suo personaggio, poiché è molto realistica, brillante e brutale. Soprattutto nel mondo in cui è costretta a vivere, all’interno del quale le donne sono spesso ignorate e sottovalutate, Zhu Chongba comprende quanto sia necessario nascondere la sua vera identità, assumendo quella del fratello deceduto. La protagonista è disposta a tutto, anche a uccidere, ferire e tradire, pur di ottenere ciò che desidera.

Ouyang è un altro personaggio estremamente interessante e brillante, il generale eunuco che è destinato a incontrare e scontrarsi con Zhu Chongba ancora e ancora nel corso del libro. Rappresentano due facce della stessa moneta, entrambi oppressi dai loro passati, entrambi determinati a raggiungere e compiere il loro destino, nonostante sarà doloroso sia per loro che per chi li circonda. Ouyang è un personaggio intenso e geniale, complesso e sfaccettato nelle sue bugie e segreti, nei suoi affetti e devozioni, nel suo dolore e nella vergogna che prova e ho adorato il suo personaggio immediatamente.

La storia è principalmente raccontata dal punto di vista di Zhu Chongba e Ouyang, ma sono presenti anche i punti di vista di Lord Esen e Ma, che contribuiscono a rendere la trama ancora più intricata e meravigliosa e, soprattutto, questo alternarsi non stanca il lettore, ma lo incuriosisce ancora di più.

L’ambientazione è molto evocativa, mescolando aspetti fantastici e storici, lo stile di scrittura è coinvolgente così come il ritmo che alterna scene di battaglia con intrighi, momenti teneri con scene brutali, piani e complotti. Leggere questo libro è stato molto interessante e ho apprezzato moltissimo sia la caratterizzazione dei personaggi che il loro sviluppo, soprattutto quello di Zhu Chongba, che ho amato nella sua ferocia e testardaggine. Ho amato, inoltre, come l’autrice abbia esplorato la questione del genere e dell’orientamento sessuale sia in Zhu Chongba che Ouyang, come abbia sviluppato Ouyang e quanto quest’ultimo si senta intrappolato nel proprio corpo e situazione e come Zhu Chongba s’interroghi su se stessa, il proprio corpo e sulla propria identità. Entrambi i personaggi sono stati messi, da altri e da scelte altrui, lungo le strade dei loro destini, che sono costretti e spinti a compiere, non importa il costo.

Accade raramente che io sia tanto affascinata e stregata da un libro e “Lei che divenne il sole” è diventato uno dei migliori libri che abbia letto quest’anno. Sono stata catturata dall’ambientazione, nella Cina antica e attirata da una caratterizzazione intensa e ben scritta, travolta dalle scelte e complotti dei personaggi, dalle loro perdite e conquiste, dai loro amori e destini. Una storia coinvolgente e dolorosa, che ho amato profondamente e che assolutamente consiglio a tutti.

Date un’occhiata alle note per contestualizzare meglio la storia e, se potete, recuperatelo anche in lingua inglese, perché non ve ne pentirete affatto!

Eccovi il calendario!

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Darius, va tutto bene (forse) di Adib Khorram- Review Party

Buonsalve e benvenut* alla mia tappa del review party dedicato a “Darius, va tutto bene (forse) di Adib Khorram. Un grazie a Franci Karou per aver organizzato l’evento e alla casa editrice Rizzoli per la copia in anteprima. Le mie opinioni non sono state in alcun modo influenzate.

di Adib Khorram (Autore) 
 Paolo Maria Bonora (Traduttore)
Rizzoli, 2021
Copertina di: Darius, va tutto bene (forse)

ACQUISTAIL LIBRO

Acquisto il libro presso mondadori
Acquisto il libro presso amazon
Acquisto il libro presso ibs
Acquisto il libro presso feltrinelli
Acquisto il libro presso rizzoli
Darius Kellner ha sedici anni, vive a Portland ed è mezzo persiano da parte di madre, ma sa più il klingon di Star Trek che il farsi, e conosce meglio le usanze degli Hobbit che quelle persiane. Ora, il suo primo viaggio in Iran sta per rivoluzionargli la vita.
Darius non è esattamente quello che si dice un ragazzo popolare a scuola: farsi accettare per quello che è non è mai stato semplice ed è convinto che in Iran sarà lo stesso. Ma quando abbraccia per la prima volta la nonna e incontra Sohrab, il ragazzo della porta accanto, tutto cambia. I due cominciano a trascorrere insieme le giornate giocando a calcio, mangiando faludeh e parlando per ore su un tetto, il loro posto segreto con vista sulla città di Yazd. Sohrab e la sua famiglia persiana lo chiamano Dariush, e lui non si è mai sentito se stesso come in quel momento: per la prima volta nella vita sente che forse, forse, le cose dopotutto potrebbero davvero andare bene per lui…

TW: bullismo, razzismo, depressione, riferimenti al suicidio

“C’è un detto persiano. Tradotto diventa “il tuo posto era vuoto”. Lo diciamo quando ci manca qualcuno.” Ho tirato su col naso. “Il tuo posto era vuoto, prima. Ma questa è la tua famiglia. Questo è il tuo posto.”

La vita di Darius non è semplice. Ha difficoltà a farsi accettare a scuola, viene bullizzato, soffre di depressione, non ha un buon rapporto con suo padre e, pur essendo metà persiano per parte di madre, conosce più il Klingon che il farsi, più il mondo degli Hobbit che le usanze persiane. Quando si scopre che suo nonno è malato e bisogna andare a trovarlo in Iran, Darius è convinto che sarà altrettanto difficile, se non di più, sentirsi integrato lì. Appena arrivato, però, l’incontro dal vivo, dopo anni di videochiamate, con i nonni e la conoscenza di Sohrab, il loro vicino di casa, stravolge la sua vita. Tra partite di calcio, usanze persiane, visite archeologiche e chiacchierate, Darius inizia a confrontarsi con se stesso, le sue difficoltà e desideri, riuscendo, forse, a trovare finalmente il suo posto.

“Darius, va tutto bene (forse)” è un intenso e incantevole libro sull’amicizia e la famiglia, sui legami interpersonali nella loro complessità e sfaccettature. Un libro meraviglioso, che mi ha colpita profondamente. Devo ammettere, però, che non mi ha coinvolta sin dall’inizio, anche se ho finito per amarlo nel suo complesso. Si tratta di un libro che non ha una trama molto dinamica, non ci sono molti eventi o colpi di scena, ma è una storia intima e introspettiva, spesso con ripetizioni, soprattutto per sottolineare quando Darius si senta inadeguato. Darius non conosce il farsi, ma sa tutto (o quasi) sul thè, Darius non conosce le usanze persiane, ma è esperto di quelle degli Hobbit. Questo suo sentirsi inadeguato viene sottolineato, pur involontariamente, dal conflitto con il padre, dal confronto con la sorella Laleh, dall’arrivo in Iran e l’incontro con la sua famiglia persiana. In quel contesto Darius troverà, finalmente, il suo posto, incontrando quello che diventerà il suo migliore amico, lasciandosi coinvolgere nelle usanze persiane, apprendendone di nuove e mettendo da parte ansie e preoccupazioni per godere della presenza della sua famiglia, consentendo al viaggio di cambiargli la vita.

La storia, come scritto in precedenza, non è molto dinamica, ma si focalizza sulla caratterizzazione e crescita dei personaggi, soprattutto di Darius. Il lettore ha modo, dato che la storia è raccontata da lui, di conoscerlo a fondo, con le sue ansie e paure, desideri e sogni. Il punto di vista di Darius è coinvolgente e spiritoso. S’interroga sulle cose, spiega e approfondisce la conoscenza del lettore sul cibo persiano, le usanze, la religione, i luoghi importanti sia alla comunità che alla famiglia di Darius. Tramite il suo punto di vista è palese la sua sofferenza e inadeguatezza, ma anche la sua curiosità e gioia nell’aver trovato un amico, nel poter finalmente conoscere i suoi nonni, zii e cugini.

Ho amato l’immersione nel mondo persiano con le usanze, tradizioni, cibo e visite culturali ed è stato molto interessante conoscere nuove cose, tramite il punto di vista di Darius e seguirlo nel suo viaggio, sia psicologico che fisico, entrando in contatto sia con la sua storia personale che con la sua cultura. Ho adorato, inoltre, i mille riferimenti al Signore degli Anelli, gli Hobbit e a Star Trek. E soprattutto al thè.

All’interno della storia sono importanti i rapporti interpersonali e ho molto apprezzato quello tra Darius e Sohrab e quello tra Darius e suo padre Stephen. L’amicizia tra Darius e Sohrab è narrata splendidamente, un rapporto semplice e istintivo in cui i due ragazzi riescono a connettere immediatamente, diventando subito amici e migliori amici, comprendendosi senza parlare, ascoltandosi, facendo riferimento l’uno all’altro, supportandosi e aiutandosi.

“Io ho capito che con Sohrab saremmo stati amici per la vita. A volte certe cose si sanno e basta.”

Ho adorato leggere della loro amicizia, mi ha scaldato il cuore, soprattutto perché il loro rapporto è ricco di sfumature e i due ragazzi si comprendono, affrontando tematiche importanti e complesse, sfogandosi e diventando importanti l’uno per l’altro sin dall’inizio.

Importante e fonte di tristezza e inadeguatezza per Darius è il suo rapporto con il padre. Si comprende il distacco nei suoi confronti anche dal punto di vista linguistico, dato che si riferisce a lui con nome e cognome, soffrendo perché sente di averlo deluso, si sente inadeguato, sia per la mancanza di amici a Portland, che per il suo peso e non riesce a connettere con lui come faceva un tempo. Il loro rapporto è molto complesso e ho molto apprezzato il modo in cui l’autore sia riuscito a farlo sviluppare e crescere, spingendo Darius e suo padre a confrontarsi e a parlare e a riavvicinarsi.

“Il suicidio non è l’unico modo in cui si può perdere qualcuno a causa della depressione.”

Con delicatezza e attenzione l’autore affronta tematiche importanti all’interno della storia. Non solo il bullismo e il razzismo, di cui è vittima Darius, le discriminazioni razziali di cui è vittima Sohrab, ma anche la depressione, i pensieri negativi e suicidi. Sin dall’inizio, infatti, il lettore viene a conoscenza del fatto che sia Darius che suo padre soffrono di depressione e ho molto apprezzato il modo in cui l’autore affronta la tematica, l’importanza della medicina e della terapia, del supporto familiare e del parlare (nonostante ci siano dei preconcetti da parte della famiglia iraniana di Darius, ma sono solo accennati in poche righe). Importante è il modo in cui l’autore, tramite la storia di Darius, abbia voluto sottolineare quanto la depressione possa influenzare la vita di chi ne soffre e di chi è loro accanto, ma non governarla e, per motivi personali, trovo bellissimo questo messaggio.

“Darius, va tutto bene (forse)” è un romanzo bellissimo, intimo e introspettivo, con un protagonista forte e complesso, la cui crescita e caratterizzazione ho adorato. Una storia che tratta di amicizia e famiglia, cultura e tradizioni, thè e riferimenti agli Hobbit e a Stark Trek. Una storia che è un abbraccio, che fa capire quanto, nonostante tutto sembri nero, le cose possono e andranno per il verso giusto.

Ecco il calendario con le altre recensioni!

Pubblicato in: Senza categoria

Io, i miei mostri e me di Caterina Costa- Cheit.Jpg Review Party

Salve e benvenut* alla mia tappa del review party di Io, I miei mostri e me di Caterina Costa, in arte Cheit.Jpg. Un grazie enorme alla casa editrice Beccogiallo per questa magnifica occasione e per la copia in anteprima e a Valeria per aver organizzato l’evento! Le mie opinioni non sono state influenzate in alcun modo.

di Caterina Costa (Autore)
Becco Giallo, 2021
Caratteristiche: 112 pp. col., brossura
ISBN: 9788833141831

Il primo libro della giovanissima Caterina Costa, instagrammer, autrice di webcomics, conosciuta tra i suoi tanti fans con lo pseudonimo di CHEIT. Un webcomics che racconta senza filtri le ansie, le paure, le inquietudini, le sofferenze dei ventenni di oggi. Un’autrice dall’enorme seguito sui social media.

“Io, i miei mostri e me” è una raccolta di fumetti dalle svariate tematiche e trattano dell’amore, dell’amicizia, famiglia, depressione, dolore, solitudine. Con delicatezza e intensità l’autrice e artista riesce a rappresentare alla perfezione emozioni che, chi più chi meno, provano tutt*, facendoci sentire meno sol*, più compres* e consentendo, a chi non ha provato quelle stesse emozioni, di comprenderle almeno in parte. Un lavoro profondo e vulnerabile, dato che l’autrice si espone, si mette a nudo, esprimendo le sue paure e titubanze, le delusioni e sofferenze, la solitudine e i pensieri negativi, oltre a raccontare momenti di gioia e complicità, di soddisfazione e riscatto.

Come si nota leggendo questo delizioso libro, alcune opere hanno un titolo, dato che l’autrice ha partecipato alla sfida dell’inktober, che consiste nel creare un’opera al giorno partendo da una parola proposta. Le tavole che compongono questo libro presentano e alternano colori caldi e freddi, come l’arancione, il giallo, il rosso che contrastano nettamente con il blu, il nero, il grigio. I colori sono importanti perché oltre a rappresentare quel momento o l’altro aiutano anche a comprendere il cambiamento all’interno dei personaggi. Lo si può notare dalla prima vignetta quando il personaggio presenta il colore blu della malinconia che, nel corso dell’opera, sfuma fino a diventare rosa, ad assumere un colore più caldo appena il personaggio si sente a suo agio in compagnia di altre persone. O, nel caso contrario, in una vignetta quasi a metà del libro che raffigura un personaggio sorridente, i cui colori caldi e avvolgenti che, una volta in balia dei brutti pensieri (rappresentati fisicamente da una figura scura e minacciosa) iniziano a sfumare e a diventare sempre più freddi e bianchi.

Ogni opera, tavola è composta da quattro parti e in queste quattro vignette, l’artista racconta una storia, che può essere una delusione amorosa, un ricordo doloroso, un incontro spiacevole, un momento di debolezza, le difficoltà della vita di tutti giorni, ma anche momenti di serenità e allegria in compagnia degli amici, della famiglia, dell’amore. Riesce, a mio parere, ogni volta a colpire nel segno, esprimendo alla perfezione, senza giri di parole o altro, l’emozione di quella vicenda, trasmettendo sofferenza, sollievo, rabbia, delusione, felicità, ottimismo e ogni possibile sfumatura dell’essere umano.

Spiccano, o almeno hanno colpito me in particolar modo, le vignette che trattano della solitudine e della depressione e l’artista ha rappresentato in maniera estremamente realistica la difficoltà di essere in pubblico, il bisogno di prendersi una pausa, la pressione dovuta all’ansia, la presenza fastidiosa e insidiosa della depressione e dei pensieri negativi, rappresentati da figure nere o da un groviglio scuro che avvolge i personaggi.

Con delicatezza e sensibilità l’artista rappresenta l’immensa gamma delle emozioni che riguardano tutt* noi, le difficoltà nell’amicizia, le delusioni amorose, i momenti di solitudine e depressione, i pensieri negativi, ma anche i momenti di felicità, l’affetto degli amici, il sostegno della famiglia. Opera dopo opera rappresenta l’essere umano nella sua complessità, con i suoi alti e bassi. Si tratta di una raccolta imperdibile, dai disegni intensi e ben definiti e dalle parole, pur essendocene poche, che colpiscono nel segno ogni volta. Assolutamente da divorare tutto di un fiato, soprattutto perché è una raccolta che spinge chi la legge a sentirsi meno sol*, più compres* e quasi avvolt* in un abbraccio. Meravigliosa.

Five stars rating vector icon

Date inoltre un’occhiata alle altre recensioni!

Pubblicato in: Senza categoria

Le vite dei santi. Grishaverse di Leigh Bardugo- Review party

Salve e benvenut* alla mia tappa de Le vite dei santi di Leigh Bardugo, evento organizzato da Ambra che ringrazio moltissimo e che ha anche creato le stupende grafiche. Un grazie alla casa editrice per la copia in anteprima. Le mie opinioni non sono state in alcun modo influenzate.

Leigh Bardugo
pubblicato da Mondadori
Traduttore R. Verde


Direttamente dalle mani di Alina Starkov alle vostre, la riproduzione fedele della Istorii Sankt’ya , per permettervi di entrare nelle pieghe più profonde dell’amatissimo universo creato da Leigh Bardugo. Una raccolta di storie che raccontano le vite, i martirii e i miracoli dei Santi a voi più familiari, come Sankta Lizabeta delle Rose o Sankt Ilya in Catene, ma anche le vicende più strane e meno conosciute, come quelle di Sankta Ursula, Sankta Maradi e del Santo senza Stelle. Una collezione resa ancora più preziosa dalle tavole a colori che accompagnano ogni storia.

Se conoscete anche solo un po’ il Grishaverse, saprete sicuramente l’importanza che ha questo favoloso libriccino all’interno della storia, che non solo ha aiutato Alina nella sua ricerca, ma che ha arricchito e fatto da sfondo alle sue avventure. Poterlo finalmente leggere e ammirare è magnifico.

Si tratta di una raccolta di miracoli e martirii, illustrata da Daniel J. Zollingere, i cui disegni sono stupendi e molto realistici, dai colori sgargianti e intensi. Un libriccino che racchiude miti e leggende, sui santi e le loro vicende, che riguardano geograficamente non solo il territorio di Ravka, ma anche Fjerda, Kerch, Shu Han e Novji Zem. Il lettore è a conoscenza di alcuni racconti, o meglio, di alcune parti di essi, come quello di Alina, o del Santo Senza Stelle, di Grigori e Lizabeta, ma questo libriccino approfondisce i miti e le leggende accennate, fornendo ulteriori storie, impossibili da dimenticare.

Ho amato potermi immergere nella lettura e farmi trasportare dai racconti da un paese all’altro, ammirando e venendo a conoscenza di miracoli, guerre, magie e sacrifici, demoni e patroni vari. L’atmosfera è fiabesca, evocativa e intrigante. La raccolta tratta storie di donne e uomini comuni, tutti contraddistinti dalla fede, ingegno e coraggio, le cui gesta hanno portato poi, in parecchi casi, alla santificazione. Personaggi che hanno lottato per proteggere il proprio popolo e famiglia, per consigliare re, per salvare se stessi, per sconfiggere il nemico e via discorrendo.

All’interno della raccolta, spiccano storie di donne che rifiutando di sottostare alle convenzioni, come l’ingegnosa Vasilka, donne coraggiose come Lizabeta e la brillante Margaretha, come Maradi, che protegge amori impossibili, o Marya che salva la propria famiglia e il proprio popolo. Incontriamo leggende che rimandano a Babbo Natale, come Sankt Nikolai, storie di uomini che amano e proteggono gli animali, o che preferiscono lo studio a ciò che la famiglia o il mondo si aspetta da loro.

Si tratta di racconti che mi hanno molto affascinata, non solo perché spaziano geograficamente dappertutto, ma anche per la loro diversità, anche se tutti sono accomunati dalla fine terribile dell’eroe o dell’eroina, chi accusato di stregoneria, chi non creduto, chi sacrificato per salvare gli altri. Sono storie d’insegnamento, di fede e coraggio. Le illustrazioni accompagnano sapientemente le brevi storie che compongono questa meravigliosa raccolta e non posso che consigliarvela, perché è stata davvero un’avventura emozionante potersi immergere in questo mondo. Un mondo ricco di magia, tradimenti, lealtà, mostri e personaggi indimenticabili.

Five stars rating vector icon