Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Rovina e ascesa di Leigh Bardugo- Review party

Salve a tutti e benvenuti alla mia tappa per il review party dedicato a “Rovina e Ascesa” di Leigh Bardugo. Ringrazio infinitamente Ambra per avermi reso partecipe e la casa editrice per la copia in anteprima. Le mie opinioni non sono state in alcun modo influenzate.

Ecco a voi il calendario del review party

   

Genere: Narrativa Contemporanea

ISBN: 9788804728757

288 pagine

Prezzo: € 18,90

Cartaceo

In vendita dal 30 marzo 2021

“Disprezza il tuo cuore.” Era quello che volevo. Non volevo più essere in lutto, soffrire per qualche perdita o per i sensi di colpa, o per la preoccupazione. Volevo essere dura, calcolatrice. Volevo essere impavida. Fino a poco prima mi era sembrato possibile. Ora ne ero meno sicura.

L’Oscuro ha ormai esteso il suo dominio su Ravka grazie al suo esercito di creature mostruose. Per completare i suoi piani, gli manca solo avere nuovamente al suo fianco Alina, la sua Evocaluce.

La giovane Grisha, anche se indebolita e costretta ad accettare la protezione dell’Apparat e di fanatici che la venerano come una Santa, non ha perso però le speranze: non tutto è perduto, sempre che un certo principe, sfacciato e fuorilegge, sia sopravvissuto, e che lei riesca a trovare la leggendaria creatura alata di Morozova, la chiave per liberare l’unico potere in grado di sconfiggere l’Oscuro e distruggere la Faglia. Per riuscirci, la potente Grisha dovrà tessere nuove alleanze e mettere da parte le vecchie rivalità. Nel farlo, verrà a conoscenza di alcuni segreti del passato dell’Oscuro che getteranno finalmente luce sulla natura del legame che li unisce e del potere che l’uomo esercita su di lei.

Con una nuova guerra alle porte, Alina si avvia verso il compimento del proprio destino, consapevole che opporsi all’ondata di crescente oscurità che lambisce il suo paese potrebbe costarle proprio quel futuro per cui combatte da sempre.

“Rovina e Ascesa” segna la fine della trilogia iniziata con “Tenebre e ossa”, dedicata al Grishaverse. La fine di un’era, la fine delle avventure di Alina e i suoi amici, la fine delle guerre tra ship Malina e Darklina (che non mi mancheranno per niente) e una degnissima conclusione di un’avvincente saga.

La storia riprende poco dopo la disastrosa fine e fuga rocambolesca del precedente libro e ritroviamo una protagonista, benché stanca e provata e oppressa dalle cure dell’Apparat, determinata a fermare l’Oscuro e a proteggere Ravka. La ricerca della misteriosa creatura di Morozova, il terzo amplificatore la spingerà a scoprire cose sul passato dell’Oscuro e su cosa bisognerà fare per salvare il suo paese e la sua famiglia. Tra nuove e vecchie alleanze, fughe e ricerche, viaggi e nuove conoscenze, Alina, Mal, Nikolai, Genya, Zoya, David e altri alleati si preparano a fare di tutto per sconfiggere l’Oscuro. Anche se, forse, il prezzo da pagare sarà troppo alto.

La conclusione della trilogia, come ogni finale che si rispetti, è molto agrodolce e mi ha particolarmente colpito. Il worldbuilding creato dall’autrice è, come sempre, straordinario e intrigante e amo il modo in cui i personaggi, dal primo all’ultimo, sono maturati nel corso della trilogia, spingendomi a conoscerli meglio ed ad apprezzarli. Inutile dire che ho rivalutato molti di loro, impressionata dalla loro crescita e ho adorato moltissimo David e Zoya, mi sono molto affezionata ai nuovi personaggi introdotti. La storia è, come gli altri libri, piena di colpi di scena e di rivelazioni, sull’Oscuro, su Morozova, sul passato e il potere, sulle conseguenze di esso e i rischi e i sacrifici richiesti. Soprattutto Alina sente su di sé, acutamente, il peso di questa guerra, delle perdite e sofferenze ed è determinata a porre fine al regno de l’Oscuro, a lottare contro di lui e liberare Ravka dalla sua influenza e crudeltà. In un gioco di potere, minacce, perdite e scontri, Alina e l’Oscuro si incontrano, si scontrano, muovono pedine fino alla conclusione finale.

Ho amato leggere questa trilogia e mi ha lasciato moltissimo. Ho riso, mi sono commossa, ho sorriso nel leggere i battibecchi tra i vari personaggi, ho trattenuto il fiato nell’assistere alle loro fughe, alle morti e alle perdite. La Bardugo descrive perfettamente un paese in guerra, non disdegnando morti brutali e minacce messe in atto, sacrifici da compiere, ma è tutto, nonostante sia ambientato in un mondo fantasy, molto realistico nell’emozioni e reazioni dei personaggi.

So che la storia del Grishaverse prosegue con King of Scars e la duologia di Six of Crows, ma la storia di Alina è terminata e mi mancherà davvero molto. Lo consiglio assolutamente, è un finale davvero degno di una trilogia intrigante e piena di personaggi straordinari, impossibile non amarli.

Autore:

What you should know about me is: I'm in love with books. I love diving in them, living my heroine's and heroes' adventure, discovering new worlds and characters. I've always loved reading and writing. The idea of creating is thrilling and scary at the same time. 'I'd rather die on an adventure than live standing still."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...