Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Cast in firelight by Dana Swift- Book Tour by TBR and Beyond Tours

Hello and Welcome to my stop for the Cast in firelight Book Tour, organized by TBR and beyond Tours. Thank you so much for this opportunity!

Genre: Young Adult Fantasy
Publishing date: January 19th, 2021

Goodreads Amazon Book Depository Barnes & Noble | Indigo | IndieBound

The first book in an epic, heart-pounding fantasy duology about two royal heirs betrothed to be married, but whose loyalties are torn, and a ruthless enemy who threatens their world, perfect for fans of Sabaa Tahir, Hafsah Faizal, and Renée Ahdieh.

Adraa is the royal heir of Belwar, a talented witch on the cusp of taking her royal ceremony test, and a girl who just wants to prove her worth to her people.

Jatin is the royal heir to Naupure, a competitive wizard who’s mastered all nine colors of magic, and a boy anxious to return home for the first time since he was a child.

Together, their arranged marriage will unite two of Wickery’s most powerful kingdoms. But after years of rivalry from afar, Adraa and Jatin only agree on one thing: their reunion will be anything but sweet.

Only, destiny has other plans and with the criminal underbelly of Belwar suddenly making a move for control, their paths cross…and neither realizes who the other is, adopting separate secret identities instead.

Between dodging deathly spells and keeping their true selves hidden, the pair must learn to put their trust in the other if either is to uncover the real threat. Now Wickery’s fate is in the hands of rivals..? Fiancées..? Partners..? Whatever they are, it’s complicated and bound for greatness or destruction.

Thank you so much, Random House Children’s, Delacorte Press and NetGalley, for the chance to read and review of my most anticipated books in 2021!

Adraa is the royal heir of Belwar, she’s a talented witch and she will take her royal cerimony test before all the nine Gods to become a rani. She’s engaged, since she was a child, to Jatin, the royal heir to Naupure, a competitive wizard, able to use all nine colors of magic.
Their relationship isn’t the best. They lived separated, since Jatin was sent abroad to study and Adraa tutored at home, their relationship is made of taunting and competitions and neither of them is enthusiastic to see one other, when, at the start of the book, Jatin comes home.
But while investigating the criminal underground, their paths cross and neither of them realize who the other is, since they are using secret identities. Between magic fights, deadly spells, both Adraa and Jatin keep their real identities secret, but their relationship become more and more intense and important and they will have to trust one other to uncover their truths and a dangerous threat, ready to destroy everything they care for.

Cast in firelight is the first book of a intense and heart-pounding fantasy duology, about two royal heirs betrothed to be married and a ruthless enemy, willing to use and destroy their world.
This book is unbelievably amazing and the worldbuilding is wonderfully crafted. Set in a fantasy world, where people believe in nine gods and some are blessed by their powers, so they can use healing magic, or fighting magic, fire, water, ice and so on. They can cast in nine different colors, each connected to a type of magic and a deity. Jatin can use all kind of magic and Adraa is training to be a worthy leader for her country, by mastering all nine types.
The political situation is pretty complex, since each country has its own beliefs about gods and goddesses, their worth and the people’s worth, causing discriminations and problems. In Belwar and Naupure our main characters have to fight against a dangerous drug, lies and subterfuges and more manipulations, too.

The story is told by Adraa’s and Jatin’s POVs and they are amazing main characters, complex and well written. Adraa is a brilliant young woman, a powerful witch determined to prove her worth to her family and country (and to herself). She’s strong-willed and passionate about the things and people she loves and she’s anxious about her ceremony and to prove herself.
Jatin is a strong wizard, seen by Adraa as an arrogant and cold young man, the truth is much more complex and he’s anxious to return to home after being away for so many years to study, uncertain about his relationship with his own father and confused about that with Adraa. Their relationship is complex, since it was made of taunts and competitions, fighting to surpass one other while they were growing up. Now that they are both adults everything is different and it won’t be easy to get past their first assumptions about one other.

I really loved the way they get to know one other, throught their secret identities, investigating the criminal underworld, fighting with deadly spells, risking their own lives, building their trust. The criminal underground is really intriguing, with its complexity, the magic fights, drugs and mysteries. Wonderful. A mystery woven into a romance and a fantasy novel.

Cast in firelight is full of plot twists, well written main and side characters. I absolutely loved Kalyan, Riya and Prisha and Maharaja Naupure, whose relationship with Adraa is build on trust and affection and the plot touches important themes like discrimination, addiction, drugs, war, murder, violence and lies.

It’s not a “simple” story about two heir, forced into an arranged marriage, but a story about fighting to discover the truth, protect their countries, prove his and her own worth, trust, family and friendship.
I loved reading Cast in firelight and I devoured it in less than a day! The story is intriguing, the characters’ interactions are brilliant and funny and the way they slowly get to know one other is fantastic.

I recommend this book to those who love romance, mystery, wonderfully crafted worldbuilding, new kinds of magic, love, friendship and family.

“Society tell us that as women we need a man to be something. We don’t.”

“Yeah, the sky only turns orange when it’s at peace.”

“Maybe we would be great together- pushing each other to be better in magic and life. Or…we might argue all the time about everything. I can’t tell, and that’s what petrifies me.”

“You’ll be telling me what to do. You love that, Smoke.”

“We are a team. The best team.”

Dana Swift started making up fantasy worlds when she was eleven years old and hasn’t stopped since. She graduated from the University of Texas at Austin, where she earned degrees in English and Advertising. While in college, Dana competed as a saber fencer and learned a thing or two about fighting, parrying and how it feels to fall in love with your sparring partner. She currently lives with said husband in Miami, Florida. 

Website Twitter Instagram Facebook Goodreads

US only

One person will win a finished copy of Cast in Firelight. The giveaway ends on January 25th.

Direct Link: http://www.rafflecopter.com/rafl/display/fc15a59516/?

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

La stirpe della gru di Joan He- Review Party

Salve a tutti e benvenuti alla mia tappa del review party dedicato a “La stirpe della gru” di Joan He. Un enorme grazie a Erika per aver organizzato l’evento e alla Mondadori per questa copia gratuita in anteprima. Le mie opinioni non sono state in alcun modo influenzate.

 
Collana: Fantastica
ISBN: 9788804728801
456 pagine
Prezzo: € 22,00
Cartaceo
In vendita dal 19 gennaio 2021

I TIRANNI ESTIRPANO I CUORI.

I GOVERNANTI SACRIFICANO IL PROPRIO.

LA PRINCIPESSA HESINA DI YAN ha sempre desiderato sfuggire alle responsabilità della corona, per vivere nell’anonimato. Ma quando il suo amato padre muore, viene gettata nell’arena dei giochi di potere e diventa all’improvviso sovrana di un regno incredibilmente instabile. Per di più, Hesina è convinta che il re sia stato ucciso, e che l’omicida sia qualcuno che le è molto vicino.

La corte è piena di ipocriti e delatori che non vedono l’ora di approfittare della morte del monarca per accrescere la propria influenza: ciascuno di loro potrebbe essere l’assassino.

I suoi consiglieri vorrebbero che Hesina accusasse il regno confinante di Kendi’a, il cui governante ha già radunato le truppe per la guerra. Determinata invece a trovare il vero colpevole e con qualche dubbio sulla fedeltà della sua stessa famiglia, Hesina compie un gesto disperato: si rivolge a un’indovina, il Giaggiolo argenteo. Un atto di tradimento, punibile con la morte, poiché la magia nel regno di Yan è da secoli vietata dalla legge.

Seguendo le parole della veggente, Hesina chiede aiuto ad Akira, un delinquente patentato dalla mente brillante e acuta, un detenuto che nasconde più di un segreto.

Il futuro del regno di Yan è in pericolo: riuscirà Hesina ad avere giustizia per suo padre? O il prezzo da pagare sarà troppo alto?

Ambientato in un mondo d’ispirazione cinese, “La stirpe della gru” è uno YA fantasy, un romanzo che mi ha piacevolmente sorpreso e colpito. Non solo presenta un complesso e interessante worldbuilding e una trama che ruota attorno alla ricerca della verità sulla morte del sovrano, ma che si espande includendo intrighi di corte, minacce esterne e interne e tensioni politiche e personaggi molto ben scritti e definiti. Protagonista principale è Hesina, una giovane testarda e determinata, che si ritrova in poco tempo a doversi assumere i compiti di regina, dopo la morte del padre e a voler scoprire la verità su ciò che è successo all’amato genitore. La sua ricerca la condurrà a cercare l’aiuto di un’indovina, a compiere un tradimento, allearsi con un personaggio misterioso e scoprire qualcosa che sconvolgerà tutto.

Con maestria, l’autrice tesse una trama complessa e intricata, ambientandola in una corte piena di menzogne e segreti, alcuni dei quali cambieranno per sempre la vita di Hesina. Mi è piaciuto davvero molto il modo in cui l’autrice inserisce elementi importanti del worldbuilding, come le tensioni con il regno confinante Kendi’a, i Precetti degli Undici, le storie che circondano gli stessi Undici, eroi e leggende nell’immaginario di Yan, ma senza appesantire e rallentare la storia.

Il lettore, capitolo dopo capitolo, viene a conoscenza dei Precetti, degli intrighi di corte, scoprendo, insieme alla protagonista, segreti dopo segreti e seguendola nella sua ricerca per la verità. Hesina è un personaggio che si ritrova, nonostante sia stata cresciuta per questo, a dover gestire il peso di una corona e di un regno infinitamente complesso e restio a cambiare, nelle sue ingiustizie e nei suoi pregiudizi. Combattendo costantemente tra dovere e ciò che sente sia giusto e sbagliato, Hesina prosegue nel suo viaggio di conoscenza, circondata da persone che l’appoggiano e amano e intessendo minacce e contromosse con chi la minaccia e la ostacola.

Interessanti sono le dinamiche familiari presenti all’interno del libro. Intenso è il rapporto che legava Hesina al padre e il libro è costellato da memorie e ricordi e la volontà della giovane di dare giustizia al genitore. Pieno di dolore e risentimento quello che la lega alla madre, scostante e lontana. Il legame che ho apprezzato di più, che spicca all’interno della storia è quello tra Hesina e i suoi fratelli, quello biologico Sanjing e i gemelli adottivi, Caiyan e Lilian. L’autrice descrive alla perfezione i rapporti tra fratelli, tra gelosie e bisticci, risentimenti e ferite, sostegno e affetto.

La caratterizzazione dei personaggi è un altro elemento che ho molto apprezzato. Hesina, nonostante la sua “ingenuità” e i momenti in cui appare vittima degli eventi, è un personaggio risoluto e testardo. Vulnerabile e assolutamente realistica nei suoi dubbi, paure ed errori, si muove in un mondo corrotto e complesso, cercando di fare la scelta giusta o la migliore tra le scelte sbagliate.

Lilian è la sorella caparbia e allegra, Caiyan è il fratello devoto e sempre al suo fianco, Sanjing quello forte e pronto a tutto per la sua famiglia, Akira, il rappresentante/amico misterioso, il cui passato è stata una delle cose che ho amato di più scoprire. Nonostante la sua morte, è la figura del padre di Hesina che “incombe” sempre nella storia e che determina le azioni della figlia, ricordandone i consigli e insegnamenti, i momenti trascorsi insieme e il mistero che lo circonda. Principali e non, tutti i personaggi sono ben caratterizzati, nei loro bisogni, paure, segreti e complessità.

La storia e il passato, vengono sapientemente intrecciati nel presente e ogni capitolo presenta due precetti da parte di Uno e Due degli Undici. Tensioni politiche, schiavitù, torture, morte, ingiustizie, omicidi, il romanzo presenta una realtà ben complessa, piena di pericoli e intrighi. “La stirpe della gru” è pieno di colpi di scena e, anche se ci sono stati degli elementi che possono far intuire al lettore la direzione poi presa, ciò conferma solo la maestria dell’autrice nel seminare indizi e nella sua narrazione. La magia, i misteri, le leggende, tutto è ben sviluppato e il lettore, seguendo Hesina, riesce a comporre i pezzi del puzzle e arrivare all’intrigante conclusione.

Pubblicato in: Book preview

As far as you’ll take me by Phil Stamper – ARC review

US Cover
UK Cover

320 pages

Expected publication: February 9th 2021 by Bloomsbury YA

Hardcover/eBook: Amazon | Barnes & Noble | Bookshop.org
Audiobook: Audible | Libro.fm | Penguin Random House

Categories: Young Adult Fiction – Romance – LGBT

Young Adult Fiction – Social Themes – New Experience

Young Adult Fiction – Coming Of Age

PREORDER CAMPAIGN

As Far As You’ll Take Me

The author of The Gravity of Us crafts another heartfelt coming-of-age story about finding the people who become your home–perfect for fans of Becky Albertalli

Marty arrives in London with nothing but his oboe and some savings from his summer job, but he’s excited to start his new life–where he’s no longer the closeted, shy kid who slips under the radar and is free to explore his sexuality without his parents’ disapproval.

From the outside, Marty’s life looks like a perfect fantasy: in the span of a few weeks, he’s made new friends, he’s getting closer with his first ever boyfriend, and he’s even traveling around Europe. But Marty knows he can’t keep up the facade. He hasn’t spoken to his parents since he arrived, he’s tearing through his meager savings, his homesickness and anxiety are getting worse and worse, and he hasn’t even come close to landing the job of his dreams. Will Marty be able to find a place that feels like home?

Thank you so much, Bloomsbury USA Children’s Books and Bloomsbury YA, for the chance to read and review one of my most anticipated reads of 2021.

TW: anxiety, eating disorder, abusive relationship, underage drinking, forced outing, homophobia

Marty is seventeen, when he decides to leave his own home in Kentucky, where he feels unwelcomed and trapped as a gay young man and to move to London. With his meager savings, his oboe and the support of his cousin Shane, Marty is determined to live his life, not longer closeted, exploring his sexuality, without his parents’ disapproval, making new friends and finding new opportunities.
But even though in a few weeks he’s made new friends, travelled around Europe and, maybe, he’s also gotten his first boyfriend, he hasn’t spoken with his parents in a long time, his anxiety and homesickness are becoming worse and worse and he doesn’t know how to financially support himself, without managing to find a job, his dream job. Will Marty be able to find his own home?

As far as you’ll take me is the kind of book that makes you cry, laugh and clap your hands at the same time. It’s a wonderful story about finding your own home and family, your own people, becoming stronger and more confident, an intense coming-of-age story, with a main character so relatable it’s impossible not to love him.
There are so many things I loved about this book. The writing style is brilliant and it made me feel so connected with Marty, the characterization is so good and the way Phil Stamper wrote the story it felt like I was there with them.

The author dealt skillfully with important themes such anxiety, panic attacks, eating disorder (the beginning of one), abusive relationships and the strength in realizing the truth about them and self-preservating oneself.
With sensivity and care, Phil Stamper talks difficult relationships, between sibling, parents and son, friends and boyfriends, in a very realistic way, with their fights and misunderstanding, but also withthe hope of changing something for the better.
This is the kind of book that, in the end, leaves you drained, but in a very good way.

The story is divided in two, swinging between Marty during this summer in London and a diary assignment he had to do for his school, set in the last summer. Chapters after chapters the reader is able to know what happened last summer, what pushed Marty to lie to this parents and move to London, what gave him the last push and strength and to follow Marty in his time in London, between music, art and new friends.

Marty is an incredible main character and I felt so connected with him, with his anxiety, fears and attacks and his mental health. He’s strong, stubborn and it was amazing reading how much he changed and grew and realized things during this book. I loved seeing him pushing himself, finding new friends, trying new things, being more confident and sure of himself and his talent. I followed him falling, making mistakes, realizing them, growing up and I’m so incredibly proud of him.

The characterization is brilliant. Not only the main character is relatable and so lifelike, but all the characters, main and side ones, are amazingly written and their relationships so true and realistic, with their feelings of envy, jealousy, resentment, love, affection and so on. Exactly what you would find in a group of teenagers.
I really enjoyed reading the parts about music and art and their importance. Above all I loved reading about the relationships and their complexities, like Marty’s bond with Shane, who is a wonderful and supportive cousin, his friendship with Sophie, Dani and the others. Marty is surrounded by great friends, with their own intricacies and problems, tensions, hopes and dreams. I absolutely love Shane and his relationship with Marty, he’s such an amazing character.

The trope of found family is one of my favourite ever. I love the idea of finding your own people and home, a place where you can be accepted and loved, even though your biological family doesn’t get you. I loved the way Marty was able to find his place and people, his home and the courage and strength of cutting away those who were hurting him.. It takes great strength and the way the author wrote this part was heartwrenching and so true.

I was really impressed by this book and I saw myself so much in this story, about abusive friendship, the struggle with anxiety and his lists and being able to function every day and the importance of support, help and healing.

I totally recommend this book to…basically everyone! It’s such a wonderful and intense story, with friendships, love, found family, the courage of being oneself and to find your own home and people. It filled me with so much warmth and joy!

The author was so amazing to create a blogger interview form, so here’s my Q&A!!!!

Interview Answers:

Where did you get the inspiration for As far as you’ll take me?

I took a lot of inspiration from my own life while writing As Far As You’ll Take Me, which is why it’s such a personal story to me. As a queer teen, I always felt like I needed to escape my conservative rural village, and I was able to do that in college, studying music, falling into a group of wonderful and accepting friends who became family. 

But even though I could finally be myself for the first time, I really had to come to terms with my anxiety, I fell in love with the wrong guys, and I struggled with a ton of body image issues. I lived in London for a while, which is what inspired the setting. So, putting all of that together, I was able to fictionalize a lot of my own experiences and bring them into the dazzling environment in London and across various European travels. 

What advices would you give to aspirant writers?

I’d say my main advice is to keep trying. Focus more on the process of writing than on one specific book. The market’s always moving, and things are so subjective. I know every time I write a book, I get the feeling that that is my best work. But as soon as I put my soul into another piece, I realize it’s not true. So keep improving your craft. Keep trying out new stories. Write what comes naturally to you, even write what doesn’t. Try a bit of everything, really.

I received 92 total rejections from agents between two books, and 84 rejections from editors between three books. (And I’ll likely have plenty more rejections in my future!) This industry is not kind to its artists—even the nicest rejections hurt, bad. But I think you grow so much with each rejection and with each new story, that as long as you keep trying, one day it will turn around. Just know that for every supposed “overnight success” there’s usually years of frustration leading up to it that we never hear much about. Know you’re not alone, and stick with your writer friends—they’ll get you through the worst of it!

Could you tell me five random things about you?

Whew, I’m always bad at this, but let’s try: 1) I’m a classical pianist and studied music in college, 2) After I graduated from college, I moved into my friend’s walk-in closet in D.C. while trying to find my first job, 3) I used to have a blue truck named “Rio”—this is a character name in As Far As You’ll Take Me, but there’s no relation other than that I like the name, 4) I don’t collect cassettes, like Cal does in The Gravity of Us, but I do collect a lot of retro stuff: old magazines, retro video game systems, and records. I really got to explore my own feelings about nostalgia while writing that book, and 5) I put Frank’s Red Hot sauce on pretty much everything.

PHIL STAMPER, Bestselling YA Author 
Website – Twitter – Facebook – Instagram


Phil Stamper grew up in a rural village near Dayton, Ohio. While it could be seen as a boring lifestyle to some, he kept himself entertained through playing the piano and writing stories that stretched his imagination. He has a B.A. in Music from the University of Dayton and an M.A. in Publishing with Creative Writing from Kingston University. And, unsurprisingly, a lot of student debt.

When he first left his home state, he landed in Washington, DC with no job prospects, $800 in graduation money, and the promise of a walk-in closet to live in. Not long after—and he’s not totally sure how—he was jumping headfirst into a career in non-profit PR and sleeping in a real bed. He loved writing for a living, even if he was writing press releases and news stories… and hundreds of emails to annoyed journalists. But after a while, the dry writing started to get to him, so he thought he’d finally work on that book he always wanted to write…

Years later, with a new degree and two new cities under his belt, he works in publishing development for a major book publisher in New York City. He lives in Brooklyn with his husband and their dog. That book he always wanted to write never sold, and neither did the second or third. But at the intersection of hard work, talent, and luck, his bestselling debut novel, The Gravity of Us, was first published by Bloomsbury YA in February 2020. His sophomore novel, As Far As You’ll Take Me, comes out February 2021.


Pubblicato in: As Travars-Recensioni

House of El: Shadow Threat by Claudia Gray and illustrated by Eric Zawadzki




∙ YA Reads ∙ YA Winter Reads ∙ Anticipated 2021 Reads ∙ New Series ∙ Syfy/Fantasy Reads
∙ Resisting the Establishment ∙ Rebellion ∙ Star Crossed Lovers ∙ Doomed Romance

In House of El, Gray will explore life on Krypton through the eyes of Zahn and Sera -two teenagers who are different in every way -as they come together to investigate the dangers threatening their planet.

The three-part young adult graphic novel series will be brought to life by illustrator Eric Zawadzki (Heart Attack)) and the first installment will debut January 5, 2021.

Zahn is one of Krypton’s elites: wealthy, privileged, a future leader. Sera is one of Krypton’s soldiers: strong, dedicated, fearless. Their rule-bound society has ordained that their paths should never cross.

But groundquakes are shaking the planet’s surface. Rebellious uprisings are shaking the populace. Krypton’s top scientists–Jor-El and Lara–conduct a secret experiment that is meant to reform their planet from the cellular level up. Zahn and Sera must join forces to investigate the hidden dangers truly threatening Krypton. In the process, they form a bond that will endure past the end of the world…

First of all, thank you for this free book, DC! Thank you, NetGalley! All the opinions are my own.

I really loved reading this graphic novel! Set on Krypton, the story follows two characters, very different from one other. Zahn is a Re, from and élite classs, while Sera is a Ur, a soldier. Both of them are programmed to be and act in a certain way. Their paths shouldn’t cross, but slowly they start to question the truth about their government, about the groundquakes and the lies they are told. Between uprisings, esperiments and rebellion, in a society bound by caste, rules and lies, they will have to find a way to uncover the truth and save everyone.

The worldbuilding is really interesting and fascinating. The idea of this complex and advanced society, with its secrets and lies and people who act like nothing is wrong, who are programmed to follow certain rules and act in a certain way. It’s both creepy and fascinating, to be honest. The story follows both Zahn and Sera, their lives, roles and obligations very different from one other, until some events force them together. Opening their eyes, they will realize they could do something for their home and people.

The story is captivating and really interesting, dealing with themes like government lies, caste system, deaths and sacrifices. The illustrations are really beautiful and I’m in love with the style and colours, the characters are well written and crafted and I can’t wait to read what will happen next.

Here some of this amazing artwork!

Claudia Gray is the New York Times bestselling author of many science fiction and paranormal fantasy books for young adults, including the Defy the Stars series, the Firebird series, the Evernight series, the Spellcaster series, and Fateful. She’s also had a chance to work in a galaxy far, far away as the author of the Star Wars novels Lost Stars, Bloodline, and Leia, Princess of Alderaan. Born a fangirl, she loves obsessing over geeky movies and TV shows, as well as reading and occasionally writing fan fiction; however, she periodically leaves the house to go kayaking, do a little hiking, or travel the world. She will take your Jane Austen trivia challenge any day, anytime. Currently she lives in New Orleans.

Eric Zawadzki grew up in Vancouver, but he’s recently relocated to Calgary. He’s most well-known for the critically aclaimed THE DREGS and ETERNAL. His most recent work in comics is HEART ATTACK, for Image/Skybound comics, which he co-created and illustrated.

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

La repubblica dei ladri di Scott Lynch- Review party

Salve a tutti e benvenuti alla mia tappa del review party dedicato al tero libro della saga dei Bastardi Gentiluomini di Scott Lynch, La repubblica dei ladri! Ancora una volta ringrazio Ginevra e Juls per aver organizzato questo evento, alla signora Anna e alla Mondadori per avermi fornito una copia in anteprima da recensire. Questo non ha in alcun modo influito sulle mie opinioni.

Doveva essere il colpo più clamoroso della loro carriera, invece si è rivelato un… clamoroso fiasco. Così Locke e il suo fedele compagno Jean sono riusciti a malapena a salvare la pelle. Almeno, Jean ci è riuscito: Locke sta morendo, avvelenato in modo lento ma inesorabile da una sostanza che nessun alchimista o dottore può combattere. Ma quando la fine sembra ormai vicina, una donna misteriosa offre a Locke un’opportunità che potrà salvarlo, o ucciderlo. Le elezioni del Konseil sono imminenti, e le diverse fazioni hanno bisogno di una pedina da muovere a loro piacimento. Se Locke acconsente a essere quella pedina, con un incantesimo la donna estrarrà il veleno dal suo corpo, anche se l’operazione sarà talmente dolorosa da fargli desiderare la morte. Locke non ci pensa proprio, ma due elementi lo inducono a cambiare idea. Primo, le suppliche di Jean. Secondo, un nome femminile pronunciato dalla maga: Sabetha, l’amore della sua vita, abile e arguta quanto lui, e ora la sua più grande rivale. Locke si è innamorato di Sabetha al primo sguardo, quando era un giovane orfano e apprendista ladro. Ma dopo un corteggiamento tumultuoso, Sabetha se n’è andata. Ora si ritrovano nuovamente uniti in uno scontro. Di fronte all’unica persona che sia in grado di tenergli testa – nel gioco dell’amore e in quello degli inganni – Locke deve scegliere se combattere Sabetha, o sedurla. Una decisione da cui potrebbero dipendere le vite di entrambi.

Terzo volume della saga de I Bastardi Galantuomini, La repubblica dei ladri presenta un Locke morente dopo le disavventure del libro precedente e il veleno dell’Arconte di Tal Verrar. A nulla servono gli aiuti di Jean e dei vari doktori che provano a curarlo. Quando una maga di Karthain offre a Locke e Jean il suo aiuto in cambio della loro partecipazione al Gioco dei Cinque anni nella città, per vincere i seggi al consiglio per il suo partito, le Radici Profonde, i due sono costretti ad accettare. Soprattutto perché la parte avversaria, l’Iris Nero, ha ingaggiato nientepopodimeno che Sabetha, l’amore della vita di Locke, membro dei Bastardi Galantuomini e donna scomparsa dalle loro vite 5 anni fa.

In questo terzo volume la scena si sposta a Karthain, città tanto odiata ed evitata proprio perché sede dei Maghi dell’Alleanza, lo scontro con i quali, nei libri precedenti, ha fatto capire a Locke e Jean di doversi tenere alla larga, ma è proprio una Maga ad assumerli come pedine e per aver salva la vita e la possibilità, ancora una volta, di poter ricominciare da capo, Locke e Jean accettano. Inizia così un gioco senza precedenti, fatto di inganni, sotterfugi, seduzioni, travestimenti e mettendo a rischio sia cuori che vite. Finalmente Locke e Jean hanno qualcuno del loro calibro con cui scontrarsi. Sabetha ha imparato dal loro stesso maestro Catena, è cresciuta con loro, ha le stesse armi a disposizione, è brillante, furba e seducente e in un gioco dove tutto è concesso, anche rischiare di avere il cuore spezzato, Locke si ritrova sia determinato che fragile.

Conoscere, finalmente, la famosa Sabetha è stato incredibilmente interessante. Sabetha è sfacciata, testarda, intelligente e brillante, capace e pronta a rispondere colpo con colpo, scherzo con scherzo, inganno con inganno, usando tutte le armi a sua disposizione per vincere quella gara, pur, essendo, al pari di Locke, fragile nella questione sentimenti, poiché tra loro c’è un intenso passato e rapporto.

Se nei libri precedenti, soprattutto nel secondo, viene sottolineato e sviluppato il rapporto tra Locke e Jean, in questo Sabetha ha la precedenza. L’amore, l’ossessione, il passato di Locke torna nel suo presente, scombussolandogli piani e misteri, costringendolo a sperare e a riconnettersi con lei, mentre Jean ricopre il ruolo di amico preoccupato (sia per Locke che per Sabetha) e, come sempre, è colui che mantiene il sangue freddo e la voce della ragione sia nel presente che nell’interludio.

Ritornano, nell’interludio, i fratelli Calo e Galdo, il maestro Catena e il Forgialadri (anche se loro per poche scene), poiché la storia inizia quando Locke è bambino e incontra, nella dimora del Forgialadri e dopo da Catena, Sabetha e ne è folgorato. Nell’interludio veniamo finalmente a conoscenza dei loro rapporti, della loro educazione in comune, di come Locke fosse perdutamente cotto di lei sin dall’inizio e come questa relazione è cresciuta nel tempo. Molto curioso è parlare dell’estate in cui tutti loro furono costretti ad andare ad Espara per fare gli attori secondo le istruzioni di Catena e forgiare nuovamente i rapporti tra loro cinque. Lì, ovviamente, i cinque ragazzi si ritrovano a dover mentire per diventare attori, ricoprire nuovi ruoli per poter salvare la compagnia Moncraine che li ha assoldati, conoscere personaggi, incontrare amori e via discorrendo.

Una delle cose che mi è piaciuta di più, oltre a vederli crescere insieme e ritrovare Catena e le sue lezioni, è stata la presenza dell’opera La repubblica dei ladri, la celebre tragedia di Lucarno, che fornisce una tragedia nel libro, un libro nel libro e che pone Locke e Sabetha come Aurin e Amandine, come amanti anche sul palcoscenico. Se nel libro precedente il lettore si ritrovava faccia a faccia con termini nautici, avventure su navi e scialuppe, pirati e scorribande, nel terzo è il teatro che brilla. Sia nell’interludio, dove la trama de La repubblica dei ladri, s’intreccia con le vite dei nostri amati ladri, sia nel presente, dove Locke, Jean e Sabetha usano tutte le armi e travestimenti a loro disposizione in una battaglia senza esclusioni di colpi, lottando per adempiere ai loro contratti e poi liberarsi dell’influsso dei Maghi dell’Alleanza, che li stanno usando come pedine. Si scoprirà, ben presto, che i dubbi e le incertezze non saranno facili da dimenticare e ignorare.

La repubblica dei ladri è un libro che è pieno di colpi di scena. Sono presenti i Maghi dell’Alleanza, con le loro regole e istituzioni, il lettore viene a conoscenza di segreti e informazioni particolari, ritrova nemici che credeva sconfitti e che sembrano più pericolosi e impazziti che mai, segue Locke mentre riprende le forze e incontra il suo amore, Jean che affronta il proprio lutto e tra tradimenti, sotterfugi e menzogne, i due Bastardi Gentiluomini devono ancora una volta rischiare il tutto e per tutto per proteggersi a vicenda.

Quindi, che altro dire? Il terzo libro della saga è il più lungo, al momento, ma le sue oltre 700 pagine non stancano il lettore affamato di sotterfugi, travestimenti, teatro, amore e desiderio di libertà e giustizia.

Un libro che mi è piaciuto da morire, soprattutto per la presenza della brillante Sabetha e per il suo scontro, emotivo, psicologico e fisico, con Locke.

Ora non resta altro da dire a Scott Lynch di sbrigarsi a scrivere The thorn of Emberlain, perché, dopo questa fine, io ho bisogno di risposte!!!

Passate anche dalle mie colleghe per le loro recensioni in questi giorni!

https://libriilmiopassatopresentefuturo.blogspot.com/?m=1

https://sylexlibris.wordpress.com/

https://nelyafinwee.wordpress.com/

Pubblicato in: Book preview, Most anticipated

Winter’s Orbit by Everina Maxwell

352 pages
Expected publication: February 2nd 2021 by Tor Books

Ancillary Justice meets Red, White & Royal Blue in Everina Maxwell’s exciting debut.

While the Iskat Empire has long dominated the system through treaties and political alliances, several planets, including Thea, have begun to chafe under Iskat’s rule. When tragedy befalls Imperial Prince Taam, his Thean widower, Jainan, is rushed into an arranged marriage with Taam’s cousin, the disreputable Kiem, in a bid to keep the rising hostilities between the two worlds under control.

But when it comes to light that Prince Taam’s death may not have been an accident, and that Jainan himself may be a suspect, the unlikely pair must overcome their misgivings and learn to trust one another as they navigate the perils of the Iskat court, try to solve a murder, and prevent an interplanetary war… all while dealing with their growing feelings for each other.


Thank you so much, NetGalley, Macmillan-Tor/Forge and Tor Books, for the chance to read and review one of my most anticipated 2021 releases!

TW: murder, abusive relationship, kidnapping, torture

Prince Kiem is the Emperor’s least favourite grandchild, boisterous, cheeky, known for his attitude and adventures and his life is turned upside down when it’s decided he will marry Count Jainan, the recent widower of another royal prince and to assure the empire’s bonds with its vassals planet. But Jainan’s last partner’s death wasn’t an accident and somenthing is very wrong with a military operation. Between a war threatening the empire, a treaty hanging in the balance, lies, omissions and their own feelings and marriage at stake, Jainan and Kiem will have to prove their union and save everything from a possible conspiracy.

I LOVED reading Winter’s Orbit! Everina Maxwell’s romantic debut is absolutely fantastic. Sci-fi, so set in space, with a magnificent worldbuilding, space ships, mysterious powers and weapons, multiple planets with their own traditions and abilities, an arranged marriage between two very different characters, conspiracies, lies, lots of plot twists…everything is perfect!
Really interesting is the choice of using ornaments and accessories to express or not the gender and the choice of not using binary in titles, but gender neutral ones, like the Emperor, who is Kiem’s grandmother. It was really refreshing, something I’ve never read before!
Told by Kiem’s and Jainan’s POVs, while they navigate their new status as married couple, trying to know and understand each other, the story is intriguing and well written. The conspiracy is really interesting and I was really captivated, because I needed to know what was happening and happened. Most of all, I loved the characterization. Bel, Gairad, Audel, the Emperor…the side characters are really interesting, but Kiem and Jainan stand out in the story, with their building relationship, their marriage and bond.

Kiem and Jainan are amazing main characters, I really love them, even though sometimes I wish I could just yell at them because they struggled to talk about them and their feelings! They are very different from one other. Kiem is more cheerful, he’s able to get along with everyone and persuade even a rock, while Jainan is more quiet and reserved, but slowly they learn to know each other, to understand each other’s moods and feelings. It was really incredible reading how slowly they strengthen their bond, how they support, help and get to love one other, solving problems and saving everyone and everything. How they go from strangers, to cautious allies, to friends to lovers, to husbands!
The slow burn, the trope of marriage couple, one bed and so on is great!

I recommend this story to those who are looking for an intriguing plot, two idiots in love, slow burn, arranged marriage, one bed and love in space!

OUT 2 FEBRUARY 2021! (Probably the January Illumicrate box book *fingers crossed*)

So, what are you waiting for? Preorder this book! You won’t regret it!

Buy at:

US independents

UK independent

Amazon.com

Amazon.co.uk

Everina Maxwell is the author of Winter’s Orbit, a queer romantic space opera about a diplomat who enters into an arranged marriage to save his planet.

She grew up in Sussex, UK, which has come a long way from the days of Cold Comfort Farm and now has things like running water and Brighton Pier. She was lucky enough to live near a library that stocked Lois McMaster Bujold, Anne McCaffrey and Terry Pratchett, so spent all her spare time devouring science fiction and doorstopper fantasy, with her family’s Georgette Heyer collection always a reliable friend when the library books ran out.

She first took part in NaNoWriMo in 2004 and continues to precariously balance writing, a day job, and watching Let’s Plays of video games she claims she doesn’t have time to play. She lives and works in Yorkshire.

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Le sfide di Apollo- La torre di Nerone di Rick Riordan- Review Party

Salve e benvenuti alla mia tappa per il Review Party organizzato da Martina (readinginwonderland), che ringrazio tanto! Un’enorme grazie alla Mondadori e a Elisa per avermi spedito una copia di questo meraviglioso romanzo. Questo non ha in alcun modo influito sulle mie opinioni.

La terribile battaglia del Campo Giove è stata vinta, e grazie all’aiuto dei semidei Apollo è sopravvissuto a Tarquinio e al suo esercito di non morti, e ha sconfitto gli imperatori Commodo e Caligola. La guerra però non è ancora finita, e per il dio del sole, intrappolato nella forma mortale del patetico adolescente Lester Papadopoulos, è tempo di affrontare l’ultima sfida. Seguendo la sibillina profezia dell’arpia Ella, Apollo ritornerà a Manhattan, dove tutto ha avuto inizio, e con l’inseparabile amica Meg si addentrerà nella torre di Nerone, il più crudele degli imperatori, per ucciderlo e sventare l’apocalisse che intende scatenare. Ma una minaccia ben peggiore è in agguato: Pitone, il suo acerrimo nemico, tiene sotto controllo l’Oracolo di Delfi e sarà presto così potente da plasmare e avvelenare il futuro dell’intera umanità. Diviso tra il desiderio di tornare sull’Olimpo e la volontà di difendere chi ama, Apollo dovrà scegliere per cosa lottare, anche a costo di perdere per sempre la sua immortalità…

Traduttore:Loredana BaldinucciLaura Melosi

Editore:Mondadori

Collana:I Grandi

Il 6 ottobre è uscito l’ultimo libro de Camp Half-Blood Chronicles e, qui in Italia, 24 novembre, segnando ufficialmente la fine di un’era, iniziata con Il ladro di fulmini.

Surreale pensare a quanto tempo sia trascorso.

15 anni. 15 libri. 3 saghe. Graphic novels, spin-offs, un musical, la serie di Percy Jackson che sarà prodotta dalla Disney Plus (e che sicuramente uscirà quando io avrò oltre i 30 anni). Percy Jackson e il suo universo sono stati una grande parte della mia infanzia e adolescenza e, nonostante siano passati più di due mesi da quando ho letto l’ultimo libro in lingua e settimane da quello tradotto, è ancora molto surreale rendermi effettivamente conto che non ci saranno altri libri ambientati in quell’universo. Chi mi conosce nella realtà, o mi segue su Twitter e Instagram, sa quanto questa saga sia importante per me e quanto mi sia rispecchiata in alcuni dei suoi personaggi. Ritrovarmi a parlare dell’ultimo libro, quindi, è davvero strano e commovente.

Sono fan di zio Rick dal primo libro e sono cresciuta con i suoi personaggi, ho imparato tante cose di me stessa, li ho seguiti nelle loro avventute, saltando dalla sedia per l’adrenalina, esclamando per la paura, ridendo e piangendo. Come sempre zio Rick ha un modo di scrivere straordinario, pieno di giochi di parole, sarcasmo e mescolando dei dei pantheon greco e romano, ambientandoli nei nostri tempi. Amo i personaggi creati dall’autore, le loro avventure, leggere della loro crescita e maturazione…è stato un viaggio incredibile.

Zio Rick ha parlato della possibilità di scrivere una novella dedicata a uno dei miei personaggi preferiti in assoluto, Nico di Angelo, ma finché non la vedrò con i miei occhi cercherò di non illudermi troppo!

Ora, però, bando alle ciance e ai sentimentalismi e iniziamo la recensione!

La torre di Nerone, ultimo libro della saga de Le sfide di Apollo e ultimo ambientato nel mondo del Campo Mezzosangue, è un libro che inizia, come tutti quelli precedenti, in maniera rocambolesca, tra fughe disperate, personaggi ambigui, serpenti posseduti, visite inaspettate e il ritorno al Campo Mezzosangue dove Apollo e Meg uniscono le forze con Nico e Will e cercano l’aiuto di Rachel Elizabeth Dare. Tra nuovi alleati, viaggi sottoterra, inganni e sotterfugi, sogni profetici e pericoli inaspettati, il gruppo si prepara ad entrare nella torre di Nerone, sconfiggere il nemico e sventare i suoi piani malefici. Anche se Nerone non è la minaccia più grande, rappresentata, infatti, da Pitone che ha ancora il controllo di Delfi e rischia di riuscire a plasmare il futuro a suo piacimento se non verrà fermato in tempo.

Sono tantissime le cose che ho amato di questo ultimo libro, che presenta, come in ogni libro di Rick Riordan che si rispetti, momenti pieni di pathos e adrenalina, giochi di parole e battute, salvataggi in extremis, escamotages e colpi di scena. Bellissimo è stato ritrovare alcuni personaggi che adoro, come Rachel Elizabeth Dare, o Sally, conoscere creature come i Trogloditi e il loro rapporto particolare con Nico, notare il profondo legame tra Nico e Will e vedere quanto siano cambiati i personaggi.

Infatti è molto interessante sottolineare come molti personaggi siano maturati nel corso delle loro avventure, soprattutto Apollo e lo si nota poiché il punto di vista de Le sfide di Apollo è affidato a un ex dio che, all’inizio…ammettiamolo, non era affatto simpatico o uno dei migliori personaggi. Apollo appariva come arrogante, presuntuoso e assolutamente ignaro (giustamente, essendo un dio) di ciò che significava essere umani, delle sofferenze e della fatica che comporta vivere da semidio. O vivere da umano in generale. Leggendo la storia dal suo punto di vista, quindi, è lampante la sua maturazione, il modo in cui, soprattutto venendo a contatto con altri semidei, si rende conto di ciò che significa davvero essere umano.

La morte di Jason è stata, secondo me, necessaria, (sfortunatamente per noi fan) la spinta a farlo maturare ancora di più. Apollo si sente in colpa, inizia a comprendere il senso del sacrificio, l’importanza delle relazioni umane. La crescita di Apollo è chiara, considerando che il libro è dal suo punto di vista, nelle sue riflessioni, nel suo senso di colpa, nei suoi dubbi e paure.

Meg è un personaggio che, se devo essere sincera, cui non mi sono molto affezionata, se confrontata con gli altri. Devo ammettere, però, di ammirare molto la sua forza e testardaggine. Può sembrare rude e particolare, e lo è, ma è anche un personaggio schietto e sfacciato, pieno di interessi e determinato. Il suo rapporto con Apollo è molto complesso e nel corso della saga i due maturano moltissimo, iniziando a fidarsi l’uno dell’altra, aiutandosi, sostenendosi e creando un profondo legame.

L’ultimo libro della saga porta al culmine la maturazione dei personaggi. Senza fare alcun tipo di spoilers (ci provo!), ho amato il modo in cui tutto il cerchio si chiude, come i nemici vengano affrontati, come i personaggi siano in grado di affrontare le loro relazioni abusive, Meg con Nerone e Apollo (siamo onesti) con Zeus, cambiando e crescendo.

Si tratta di un finale agrodolce e perfetto al tempo stesso perché non solo viene evidenziata la crescita di tutti i personaggi, soprattutto di questa saga e in particolar modo di Apollo e Meg, ma anche perché, tramite Apollo, lo scrittore ha compiuto un viaggio di saluti, andando a trovare tutti i personaggi ancora in vita (SIGH pianto isterico) e vedere come se la stavano cavando in quel punto della loro vita. Andiamo a trovare Percy e Annabeth, Hazel e Frank, Piper, Leo e, senza spoilerare nulla, ammetto che è stato davvero meraviglioso vedere quanto e come siano cresciuti. Soprattutto rivedere Percy e Annabeth, che ho visto crescere dai loro 12 anni, è stato particolarmente commovente.

Ho trovato il libro perfetto dal punto di vista emotivo e non ho potuto non commuovermi durante la lettura, perché sapevo che sarebbe stato l’ultimo e perché sono incredibilmente fiera di tanti personaggi, neanche fossero figli miei. Mi è anche piaciuto il modo in cui una parte della storia di Nico e Will sia lasciata in sospeso, lasciando intendere che lo scrittore continuerà a scrivere su di loro.

Trovo che sia una conclusione perfetta, chiudendo un cerchio e lasciando in sospeso altre cose, considerando che, essendo semidei, non ci sarà mai effettivamente un momento di pace!

Se si è fan dei Solangelo, o di Nico di Angelo in generale (e chi non lo è, andiamo!), questo libro è davvero l’ideale per la nostra ship. Nico e Will occupano una grande parte dell’ultimo libro della saga, aiutando Apollo e Meg, insieme a Rachel Elizabeth, a sconfiggere Nerone.

È stato davvero meraviglioso poter leggere ancora del profondo legame tra Nico e Will. È palese quanto siano legati l’uno all’altro, nel modo in cui battibeccano e scherzano, nel supportarsi e sostenersi continuamente a vicenda. Farebbero di tutto l’uno per l’altro, esplorerebbero i meandri più profondi del Tartaro e la loro relazione è davvero bellissima e intensa. Amo il modo in cui si completano a vicenda, si amano, si sostengono, contano l’uno sull’altro. Inoltre trovo davvero bellissimo che Nico, nonostante stia chiaramente soffrendo, sa benissimo di avere Will al suo fianco, sa di avere qualcuno che lo ama e vuole aiutarlo e quindi non si chiude più in se stesso, isolandosi come avrebbe, e ha fatto, all’inizio, dopo la morte di Bianca.

Questo suo atteggiamento, il riconoscere di aver bisogno di aiuto e parlare con Dionisio, il sapere di avere il proprio ragazzo accanto, l’essere non più solo mi ha davvero colpita e commosso. Adoro Nico e adoro Will, anche se ho decisamente bisogno di sapere molto di più di loro. Come hanno iniziato a capire di piacersi, come è nata la loro storia, i loro battibecchi e nomignoli. Ho bisogno di più. Zio Rick, non farci aspettare troppo!

In conclusione, altrimenti finirei soltanto per fangirlare sui miei personaggi preferiti, ammetto che dubito riuscirei ad esprimere a parole quanto Percy Jackson e i suoi amici abbiano significato per me. Mi sono riconosciuta moltissimo in alcuni personaggi, in tratti dei loro caratteri, nelle loro paure e insicurezze e sono cresciuta con loro.

La torre di Nerone segna l’arrivo di quest’avventura, ma so che basterà aprire nuovamente uno dei libri per tornarci dentro. O immaginare i nostri eroi che cosa possano star facendo in questo momento. Immagino Percy con la sua torta color blue che studia con Annabeth e la chiama Wise Girl e viene chiamato Seaweed Head, che gioca con la sorellina, immagino Hazel e Frank nel Campo Marte, Reyna viaggiare con le cacciatrici con Thalia, Piper con la sua nuova ragazza, Meg con la sua famiglia allargata, Apollo che ha imparato cosa significa essere umano. Soprattutto immagino Nico e Will nelle loro avventure e, dato che lo zio Rick ha alluso a una futura novella dedicata al mio bimbo coraggioso, al mio Ghost King, non posso non aspettare con ansia il suo ritorno.

Ho deciso di fare il mio approfondimento su Nico di Angelo perché è uno dei personaggi che ho sentito più vicino a me e mi sono sempre riconosciuta da morire in lui (e non parlo solo dell’abbigliamento, anche se…mamma mia…separati dal fatto che viviamo in mondi diversi XD )

Nico è uno personaggio incredibilmente complesso, che ne ha passate così tante che ogni volta che gli succede qualcosa sei lì a dire “Ancora? Ma povero figlio, lo vuoi lasciar stare, zio Rick?”, ma, dopotutto, è un semidio, è figlio di Ade, praticamente ce l’ha nel DNA. Sfortunatamente.

Ho visto Nico crescere moltissimo nelle tre saghe ed è incredibile quanto sia maturato nel corso del tempo e delle sue avventure.

Noi conosciamo Nico da bambino, lo vediamo appassionato a Mythomagic, affascinato dal mondo dei semidei ( *aggiungere risata isterica* ), sentirsi abbandonato quando Bianca, che praticamente l’ha cresciuto dalla morte della madre, si unisce alle cacciatrici di Artemide e poi perde la vita. Lo vediamo perdere un po’ della sua dolcezza e innocenza, quando è costretto a fare i conti con la dura realtà e si ritrova da solo.

Nico si isola, soffre, viene manipolato e ingannato da re Minosse e, soprattutto, sente di non appartenere a nessuno dei due campi, sia in quanto figlio di Ade, che in quanto nato in un’epoca completamente diversa, né tantomeno al mondo dei vivi, preferendo la compagnia di mostri e fantasmi.

Nico viene descritto come cupo e solitario, vestito di nero, e intimidatorio, dal volto pallido, le mani fredde come il ghiaccio e con un immenso e inquietante potere in quanto semidio figlio di Ade. Ne “La casa di Ade” Nico è costretto da Cupido ad ammettere di essere gay e di avere dei sentimenti per Percy, sentimenti che, nel corso del tempo, cambiano e perdono la connotazione romantica, nonostante resti quella di ammirazione e rispetto nei confronti del giovane.

“For a long time,’ Nico said, ‘I had a crush on you. I just wanted you to know.’ Percy looked at Nico. Then at Annabeth, as if to check that he’d heard correctly. Then back at Nico.

‘You –’

‘Yeah,’ Nico said. ‘You’re a great person. But I’m over that. I’m happy for you guys.’

‘You … so you mean –’

‘Right.

Annabeth’s grey eyes started to sparkle. She gave Nico a sideways smile.

‘Wait,’ Percy said. ‘So you mean –’

‘Right,’ Nico said again. ‘But it’s cool. We’re cool. I mean, I see now … you’re cute, but you’re not my type.’

‘I’m not your type … Wait. So –’

‘See you around, Percy,’ Nico said.

Quindi anche l’essere omosessuale è qualcosa che Nico lotta per nascondere a lungo e non riesce ad ammettere a se stesso e agli altri, reazione comprensibile se si pensa che negli anni ’40 in Italia, epoca in cui lui ha vissuto, essere omosessuale non era esattamente una passeggiata.

Nico è un personaggio brillante, solitario, coraggioso, testardo e il suo “fatal flaw” è il portare rancore che, nel corso del tempo, l’ha spinto a rifiutare aiuto se la persona che l’offriva non gli andava a genio, come accade con Percy ne “La battaglia del labirinto”. O nei confronti di Annabeth, della quale invidia la capacità di poter amare liberamente qualcuno, cosa che lui non si sente libero di poter fare. È quindi evidente, nel corso dei libri, quanto Nico maturi fino ad accettare se stesso, i propri sentimenti e la propria sessualità, ammettendo a Percy e Annabeth di aver avuto una cotta per Percy e intraprendendo la relazione con Will.

Possiede un’immensa forza, fisica e morale, se si tiene conto del tempo trascorso come prigioniero nel Tartaro, nell’incontro con la dea della miseria Akhlys ed è incredibile il dolore psicologico che prova, come viene sottolineato da Reyna quando, ne “Il sangue dell’Olimpo” condivide la sua forza con lui ed entra in contatto con la sua sofferenza.

Il sentirsi di non appartenere a nessun posto ed epoca è dovuto alla profonda insicurezza e paranoia di Nico, alla sua capacità di interpretare male le reazioni altrui, dovuto alla sua paura di non essere accettato. Quando, lentamente ma insesorabilmente, Nico entra in contatto e fa amicizia con gli altri semidei, prendendosi cura e venendo preso cura da Hazel, con cui ha un fortissimo legame, legando con Reyna e, a campo Mezzosangue, legando con Will, Nico inizia a sentirsi accettato e a lasciar andare un po’ delle sue paure e insicurezze.

È soprattutto nella saga de “Le sfide di Apollo” che Nico appare più sereno e in pace con se stesso e con gli altri anche se, per timidezza o altro, fa ancora fatica ad accettare del tutto i suoi sentimenti per Will e la propria omosessualità, non volendo chiamare Will il proprio ragazzo. È ancora un po’ a disagio ad essere completamente aperto sulla loro relazione e i loro sentimenti, ma appare più rilassato e coinvolto nel campo Mezzosangue. La battuta sul “significant annoyance” è sempre sul punto.

Will turned to me. “I apologize for my boyfriend.”
Nico rolled his eyes. “Could you not―”
“Would you prefer special guy?” Will asked. “Or significant other?”
“Significant annoyance, in your case,” Nico grumbled”

Nico matura moltissimo nel corso delle tre serie, riuscendo a sentirsi accettato come semidio e come omosessuale e come ragazzo di Will, ad essere coinvolto nelle attività del Campo Mezzosangue, aiutando Will nell’infermeria, partecipando alle imprese, mostrando le sue abilità e la sua testardaggine.

Dal punto di vista della sua salute mentale, è abbastanza palese che Nico abbia sofferto e soffra di stress, soprattutto se si tiene conto del tempo trascorso nel Tartaro, della perdita prima di Bianca e poi di Jason, che è stato una delle prime persone con cui Nico ha davvero connesso. Il primo che ha saputo del suo segreto (l’essere gay e provare qualcosa per Percy) ed ad averlo accettato immediatamente, ponendo le basi per spingerlo ad accettare se stesso ed ammettersi agli altri.

Dopo la morte di Jason, come viene evidenziato ne La torre di Nerone, Nico soffre della sindrome da shock post traumatico, sindrome la cui presenza viene affrontata, se ne parla e Nico chiede aiuto, a Dioniso, dio della follia. Ho molto apprezzato la crescita di questo personaggio e, soprattutto, che questa sua sofferenza sia stata evidenziata e che si venga affrontata. Come tutti sappiamo, ogni semidio conduce una vita che non è esattamente facile, ma Nico è uno dei personaggi sul quale zio Rick sembra davvero accanirsi e non posso fare a meno di preoccuparmi per lui.

Amo il modo in cui Nico si relaziona con i vari personaggi nel corso della serie, soprattutto con Hazel e Reyna, cui lui si lega moltissimo e con cui va molto d’accordo. Vederlo così protettivo nei confronti di Hazel, vederlo nel ruolo di fratello maggiore è davvero molto dolce. Anche l’amicizia con Reyna e poi con Jason è bellissima e adoro vederlo aprirsi agli altri, entrare in contatto con i suoi futuri amici e semidei.

La sua relazione con Will è davvero molto dolce e, come ho scritto in precedenza, se all’inizio Nico sembra un po’ a disagio ad ammettere di essere il ragazzo di Will, nel corso de Le sfide di Apollo, diventa sempre più sicuro di sé e di loro e la loro storia è davvero stupenda. Anche se ho la sensazione di essermene persa una bella fetta. Vediamo Nico e Will già insieme nel primo libro de Le sfide di Apollo e sono tenerissimi. Si punzecchiano, si sostengono a vicenda e, anche quando li ritroviamo in seguito, sono inseparabili ed è palese quanto tengano l’uno all’altro. Will andrebbe nell’Oltretomba e oltre con lui, se non è questo l’amore!?

Ma non abbiamo visto questa storia svilupparsi e crescere. Non abbiamo visto la cotta, il primo bacio, gli appuntamenti e spero davvero che zio Rick ci tolga questa soddisfazione nella novella dedicata a Nico, perché ho bisogno di più Solangelo!

Testardo, sarcastico, solitario, non ama toccare ed essere toccato (almeno nelle prime due saghe) ed è davvero emozionante vederlo crescere in una persona più sicura di sé, dei propri spazi e sentimenti, sentirsi finalmente accettato a campo Mezzosangue, tra i suoi amici e con il suo ragazzo. Nico è uno dei personaggi che è cresciuto tantissimo e che ammiro davvero molto. La sua capacità di affrontare lutti e situazioni difficili, la sua forza di volontà e testardaggine, il suo essere coraggioso e leale, sono davvero di grande ispirazione.

“Your death,” Nico said, “would be great for me.”
“I’m immortal, you fool! I have escaped Tartarus. You have no business here, and no chance to live.”
Nico drew his sword-three feet of wicked sharp Stygian iron, black as a nightmare. “I don’t agree.”

È davvero impossibile dire per me quanto abbia significato e significhi Nico. Sono, purtroppo…per fortuna?, non saprei, molto simile a lui. Abbiamo lo stesso carattere, la stessa capacità di portare rancore e isolarci e siamo entrambi in preda a dubbi e incertezze. Anche io mi sono spesso sentita di non appartenere a un gruppo e ho lasciato che la mia insicurezza mi facesse isolare e sentire paranoica e non voluta.

Ovviamente non nella stessa misura (non sono nata negli anni ’30 e non sono un semidio), ma io e Nico siamo davvero molto simili, anche dal punto di vista della sessualità e della difficoltà ad accettarsi ed ad ammetterlo. Per questo leggere di come lui lotti per superare le sue difficoltà e insicurezze, di come riesca a sentirsi accettato e accettarsi e a cercare di guarire dai suoi traumi e sofferenze è davvero meraviglioso.

Adoro da morire Nico. Amo il suo sarcasmo, il suo essere testardo e coraggioso, le sue battute, la sua forza fisica e psicologica e morale. È il mio brave baby, il mio Ghost King e l’adoro come se fosse un fratello minore. Non vedo l’ora di leggere la novella dedicata a lui.

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

I pirati dell’oceano rosso di Scott Lynch- Review party

Salve a tutti e benvenuti alla mia tappa del review party dedicato al secondo libro della saga dei Bastardi Gentiluomini di Scott Lynch, I pirati dell’oceano rosso! Ancora una volta ringrazio Ginevra e Juls per aver organizzato questo evento, alla signora Anna e alla Mondadori per avermi fornito una copia in anteprima da recensire. Questo non ha in alcun modo influito sulle mie opinioni.

Non hanno più denaro, hanno perduto i loro amici e rischiato di morire, ma i Bastardi Galantuomini non sono sconfitti, sono anzi più uniti che mai. Così Jean Tannen e Locke Lamora, fuggiti dall’amata Camorr, vanno là dove li porta l’irresistibile richiamo del denaro e cioè nella città di Tal Verrar, al centro della quale sorge la più grande casa da gioco dello Stato. Leggenda vuole che ci abbiano provato in molti, a entrare nel suo caveau, e che nessuno ne sia mai uscito vivo. Ma proprio quando Locke e Jean si apprestano a sfatare la leggenda, un sinistro personaggio appare e li recluta come spie per assicurare alla giustizia i pirati del famigerato Zamira Drakasha. Davvero un incarico ideale per quei due, che non distinguono la poppa dalla prua e si trovano sbalzati in mezzo ad abbordaggi e a duelli a fil di spada nonché costretti a trasformarsi in lupi di mare.

I pirati dell’oceano rosso inizia in maniera molto particolare. Sono trascorsi due anni dagli eventi del libro precedente e nel prologo immediatamente troviamo Locke e Jean minacciati da due uomini, con una nave che brucia alle loro spalle e balestre puntate contro. Fin qui nulla di nuovo, Locke e Jean sono in grado di sopravvivere a situazioni ben più spinose, senonché dopo neanche due pagine, c’è un colpo di scena enorme, che spiazza il lettore e che viene lasciato in sospeso perché l’autore decide di tornare indietro nel tempo e raccontare come si è arrivati a quel punto.

Il lettore si ritrova subito sconvolto e pieno di domande, mentre la storia lo conduce a Tal Verrar dove, come due astuti James Bond, Locke and Je…ops, Leocanto e Jerome, sono alle prese con l’ennesimo complesso colpo: entrare nel caveau del potente e ricco Requin, salendo piano dopo piano nella sua intrigante casa da gioco fino ad attirare la sua attenzione e fingere di prestarsi al suo servizio per sventare eventuali truffe future.

I piani di Locke e Jean, che non desiderano altro che mettere a segno un fruttuoso colpo, vengono, ovviamente, complicati dall’entrata in scena in un nuovo personaggio, l’Arconte Stragos, intenzionato a usarli per scatenare una guerra civile a proprio vantaggio. Avvelenati e ricattati, Locke e Jean saranno costretti a fingere di essere dei pirati, pena la loro stessa vita e seguire le istruzioni dell’uomo. Naturalmente, però, loro non sanno nulla di cosa significhi andare per mare, non sanno distinguere la poppa dalla prua e la loro situazione viene complicata dall’arrivo di veri pirati: la ciurma dell’Orchidea Velenosa e del suo capitano, Zamira Drakasha.

Tra ammutinamenti, animali marini pericolosi, gattini, ricatti, veleni, colpi di scena e tentativi (piuttosto divertenti, ma inutili) di diventare esperti marinai e capitani in pochissimo tempo, Locke e Jean si ritrovano in una complessissima trama, fatta di doppi e tripli giochi, sotterfugi, menzogne, piani e contropiani e dovranno fare di tutto per riuscire ad uscire vivi anche da questa spericolata avventura.

Mi è piaciuto molto leggere I pirati dell’oceano rosso e ho notato che, come nel primo libro io sia stata travolta dalla storia di Camorr, la sua mitologia, i diversi termini per mesi, giorni, ore e via discorrendo, qui il discorso nautico, le spiegazioni su come solcare i mari, i nomi degli oggetti presenti, i venti etc mi hanno un po’ spiazzata, lasciandomi del tutto ignorante quasi quanto Locke e Jean. Vederli alle prese con una nave, costretti e ricattati a seguire gli ordini dell’Arconte è stato bizzarro, perché vederli succubi di qualcuno è stata una spiacevole sorpresa, ma, come abbiamo visto nel libro precedente, loro non sono affatto i tipi che subiscono senza ribellarsi e fare piani su piani per uscire da spinose situazioni. Il modo che hanno per sfruttare ogni situazione in cui si ritrovano, con il loro intelletto e forza bruta, è semplicemente geniale.

Dopo aver perso ogni cosa, se non l’un l’altro, è palese quanto sia Jean che Locke siano feriti e scossi e anche il loro rapporto è diverso, rapporto che viene esplorato ed approfondito meglio ne I pirati dell’oceano rosso. Troviamo un Locke depresso e alcolizzato in alcune importanti scene, scosso dalla morte dei fratelli e da ciò che ha subito per mano del Re Grigio, mentre Jean lotta per rimettere in piedi entrambi, spingendolo, rimproverandolo, scuotendolo e aiutandolo a non cedere e mollare. Vediamo litigi e incomprensioni, battibecchi e gelosie, mentre la loro relazione s’evolve e cambia nel corso del libro, subendo scossoni, ma restando impenetrabile e forte.

Come nel libro precedente, Locke e Jean giocano e ingannano con travestimenti, varie identità, conducendo il lettore nei loro piani e nei tasselli che completeranno il puzzle alla fine, esplorando Tal Verrar, i mari insieme a Zamira e la sua truppa, imparando nuove cose l’uno sull’altro, incontrando persino l’amore e la possibilità di una nuova vita.

Intrigante la presenza della ciurma dell’Orchidea Velenosa, che presenta molteplici personaggi femminili che ho molto apprezzato, come il suo capitano, Zamira Drakasha e Ezri Delmastro, il tenente del vascello e la sapiente Treganne, che mi ha fatto morire dal ridere con le sue lamentele sui rumori e il modo brusco che ha nei confronti di tutti. Il rapporto tra Zamira ed Ezri è davvero molto bello e complesso e ho amato vedere due donne forti, testarde e coraggiose rappresentate nel libro.

In particolar modo mi è piaciuta moltissimo la figura di Zamira, piratessa, madre, donna piena di risorse e intelletto che, nel corso del libro, viene messa a conoscenza, insieme ad Ezri, dei complessi piani e ricatti di Locke e Jean. Un personaggio brillante e divertente, intelligente e testardo e ho adorato le scene che ha con Locke, Jean e Ezri e il modo in cui interagiscono.

Ho adorato la ciurma, piena di personaggi complessi e interessanti, volgari e schietti, sfacciati e divertenti nelle loro scorribande, nel profondo legame che avevano creato tra loro. Tra superstizioni, gatti, fiducia, innamoramenti, relazioni e scorribande, ho amato viaggiare in mare insieme a loro. Leggerei libri sulle avventure dell’Orchidea Velenosa e della sua truppa, sarebbe davvero molto interessante!

Ci sono molte figure che danno a Locke e Jean pane per i loro denti, avversari interessanti e complessi, sotterfugi e doppi giochi, politici e non, come Requin e il suo braccio destro e compagna Selendri, l’Arconte stesso e quindi i due protagonisti devono stare estremamente accorti, soprattutto quando a questi pericoli se ne aggiunge uno che li ha seguiti da Camorr, ma non dirò altro per non spoilerare. Locke e Jean devono costantemente essere sull’attenti, proteggersi a vicenda e trovare il modo per uscire dalle situazioni in cui si sono, o li hanno, cacciati.

Complessivamente ho molto apprezzato il secondo volume di questa saga e il modo in cui la storia oscilla tra passato e presente, tramite anticipazioni e flashbacks, mare e terra, inganni sulle navi e inganni nei casinò, travestimenti e menzogne di ogni genere. L’ho trovato lento in alcuni punti e la terminologia nautica mi ha un po’ confusa, ma è un ottimo libro e lo consiglio vivamente a tutti. Lo stile dell’autore è, come sempre, molto coinvolgente e la trama è fitta di colpi di scena, sorprese, assassini, fughe rocambolesche, insulti e imprecazioni, travestimenti e inganni.

Mi è inoltre piaciuta l’aggiunta di un po’ di romanticismo nella storia e la presenza di personaggi femminili forti, della cui assenza avevo fatto notare nel libro precedente. O vedere Locke spiazzato in situazioni complesse, alle prese con navi e terminologia complessa, gattini che l’hanno preso in simpatia e arrembaggi.

In particolar modo, tra sotterfugi e piani, ho amato come l’autore abbia trattato di argomenti delicati come lo stress post traumatico, rappresentando, in maniera molto realistica, a mio parere, la reazione di chi ha perso tutto e che inizia a dubitare di se stesso e la forza che occorre e l’aiuto dei propri cari per uscirne e tornare ad essere se stessi. Jean occupa una parte maggiore in questo libro e il lettore lo conosce meglio e non solo in relazione a Locke e ai loro piani.

Adoro l’amicizia che c’è tra Jean e Locke e il modo in cui si sostengono, proteggono, aiutando e supportano a vicenda. Ci sono alti e bassi, dubbi e battibecchi, gelosie e incertezze in una relazione assolutamente realistica. La storia è davvero intrigante e consiglio questo libro a tutti coloro che amano avere a che fare con cervelli brillanti e piani complessi, pirati e superstizioni, amicizia e amore.

Onestamente dopo il finale di questo libro devo assolutamente fiondarmi a leggere l’altro!

Passate anche dalle mie colleghe per le loro recensioni in questi giorni!

https://libriilmiopassatopresentefuturo.blogspot.com/?m=1

https://sylexlibris.wordpress.com/

https://nelyafinwee.wordpress.com/

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

The ballad of Ami Miles by Kristy Dallas Alley- Tbr and beyond Book Tour

Hello and welcome to my stop for “The ballad of Ami Miles” by Kristy Dallas Alley book tour, organizated by Tbr and beyond tour! Thank you so much for this opportunity!



Genre: Young Adult Dystopian
Publishing Date: December 1, 2020

Goodreads Amazon Book Depository | Barnes & Noble | Indigo | IndieBound

Raised in isolation at Heavenly Shepherd, her family’s trailer-dealership-turned-survival compound, Ami Miles knows that she was lucky to be born into a place of safety after the old world ended and the chaos began. But when her grandfather arranges a marriage to a cold-eyed stranger, she realizes that her “destiny” as one of the few females capable of still bearing children isn’t something she’s ready to face.

With the help of one of her aunts, she flees the only life she’s ever known, and sets off on a quest to find her long-lost mother (and hopefully a mate of her own choosing). But as she journeys, Ami discovers many new things about the world… and about herself.

I received this book from NetGalley in exchange of an honest review. Thank you so much, Macmillan Children’s Publishing Group and Swoon Reads, for the chance to read and review it.

TW: racism, homophobia, bigotism

The ballad of Ami Miles is a book about self-discovery and I really liked reading it. Ami is a young girl and her whole world was the compound and everything she knew was through her grandparents’ lessons, through the Bible. How to be a good girl, what her “duty” and “destiny” was, the difference of roles between male and female, how female should act and dress, when to speak and how and so on.
Set in an almost apocalyptic world, where a sickness made almost every woman barren, Amy could be one of the last able to bear children and so, according to her family, it’s her duty to God. But Ami can’t do it, she’s not an animal to be bred, so she runs and her journey to find her mother, who left her when she was a baby, is journey that will open her eyes about the reality and herself, making her question beliefs and everything she thought was true, only because her family said so.

The story is intense, the prose fluid and Ami is a captivating main character, strong, stubborn and determined, willing to learn new things, to grow and face the truth. Because she was so sheltered she is naive and surprised of things other people consider normal and sometimes it was hilarious. I liked the side characters, too, complex and well written. Without spoilering anything, I really loved one of Ami’s aunt and her new friends were amazing.

I loved reading how Ami adapts hersef in this new community, how she grows and changes and finds her place in the world. Maybe the way she was able to question and discard a lifelong set of ideas in a just few days was a bit unlikely (since her mother wasn’t absolutely able in years), but apart from this, I really liked this book.

There are many themes in The ballad of Ami Miles, like racism, homophobia, bigotism. The way the women were treated in Heavenly Sheltered isn’t so far-fetched and unfortunately I could see a world where things like that could happen.

I really liked the queer relationship, even though I found it a bit too rushed, but it’s lovely and the way Ami was able to find her place with family and friends was beautiful and intense.

Overall, this a 4.5 stars book and I definitely recommend it to those who are looking for a dystopian, queer and apocalyptic book.

“You should see yourself! What, ain’t you never heard a woman cuss before? Lord, child, they have kept you in a little glass box all your life, haven’t they?”

“Running away and getting to Lake Point all by myself was the beginning. Being on my own and taking care of myself, making my own choices about the best way to get myself where I needed to be had shown me how strong I really was. I never would have thought I was capable of any of that, but I was. And then being here, meeting all these new people, finding kids my own age who could become friends, seeing how much bigger the world was than I had ever known—it was all just so big! And it all made Heavenly Shepherd look mighty small. How could I fit myself back into that little closed-up life?”

“Do you really think anyone has ever made it all the way through life without making a mistake? Mistakes are in the eye of the beholder, if you ask me. Sometimes we make choices and things don’t work out; that’s true. And then do you know what happens? We just move on. We survive.”

Will I feel like I just found a piece of myself I didn’t even know was missing? Will I feel like I’ll die if he smiles at me and I’ll die if he doesn’t? Will I know because I’ve never felt so much like myself as I do when I’m with him?” Her face had gone from surprise to shock. “Because that’s how I feel with Jessie. And I know, I know, people can change, feelings can change, I get it! But that doesn’t mean these feelings I have right now aren’t real.

Kristy Dallas Alley is a high school librarian in Memphis, Tennessee, where she lives with her husband, four kids, three cats, and an indeterminate number of fish. She studied creative writing at Rhodes College in another lifetime and holds a Master of Science in Instruction and Curriculum Leadership from the University of Memphis. In an ideal world, she would do nothing but sit on a beach and read every single day of her life, but in reality she’s pretty happy reading on her front porch, neglecting the gardens she enthusiastically plants each spring, and cooking huge meals regardless of the number of people around to eat them. The Ballad of Ami Miles is her debut novel.

Twitter Instagram Facebook | Goodreads

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Gli inganni di Locke Lamora di Scott Lynch- Review party

Salve a tutti e benvenuti al review party dedicato ai primi tre libri de “The Gentlemen bastards sequence”! Un’enorme grazie a Ginevra e Juls per aver organizzato questo evento, alla signora Anna e alla Mondadori per avermi fornito una copia in anteprima da recensire. Questo non ha in alcun modo influito sulle mie opinioni. Grazie anche a Pritt per i banner! https://lapetitepritt.wordpress.com/

“Gli inganni di Locke Lamora” è il primo libro di “The Gentleman bastards sequence”, edito già dalla casa editrice Nord nel 2007 e adesso ripreso dalla Mondadori con la collana Fantastica.

Nella misteriosa città di Camorr un orfano ha vita dura, e spesso breve. Ma il giovane Locke Lamora riesce a eludere la morte e a non farsi catturare come schiavo, fino a diventare un furfante provetto sotto la tutela del Forgialadri, un talentuoso artista della truffa. A capo della banda di fratelli dalle dita leste, noti come Bastardi Galantuomini, Locke diventa presto celebre, e si fa beffe persino del più temuto re della malavita. Ma tra le ombre si annida qualcuno di ancora più ambizioso e micidiale. Di fronte a un sanguinoso colpo di stato che minaccia di distruggere qualunque persona o cosa che abbia un senso nella sua esistenza, Locke giura di sconfiggere il nemico al suo stesso gioco crudele. Costi quel che costi.

Collana: Fantastica

ISBN: 9788804736189

612 pagine

Prezzo: € 18,00

Cartaceo

In vendita dal 1 dicembre 2020

La prima cosa che mi viene da dire a proposito di questo primo volume è che era da un po’ che non leggevo un libro così ben sviluppato, pieno di colpi di scena e, nonostante le sue 600 e passa pagine, capace di tenermi incollata alle vicende sino alla fine. Lo stile dell’autore è coinvolgente e i personaggi sono descritti benissimo, subito in grado di coinvolgere il lettore, che, immediatamente, sin dalla prima pagina, viene gettato nella storia.

“Al culmine della lunga estate umida dell’anno Settantasettesimo di Sendovani, il Forgialadri di Camorr fece una visita improvvisa e inattesa al sacerdote Senzocchi al Tempio di Perelandro, con la folle speranza di vendergli il giovane Lamora.
«Ho da proporti un affare!» esordì il Forgialadri, forse infaustamente.”

Devo ammettere che ci ho messo un po’ ad orientarmi perché Scott Lynch ha creato un universo molto complesso, dove i nomi dei mesi, ore e periodi del giorno sono diversi, dove politica, alchimia e magia s’intrecciano, creando trame e sottotrame e il lettore è travolto, come si può notare dall’inizio inserito sopra.

Dal punto di vista della trama, la storia si svolge su due livelli, che si intersecano tra loro e presenta anche una serie di sottotrame che aggiungono elementi a quella principale, come pezzi di un puzzle, pagina dopo pagina.

La storia è ambientata nella città di Camorr, di chiara ispirazione veneziana, con le sue isole, canali e architettura, il cui scheletro è composto da torri, ponti, labiritinti formati da un materiale lasciato dagli antichi e misteriosi fondatori della città, il Vetrantico, che abbellisce la città con i suoi colori. Divisa in zone e distretti che si possono vedere dalla mappa presente all’inizio del libro (che è di grandissima utilità), Camorr presenta forti dislivelli economici e grandi separazioni. Sulla nobiltà governa il Duca Nicovante, mentre Capa Barsavi sull’insieme di bande di ladri, medicanti e assassini. In questo universo l’alchimia crea mix di animali e frutti particolari, la magia è presente e pericolosa e le tensioni sociali e politiche sono alte. Questa è solo una piccola parte del complesso worlbuilding che l’autore ha creato e dove è ambientata la storia di Locke Lamora.

Conosciamo l’orfano Locke da bambino, quando il Forgialadri, dopo l’ennesimo guaio combinato, lo affida a Padre Catena e lo ritroviamo da adulto mentre complotta con i suoi colleghi, organizzando una truffa.

La storia, quindi, oscilla tra passato e presente. Nell’interludio (passato) leggiamo di Locke che entra a far parte dei Bastardi Gentiluomini, apprendendo l’arte dell’inganno e del travestimento, imparando non solo a rubare (cosa che già conosceva fin troppo bene), ma anche ad impersonare persone di diversi ceti sociali, imitandone gli accenti, la postura, il modo di parlare e di vestirsi.

Locke è addestrato da Padre Catena, insieme ai gemelli Calo e Galdo Sanza e, in seguito, con Jean Tannen, imparando le lingue, l’aritmetica, la politica, la mitologia e tramite l’interludio il lettore viene a conoscenza di Camorr e della sua complessità. Nel presente, invece, Locke è alla prese con una complessa truffa, la cui riuscita viene ostacolata dall’improvvisa presenza del misterioso Re Grigio che ha iniziato ad assassinare i membri delle bande e minacciando tutti loro. Di fronte alla magia e con la sua famiglia in pericolo, anche Locke si ritrova in difficoltà.

Locke Lamora è il protagonista della storia ed è un personaggio brillante, scaltro, intelligente, pieno di risorse e con un cervello sempre alle prese con piani e sotterfugi. Insieme ai gemelli Sanza, Jean Tannen e Cimice fa parte dei Bastardi Gentiluomini, artisti della truffa e del travestimento, capaci di imitare nobili e mendicanti e prendersi gioco di chiunque.

Ho amato moltissimo leggere dei loro inganni, truffe e sotterfugi, ma, soprattutto, emerge un fortissimo legame tra i personaggi, una bellissima amicizia. I Bastardi Gentiluomini sono una famiglia e si prendono cura l’uno dell’altro, appoggiandosi, proteggendosi e sostenendosi. Locke è ferocemente protettivo della sua famiglia ed è davvero disposto a tutto per loro.

“Gli inganni di Locke Lamora” è un libro che mi ha davvero coinvolto moltissimo. Ho riso delle battute e degli scherzi dei gemelli Sanza, agli escamotage di Locke, alla santa pazienza di Jean, che fa un po’ da mamma chioccia agli altri scalmanati, alla intraprendenza di Cimice. I colpi messi a segno sono rocamboleschi e pieni di inventiva e il modo in cui loro sono in grado di imitare qualunque personaggio della società, dall’accento al vestito, cambiando registri linguistici e il resto è stato davvero interessante e uno spasso da leggere.

La storia è meravigliosa e ho adorato leggere degli insegnamenti di Padre Catena, i piani di Locke e della sua famiglia per rubare ai ricchi per dare…a loro, come se fossero Robin Hood e i suoi. Ci sono moltissimi colpi di scena e ho trovato davvero molto intrigante il modo in cui il libro è costruito e come i personaggi si muovano all’interno della complessa situazione politica e sociale di Camorr.

L’unica “pecca” che ho notato riguarda le figure femminili, poiché sono davvero poche. Di quelle presenti una è spesso nominata, ma non compare mai, un’altra muore subito e se sono importanti due figure nel corso della storia, non acquisiscono lo stesso spessore che hanno gli altri personaggi maschili.

Detto ciò, i personaggi sono caratterizzati davvero benissimo e sono stata subito travolta dalla storia. A mio parere questo libro è il tipico libro che o si ama alla follia o si odia, perché potrebbe risultare “ostico” per la complessità del worlbuilding o il linguaggio utilizzato.

L’ho trovato davvero molto intrigante ed è finito immediatamente tra i miei libri preferiti dell’anno, facendomi anche domandare come diamine non lo conoscessi prima d’ora! Ho visto alcuni che lo paragonano a Six of crows o ad altri libri che hanno come tema i ladri e la found family, ma ritengo Locke Lamora molto più complesso e stratificato. Un degnissimo antenato (dato che il primo libro risale al 2006) di tutti i libri sugli altri ladri e artisti della truffa.

Inoltre è stato impossibile non tifare per Locke e i Bastardi Gentiluomini! Mi sono entrati immediatamente nel cuore!

“Gli inganni di Locke Lamora” è davvero un bellissimo libro, pieno di colpi di scena, sotterfugi, furti, il tema della found family, avventure su avventure e fughe e piani rocamboleschi!

Ci sono stati tantissimi momenti in cui ho riso a crepapelle, ho sorriso, sono rimasta con il fiato sospeso per i numerosi colpi di scena. Quindi se cercate un libro con un worldbuilding complesso e interessante, personaggi ben sfaccettati, magia e alchimia e piani e fughe questo libro è perfetto per voi!

Passate anche dalle mie colleghe per le loro recensioni in questi giorni!

https://libriilmiopassatopresentefuturo.blogspot.com/?m=1

https://sylexlibris.wordpress.com/

https://nelyafinwee.wordpress.com/