Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Il rintocco di Neal Shusterman- Review Party

Salve a tutti e benvenuti alla mia tappa dedicata a “Il rintocco” di Neal Shusterman, l’ultimo libro della trilogia iniziata con “La Falce”. Un grazie enorme ad Ambra per avermi dato l’occasione di partecipare a questo review party e alla casa editrice per la copia in anteprima. Le mie opinioni non sono state in alcun modo influenzate.

Date un’occhiata anche agli altri blog ed ecco a voi la mia recensione!

   
Collana: Fantastica
ISBN: 9788804725435
492 pagine
Prezzo: € 22,00
Cartaceo
In vendita dal 30 marzo 2021

Da tre anni Citra e Rowan sono scomparsi: da quando cioè la falce Goddard ha assunto il potere e il Thunderhead si è chiuso in un silenzio che solo Greyson Tolliver riesce a infrangere. La città-isola di Endura, il “cuore pulsante” della Compagnia delle falci, è perduta, affondata per sempre nelle acque dell’oceano, e con lei le Grandi falci. Davvero sembra che ormai nulla possa impedire il dominio assoluto di Goddard, nominato Suprema Roncola della MidMerica.

E, mentre gli echi della Grande Risonanza scuotono ancora il cuore della Terra, la domanda è una sola: c’è ancora qualcuno in grado di fermare il tiranno? Gli unici a saperlo sono la Tonalità, il Rintocco e il Tuono.

“Il rintocco” di Neal Shusterman è l’ultimo volume della saga distopica iniziata con “La Falce”. Come ogni volume finale che si rispetti anche “Il rintocco” porta con sé il peso di essere la conclusione di un’intera saga, il momento in cui tutti i nodi vengono al pettine e la storia si conclude, per sempre.

Ero così riluttante a lasciare andare alcuni dei miei protagonisti preferiti da aver impiegato parecchi mesi a leggere l’ultimo libro in lingua originale. Per mesi è rimasto a guardarmi in maniera accusatoria dalla mia pila di libri da leggere finché non mi sono decisa a prenderlo in mano e rileggerlo in lingua italiana non è stato semplice affatto.

La mia recensione sarà del tutto priva di spoilers, ma piena di scleri, quindi vi avviso prima di iniziare.

Sono trascorsi tre anni dagli eventi catastrofici di “Thunderhead” e il mondo è del tutto diverso da quello cui il lettore era abituato. Goddard ha il potere supremo, Citra e Rowan sono scomparsi, il Thunderhead è silente e, al tempo stesso, prepara il suo piano. Il lettore ritrova un mondo sconvolto e tra nuovi e vecchi personaggi si conclude un’avvincente trilogia, con scene mozzafiato, fughe rocambolesche, piani su piani fino a un finale sorprendente e agrodolce.

Come abbiamo potuto notare dai libri precedenti, Neal Shusterman ha un’abilità straordinaria nel wordbuilding e nel creare personaggi complessi e interessanti, il cui sviluppo, la cui crescita è sempre brillante e meravigliosamente scritta.

Citra, Rowan, Faraday e il Thunderhead sono solo alcuni dei molteplici punti di vista che sono stati usati ne “Il rintocco”, (amo alla follia il personaggio di Jericho) e la storia si compone, capitolo dopo capitolo, punto di vista dopo punto di vista, come pezzi di un puzzle fino alla sconvolgente conclusione. L’autore, il Thunderhead, compongono la storia sapientemente, facendomi ridere, trattenere il fiato per la sorpresa o la paura, sorridere, emozionare, fino alla fine, finché non ho capito tutti i loro piani.

La trama è colma di colpi di scena, spingendo, come sempre, il lettore, a porsi domande di natura morale, spingendolo a riflettere sulle azioni dei personaggi, sulle loro conseguenze, su cosa sarebbe successo se un personaggio avesse agito in un modo invece che in un altro e così via. Ho sempre amato libri come questa saga, perché suscitano interessanti discussioni e considerazioni sulla vita, sulla morte, su cosa significa sopravvivere e su cosa sia giusto e sbagliato.

I personaggi sono meravigliosamente grigi nelle loro azioni ed è stato intrigante poter leggere la loro conclusione, ma, poiché sono molto affezionata a loro (Goddard, no, no, grazie!) e temevo di perderli del tutto, avere le palpitazioni a ogni colpo di scena non è stato molto piacevole! XD

“Il rintocco” segna la fine di una delle mie saghe preferite. Ho adorato seguire le avventure di Rowan, Citra e Faraday, conoscere Greyson e il Thunderhead, Jericho e, tramite i vari punti di vista, poter conoscere le diverse situazioni in tutto il mondo creato dall’autore e notare quanto il mondo sia cambiato dopo ciò che è successo alla fine di “Thunderhead”.

Ho trovato impossibile non amare i personaggi creati da Shusterman, non sperare nel loro lieto fine e in una degna conclusione della loro storia e non nego di aver più volte esclamato qualcosa tipo “Ancora!? Ma poveri figli, li vuoi lasciare stare?”.

In conclusione, “Il rintocco” è una conclusione intelligente, straziante, agrodolce e perfetta.

Autore:

What you should know about me is: I'm in love with books. I love diving in them, living my heroine's and heroes' adventure, discovering new worlds and characters. I've always loved reading and writing. The idea of creating is thrilling and scary at the same time. 'I'd rather die on an adventure than live standing still."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...