Pubblicato in: As Travars-Recensioni

This is Our Rainbow: 16 Stories of Her, Him, Them, and Us Edited by Katherine Locke and Nicole Melleby- Book tour

Hello and welcome to my stop for This is our rainbow: 16 stories of Her, Him, Them and Us! A huge thanks to Tbr and Beyond Tours for this opportunity!

Genre: Middle Grade Anthology
Publishing date: October 19th, 2021
Goodreads | Amazon | Barnes & Noble | Book Depository | Indigo | IndieBound

The first LGBTQIA+ anthology for middle-graders featuring stories for every letter of the acronym, including realistic, fantasy, and sci-fi stories by authors like Justina Ireland, Marieke Nijkamp, Alex Gino, and more!

A boyband fandom becomes a conduit to coming out. A former bully becomes a first-kiss prospect. One nonbinary kid searches for an inclusive athletic community after quitting gymnastics. Another nonbinary kid, who happens to be a pirate, makes a wish that comes true–but not how they thought it would. A tween girl navigates a crush on her friend’s mom. A young witch turns herself into a puppy to win over a new neighbor. A trans girl empowers her online bestie to come out.

From wind-breathing dragons to first crushes, This Is Our Rainbow features story after story of joyful, proud LGBTQIA+ representation. You will fall in love with this insightful, poignant anthology of queer fantasy, historical, and contemporary stories from authors including: Eric Bell, Lisa Jenn Bigelow, Ashley Herring Blake, Lisa Bunker, Alex Gino, Justina Ireland, Shing Yin Khor, Katherine Locke, Mariama J. Lockington, Nicole Melleby, Marieke Nijkamp, Claribel A. Ortega, Mark Oshiro, Molly Knox Ostertag, Aisa Salazar, and AJ Sass.

Thank you so much, NetGalley, Random House Children’s and Knopf Books for Young Readers for the chance to read and review this book in exchange of an honest review.

This is Our Rainbow is the LGBTQA+ anthology for middle-graders and I loved every single story! There are 16 stories, a beautiful and intense collection of queer fantasy, contemporary, historical stories. We meet people with magical powers and special letters, a nonbinary pirate who makes a wish to a wind-breathing dragon, a zombie girl with a lovely relationship with her girlfriend, a girl crushing on her friend’s mum, a trans girl empowering her bestie to come out and be herself, a group of friends who are growing up and changing, realizing more and more things about themselves and what they love and like…there’s everything and it’s amazing.

It’s a collection about discovering, accepting and embracing yourself, your queerness, it’s filled with joy and laughter, intense and funny moments, fear, but happy ending. I laughed, cried with happiness, cheering them on and it was so amazing.

It filled my heart with love and hope and it was such an amazing journey through magic, first crushes, zombies, ex bullies, dragons, friendships, loves… These characters are realistic, in their fears, hopes, dreams, fighting, in some stories, against relatives, expectations and what others may think of them. They are brave, scared, eager to be themselves and to love without limits and it’s really empowering.
There are so many stories I loved, so many wonderful and brilliant characters, so skillfully written and I loved exploring with them their feelings, realizing their crushes and who they are. A wonderful collection, a definitely recommended read.

“She looked the way my heart felt sometimes, too loud and too bright, and maybe that meant she would understand what I was feeling lately.”

“You are wonderful and you are perfect, without conditions, just as you are.”

“I know who I am. And it’s time to say.”

I wonder what it would be like to walk out from my hiding place and say who I am, loud and clear. To not hide. To not be afraid of other people. To be…me.”

“It was a name I had been given. A name I had chosen. Didn’t that make it real?”

“Not everything worthwhile is easy.”

Katherine Locke lives and writes in Philadelphia, Pennsylvania with their feline overlords and their addiction to chai lattes. They are the author of The Girl with the Red Balloon, a 2018 Sydney Taylor Honor Book and 2018 Carolyn W. Field Honor Book, as well as The Spy with the Red Balloon. They are the co-editor and contributor to It’s A Whole Spiel: Love, Latkes and Other Jewish Stories, and a contributor to Unbroken: 13 Stories Starring Disabled Teens and the forthcoming Out Now: Queer We Go Again. They are also the author of Bedtime for Superheroes and What are Your Words?. They not-so-secretly believe most stories are fairytales in disguise. They can be found online at KatherineLockeBooks.com and @bibliogato on Twitter and Instagram.

Katherine is represented by Lara Perkins at Andrea Brown Literary Agency.


Website | Twitter | Instagram | Goodreads | Facebook

Nicole Melleby, a born-and-bread Jersey native, is an award-winning children’s author. Her middle grade books have been Junior Library Guild Gold Standard selections, and have earned the Skipping Stones Honor Award, as well as being a 2020 Kirkus Reviews best book of the year. Her debut novel, Hurricane Season, was a Lambda Literary Award finalist. She currently teaches college literature and creative writing, and spends most of her free time roller skating. She lives with her wife and their cat, whose need for attention oddly aligns with Nicole’s writing schedule.
Website | Twitter | Instagram | Goodreads

Go check the tour schedule here:

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

That dark infinity by Kate Pentecost- Book tour

Hello and welcome to my stop for That dark infinity by Kate Pentecost! Thank you, Tbr and beyond tours for this opportunity!

Genre: Young Adult Fantasy
Publishing date: October 19th, 2021
Goodreads | Amazon | Barnes & Noble | Book Depository | Indigo | IndieBound



By night, the Ankou is a legendary, permanently young mercenary. By day, a witch’s curse leaves him no more than bones. Caught in an unending cycle of death and resurrection, the Ankou wants only to find the death that has been prophesied for him, especially once he begins to rot while he’s still alive….
After the kingdom of Kaer-Ise is sacked, Flora, loyal handmaiden to the princess, is assaulted and left for dead. As the sole survivor of the massacre, Flora wants desperately to find the princess she served. When the Ankou agrees to help her find the princess, and to train her in exchange for her help in breaking his curse, she accepts. But how can she kill an immortal? Especially one whom she is slowly growing to understand—and maybe even to love?
Together, they will solve mysteries, battle monsters, break curses, and race not only against time, but against fate itself.

TW: rape (off screen), PTSD, death, blood

The Ankou is a young mercenary, cursed to never die. By night he’s able to fight against demons, witches, kelpies and all kind of monsters, but, by day, he becomes bones and he’s trapped, between life and death, unable to move on and to find peace. Flora is the only survivor of the kingdom of Kaer-Ise. Assaulted and left for dead, she’s saved by the Ankou and desperate to find the princess she served and loved, they strike a deal. The Ankou will help her find the princess and train her in combat and Flora will aid him in breaking his curse, following a strange prophecy. But nothing is simple and they will face battle, eagles, solve mysteries and illnesses, while their bond strengthen and threaten everything.

I absolutely LOVED reading That dark infinity! The story is very original and it captured my attention right away. The book is a wonderful and thrilling fantasy, mixing witches and curses, all kind of monsters, political battles, PTSD, falling in love, family’s expectations, society’s expectations and so much more. The characterization is very good, the book is focused on three characters: the Ankou, Flora and Atonais, the prophecy’s protagonists and each of them is facing struggles, expectations, personal journeys.

The Ankou is a brilliant character, weighed down by his past, traumas and loves and his inability to actually die and find peace. His meeting with Flora gives him hope to find a real solution, even though it brings more that he and Flora expected, when he starts to rot while awake and alive. Flora, on the other hand, lived all her life believing in her goddess, in virtue and purity, serving and loving his princess, but when her kingdom is attacked and destroyed and she’s assaulted, she struggles with her traumas, fears and lost hopes. Travelling with the Ankou gives her a new purpose, battling monsters, looking for a way to save him, helping Atonais, all while still looking for her lost princess, hoping for the best. Atonais is a lightning mage, shunned by his family because different, by the other magicians, because he mixes magic and sciences and he’s the third member of this weird group. In their journey, looking for answers, a cure and a lost temple, the Ankou, then called Lazarus, Flora and Atonais grow, change and becoming more and more confident of themselves, creating a peculiar bond with each other, made of loyalty, love and adventure.

The worldbuilding is fascinating, a world where curses and monsters exist, where people call a mercenary to help them fight monsters and diseases, where unicorns and maidens share a bond, ghouls wander, lost temples and gods live and where love can save and complicate everything. It’s a book about sacrifice, love, loyalty and healing, it’s a journey Lazarus, Flora and Atonais have to take, while healing, finding and embracing themselves and each other. I liked how the author talked about traumas and losses, how her characters face and learn, with time, to accept them and not to let their traumas define them. I also loved the slow burn, friends to lovers and the way it didn’t slow or weigh down the story, it was really well integrated and spontaneous. The relationships between characters, both between the main ones and with the side ones, are well written and realistic.

The plot is full of twists, discoveries, battles, monsters and I loved everything. In a race against time and fate, these characters are brilliant, clever and brave. I devoured this book and I absolutely loved it. I definitely recommend it to everyone!

Kate Pentecost was born and raised on the Texas/Louisiana border, where ghosts and rural legends lurk in the pines and nothing is completely as it seems.
She holds an MFA in Writing for Children & Young Adults from Vermont College of Fine Arts. She was recently nominated for a Rhysling award for her poem “Small Town Witches.”
Her debut novel, Elysium Girls, is forthcoming from Disney Hyperion in 2020 in print and audio formats.
She is obsessed with the Romantic Poets and can be identified by the enormous tattoo of Percy Bysshe Shelley on her arm. She lives in Houston.
Website | Twitter | Instagram | Goodreads | Facebook

Go check the tour schedule here:

https://tbrandbeyondtours.com/2021/09/26/tour-schedule-that-dark-infinity-by-kate-pentecost/

Pubblicato in: Approfondimento, As Travars-Recensioni

Realm Breaker di Victoria Aveyard- Review party

Benvenut* alla mia tappa del review party dedicato a Realm Breaker di Victoria Aveyard! Un grazie enorme a Maria Cristina per aver organizzato l’evento e alla casa editrice per la copia in anteprima. Le mie opinioni non sono state influenzate in alcun modo.

Autore Victoria Aveyard
Editore Mondadori
Collana Fantastica
Formato Rilegato
Pubblicato 19/10/2021
Pagine 396
Traduttore F. Santi


Un’oscura presenza si sta facendo largo nel Regno di Allward. La percepisce persino Corayne, figlia della pirata Meliz an-Amarat, che pure è costretta dalla madre a vivere in uno sperduto e tranquillo villaggio sulla costa, mentre sogna un futuro pieno di avventure per mare. Quel che Corayne ancora non sa è che il destino sta per bussare alla sua porta. La sua esistenza, infatti, viene sconvolta il giorno in cui un Avo, creatura mitica e immortale, e un’assassina letale come poche altre al mondo, le fanno visita. I due hanno affrontato un viaggio pericoloso per trovarla e per chiederle aiuto. Un uomo assetato di potere, infatti, sta mettendo insieme un esercito mai visto prima ed è più che mai determinato a sradicare le fondamenta del loro mondo per ridurlo in cenere. Con il cuore ricolmo di veleno e la mano armata da una spada rubata, e potentissima, è pronto a tutto pur di raggiungere il suo scopo. Solo Corayne può fermarlo. Perciò la ragazza, accompagnata da un improbabile e riluttante gruppo di alleati, uno scudiero, un immortale, un’assassina e una strega, si avventura in una missione disperata. Ma proprio nel caricarsi il destino del mondo sulle spalle, imboccherà la strada per trovare finalmente se stessa e scoprire la magia che le scorre nelle vene.

Ambientato in un mondo fantastico, dove il passato e il presente s’intrecciano, dove creature immortali lottano per salvare un regno immenso e complesso, dove spade magiche possono aprire mondi paralleli, una giovane si ritrova il peso del mondo sulle proprie spalle. Corayne è la figlia della pirata Meliz an-Amarat e da sempre anela di viaggiare, di allontanarsi dalla sua città, di vedere il mondo, lottando contro la volontà di sua madre, che non vuole appoggiare i suoi desideri. Quando una creatura immortale, un Avo, le rivela che è figlia di un guerriero, che ha sangue Spectrum nelle vene e ha il potere di usare una spada speciale e di salvare il regno da un’invasione di un esercito disposto a distruggere tutto sul suo cammino, tutto cambia. Corayne inizierà, quindi, un’avventura che la porterà in posti e città mai conosciute prima, accompagnata da un gruppo di alleati, tra cui uno scudiero, un Avo disposto a tutto pur di proteggerla, una strega, un’assassina. Disposti a stravolgere il mondo esistente, una regina e un uomo pieno di rancore e vendetta. La storia è piena di colpi di scena, un viaggio coinvolgente che porterà i protagonisti, e il lettore con loro, a visitare città e deserti, a scoprire segreti e a lottare per salvare il regno e le vite di tutti.

Ho adorato leggere Il regno delle ceneri! Devo ammettere che è stato il primo romanzo che abbia letto di Victoria Aveyard e l’ho trovato molto coinvolgente. Il worldbuilding è molto complesso e, spesso, devo dire, un po’ confusionario e difficile da seguire. Per questo motivo, almeno geograficamente parlando, ho adorato la presenza della mappa, che mi ha permesso di seguire i loro passi. Certe volte sono state date troppe informazioni troppo in fretta e qualche volta era difficile seguire leggende, poteri e giochi politici, ma nel complesso mi è piaciuto leggere Il regno delle ceneri.

Ho molto apprezzato la caratterizzazione dei personaggi e come la storia viene narrata, con molteplici punti di vista, intrecciando protagonisti e antagonisti, luoghi diversi e interessanti scoperte. Il lettore può seguire le vicende dello scudiero Andry, dell’immortale Domacridhan, detto “Dom”, di sua cugina Ridha e della sua ricerca, della coraggiosa Corayne, dell’assassina Sorasa, della strega Valtik, della testarda regina Erida. Ogni personaggio è ottimamente caratterizzato ed è stato un piacere poter conoscere i loro sogni, speranze, paure e desideri. Mi sono piaciuti molto i diversi personaggi, soprattutto la loro complessità e le sfaccettature di ognuno. Come Andry con il suo desiderio di diventare cavaliere, proteggere la madre malata e salvare il regno, Dom con ciò che ha perduto e sua cugina Ridha con il desiderio di salvare i mortali, appellandosi a altri potenti regnanti, la misteriosa Sorasa, la cui storia sono molto curiosa di scoprire, la simpatica e strana strega Valtik. Spiccano, per me, la brillante regina Erida, assetata di potere, desiderosa di essere indipendente e di rinforzare il proprio regno, disposta anche ad allearsi con personaggi pericolosi come Taristan e, soprattutto, Corayne, che si ritrova il peso del mondo sulle spalle.

La storia è interessante, ho apprezzato le voci narranti ben amalgamate, le ambientazioni che variano dai deserti, alle città piene di statue e giardini straordinari, alla corte con i suoi intrighi, ai mostri marini e ai pirati, all’esercito di morti incapaci di essere sconfitti e via discorrendo. Un viaggio fisico e psicologico che ha coinvolto tutti i personaggi, trascinando il lettore dappertutto, facendogli trattenere il fiato per la sorpresa o i colpi di scena, sorridere leggendo alcune interazioni, sorprendendosi per altre, facendolo stare sulle spine. Sono molto curiosa di sapere cosa accadrà in seguito! Sotto potete trovare il mio approfondimento su un personaggio che ho molto adorato: Corayne!

Corayne an-Amarat è uno dei protagonisti principali di Il regno delle ceneri. Figlia di una famosa e temeraria pirata, Meliz An-Amarat, e cresciuta senza un padre, la giovane desidera viaggiare ed esplorare il mondo, ma non è mai riuscita a lasciare la città costiera dov’è nata, costretta a seguire le volontà della madre. Corayne è una giovane intelligente e intraprendente e quando due sconosciuti arrivano alla sua porta e le raccontano una storia surreale e, sfortunatamente per lei, veritiera, si ritrova investita del potere di salvare il mondo e fermare un esercito di creature spietate e difficili da uccidere. Infatti, lei è la figlia di Cortael, figlio di Antica Cor, un guerriero dell’antica stirpe, ha sangue Spectrum nelle vene e con la spada Spectrum può fermare l’antagonista Taristan. Corayne si ritrova, quindi, coinvolta in qualcosa molto più grande di lei, con una responsabilità enorme sulle spalle e l’opportunità, finalmente, di lasciare la sua città ed esplorare il mondo. Anche se non avrebbe mai immaginato di doverlo fare in quelle condizioni. Seguita e appoggiata da un gruppo molto eterogeneo di alleati, tra cui lo scudiero Andry, l’assassina Sorasa, la bizzarra strega Valtik e il testardo Avo Dom, Corayne intraprende il suo cammino, che sarà sia fisico che psicologico e che spingerà tutti, non solo lei, a maturare, crescere e cambiare nel corso dell’intero romanzo.

Corayne è un personaggio che ho molto apprezzato. Ha diciassette anni, è, come tutte le adolescenti, desiderosa di vedere il mondo, lottando contro la claustrofobia che sente, bloccata a Lemarta, protetta da Kastio, il suo guardiano. In grado di muoversi nella città portuale, tra navi, carichi e marinai, gestendo il suo libro mastro, desiderosa di mostrare alla madre il proprio valore, Corayne si sente soffocare e vuole andarsene. L’arrivo di Dom e Sorasa stravolge la sua vita, costringendola ad aprire gli occhi ad antichi poteri, regni in pericolo, eserciti di non morti e uno zio antagonista e spietato.

Una delle cose che ho adorato del suo personaggio è quanto sia estremamente realistico, nelle sue azioni e pensieri, nei suoi dubbi e paure. Corayne si ritrova il peso del mondo sulle spalle ed è un adolescente che scopre di non essere come tutti gli altri, ma contrariamente agli altri “Chosen Ones”, Corayne non cambia improvvisamente. Non scopre di avere abilità nascoste, poteri magici o diventa una guerriera abile, anzi. Resta esattamente ciò che era prima che sapesse la verità sul proprio sangue e suo padre. Corayne è un personaggio ingenuo, un po’ maldestro, incapace di lottare e di proteggersi, di usare la spada e, nonostante le sue conoscenze, apprese studiando a Lamarta, c’è molto del mondo che non conosce e ciò la fa sentire in svantaggio. Quindi si sente smarrita, non sa come comportarsi, come agire e decide di affrontare ciò che le accade man mano, pur sentendosi persa. In un lungo viaggio, che la porterà a racimolare conoscenze e diversi e bizzarri alleati, ognuno con le sue problematiche, difficoltà e desideri, Corayne si ritroverà a visitare città, palazzi, corti reali, ad apprendere cose sulle profezie, nuovi mondi e pericoli.

Stupendo il rapporto che si crea con Sorasa, che si comporta nei suoi confronti un po’ da sorella maggiore, trascinata in quella missione per denaro, ma decidendo di restare per ben altri motivi. O il rapporto con Andry, molto tenero e che ha dell’enorme potenziale, con Dom, appesantito dal lutto per la morte del padre Cortael, amico e compagno dell’Avo e disposto a tutto pur di proteggerne la figlia. Corayne, come del resto anche gli altri personaggi, cresce moltissimo nel corso dell’opera, assumendosi più responsabilità, prendendo in mano la sua vita, decidendo, nel corso del tempo e della storia, di accettare pienamente il suo ruolo in quella complessa situazione.

Ho apprezzato il suo sviluppo e sono davvero curiosa di leggere ciò che accadrà in seguito.

Ecco a voi il calendario! Passate dagli altri blog!

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

La corte dei miracoli di Kester Grant- Review Party

Benvenut* alla mia tappa del review party dedicato a “La corte dei miracoli” di Kester Grant. Un grazie enorme ad Ambra per aver organizzato l’evento, le bellissime grafiche e avermi coinvolta. Grazie alla casa editrice per la copia in anteprima. Le mie opinioni non sono state in alcun modo influenzate.

Kester Grant
Editore Mondadori
Collana Fantastica
Formato Rilegato
Pubblicato 12/10/2021
Pagine 300
Isbn788804721482
Traduttore S. Brambilla

Dopo il fallimento della Rivoluzione e l’uccisione di tutti i rivoluzionari, Parigi è una città divisa in due. Accanto al reticolo di viali severi, fiancheggiati da bossi e frequentati dall’aristocrazia, prospera infatti una giungla tenebrosa popolata da sciami di mendicanti, ladri ed emarginati, teatro di crimini e miseria, un luogo oscuro e senza leggi. Qui il potere è gestito dai Miserabili, una formidabile corte di criminali divisi in nove corporazioni, chiamata la Corte dei Miracoli. Membro della Corporazione dei Ladri, Nina Thénardier può rubare qualunque cosa a chiunque. La ragazza, soprannominata la Gatta Nera, ha sfidato la sorte così tante volte da essere quasi diventata una leggenda tra i Miserabili. Eppure questo non sembra contare molto quando, ancora una volta, la sua strada si incrocia con quella di Lord Kaplan, detto Tigre, feroce capo della Corporazione della Carne. L’uomo ha messo gli occhi sulla sorella della giovane ladra e, si sa, nessuno è mai riuscito a impedirgli di ottenere ciò che vuole. Non ci è mai riuscita la Corte dei Miracoli, come potrebbe farlo Nina, sveglia certo, ma comunque una ragazza, minuta per di più? Di due cose, però, Tigre non ha tenuto conto. La prima è una regola inviolabile per tutti i Miserabili: mai, mai rubare a una ladra. E la seconda è che, quando si tratta di proteggere chi amano, le gatte sono capaci di mostrare denti e artigli e di diventare decisamente pericolose… Ispirandosi a due capolavori della letteratura di tutti i tempi, “I miserabili” di Victor Hugo e “Il libro della giungla” di Rudyard Kipling, Kester Grant tesse un’ammaliante storia di crudeltà, passione e vendetta che, attraverso le vicende della protagonista, condurrà i lettori nel ventre più oscuro di Parigi, passando per la sfavillante corte di Francia per abbracciare l’alba di una nuova rivoluzione.

Ambientata in una realtà alternativa, nel 1828, in una Parigi nella quale la Rivoluzione Francese è fallita, la città è divisa tra in due nette parti: i Viandanti Diurni, i nobili, la polizia e i Miserabili, che fanno parte di nove Corporazioni: i Ladri, i Mendicanti, gli Assassini, i Giocatori d’azzardo, i Mercenari, i Contrabbandieri, le Prostitute, i Mangiatori d’Oppio e gli Uomini di Lettere. I signori di ogni corporazione formano la cosiddetta Corte dei Miracoli, governata da leggi e regole ben precise. Eponine Thenardier, detta Nina, è la protagonista della storia, membro della Corporazione dei Ladri ed è una talentuosa ladra, conosciuta da tutti come la Gatta Nera. Nina vive in un mondo di criminali, ma regolato da leggi e regole che tutti i membri delle Corporazioni devono rispettare. Quando Ettie, sua sorella adottiva, attira l’attenzione della Tigre, il crudele e spietato capo della Corporazione della Carne, che si occupa di prostituzione e schiavitù, Nina è disposta a tutto pur di salvarla. Anche a scatenare una guerra tra le varie Corporazioni.

Ispirandosi a “I miserabili” di Victor Hugo e “Il libro della giungla” di Rudyard Kipling, Kester Grant crea un complesso e stratificato mondo criminale. Nove Corporazioni, divise dai Viandanti Diurni non solo da tradizioni, regole e differenze socioeconomiche e Nina, grazie alla sua testardaggine e determinazione si ritroverà a incontrare membri delle diverse Corporazioni, rivoluzionari e persino nobili nel tentativo di salvare non solo Ettie, ma anche sua sorella biologica Azelma, prigioniera e isolata.

La Corte dei miracoli è un libro pieno di momenti divertenti e intensi, personaggi sarcastici e leali, una storia di amore, speranza, disperazione e rabbia. In un mondo complesso e oscuro, pieno di pericoli e violenze, Nina di muove tra le diverse realtà, incontrando e facendo amicizie con svariati personaggi. Ho trovato affascinante il modo in cui questo mondo è diviso, le varie Corporazioni con le loro regole, eroi e imprese, intrigante incontrare personaggi presi da “I miserabili” come l’ispettore Javert, una donna in questa versione, la sua ossessione per Jean Valjean, Eponine e così via. Mi sono piaciuti i rivoluzionari, St. Juste e le loro idee e il loro coraggio, così come le relazioni tra i vari personaggi, soprattutto quella tra Nina e la sorella Ettie, piena di affetto e fiducia.

Ci sono cose che, però, non mi sono piaciute. La corte dei miracoli è un libro molto ambizioso, ma, secondo me, non rende del tutto. L’ambientazione è apparentemente complessa, una Parigi alternativa, ma che non viene sviluppata in modo esaustivo. Pur essendo affascinata dalle diverse Corporazioni, spesso e volentieri sono solo accennate e non approfondite, cosa che avrei preferito, così come le relazioni tra i vari personaggi, un po’ troppo frettolose.

Nina, in particolar modo, è un personaggio che, sfortunatamente, non mi ha molto colpita. Definita come scaltra e coraggiosa, lo è, ma in modo piuttosto irrealistico. Nessuno è mai riuscito in questa impresa? Lei ci riuscirà. Nessuno ha mai rubato questo oggetto o entrato in questo posto? Ovviamente Nina ci riuscirà in tre secondi e senza sforzi.

Un vero peccato perché la storia ha molto potenziale, lo stile è scorrevole e è stato rapido e abbastanza piacevole leggerla, ma mi dispiace dire di non riuscire a dare oltre tre stelline. Spero davvero che il sequel sia migliore e sono curiosa di sapere cosa accadrà.

Vi lascio il calendario, date un’occhiata alle altre recensioni!

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Jade Fire Gold by June CL Tan- Book Tour

Hello and welcome to my stop for the Jade Fire Gold by June CL Tan book tour, organized by TBR and Beyond Tours! Thank you so much for this chance!

Genre: Young Adult Fantasy
Publishing date: October 12th, 2021
Goodreads | Amazon | Barnes & Noble | Book Depository | Indigo | IndieBound

Content Warnings: self-harm (gouging, eye horror; non-graphic), child abuse (physical, verbal, emotional manipulation/gaslighting), parent death (implied, off-page), character deaths mentions and descriptions of fantasy/magical violence (blood, war, political violence), mentions and descriptions of physical symptoms that might be triggering to those with emetophobia

Girls of Paper and Fire meets The Tiger at Midnight in June CL Tan’s stunning debut, inspired by Chinese mythology, with rich magic and an epic slow-burn romance.
In an empire on the brink of war . . .

Ahn is no one, with no past and no family.
Altan is a lost heir, his future stolen away as a child.
When they meet, Altan sees in Ahn a path to reclaiming the throne. Ahn sees a way to finally unlock her past and understand her arcane magical abilities.
But they may have to pay a far deadlier price than either could have imagined.

Ferocious action, shadowy intrigue, and a captivating romance collide in June CL Tan’s debut, a stunning homage to the Xianxia novel with a tender, beating heart, perfect for fans of The Bone Witch and We Hunt the Flame.

Thank you, NetGalley, HarperCollins Children’s books and HarperTeen, for the chance to read and review this book in exchange of an honest review.

Set in an empire on the brink of war, where the socioeconomic differences between wealthy and poor is stronger than ever, Ahn and Altan find themselves on a path to change their country. Ahn is no one, she doesn’t remember her family and her past. Adopted by an older woman, now her adoptive grandmother she tries to survive in their poor city, without hopes, money and work. When something happens that changes forever her life, Ahn discovers a new world, secrets and truths about herself and the world around her. Altan is the lost heir of the empire, willing to do anything in his power to avenge his family and reclaiming his throne. When they meet, Ahn and Altan are forced to work together, to protect their country and empire, innocent people, while trying to understand their own magical abilities and their roles.

I really liked reading Jade Fire Gold. I was so curious to read this book and I wasn’t disappointed. It’s a debut work and it’s very good. The writing style is brilliant, the plot captivating and I loved the worldbuilding. I was really interested in the magic system, the socioeconomic divisions and how the main characters face one other, both with their own agendas, fears, hopes and dreams. The story is told by two POVs, Ahn’s and Altan, weaving together, while trying to understand what they have to do, what they want to do and how much they are meaning for one other. The story is captivating, well written and I liked this book.

There are some things I didn’t like, though I wasn’t so impressed by the enemies to lovers romance, I couldn’t like them so much together. I also felt like the final 20% of the book and ending were a bit too rushed. I would have loved to know more about the magic system and more about the worldbuilding, but it’s more of a preference than a criticism. I loved the characterization, main and side characters, but I preferred Altan’s POV to Ahn’s. I liked her characters, but with everything she’s been through, I felt she was a bit more passive than him, while I appreciated more his drive and determination.

Overall, though, Jade Fire Gold is a strong debut, the worldbuilding is very fascinating, the writing is amazing and very captivating and I definitely recommend it.


“History is never written by its victims”

“Children are not born with the fear of falling. It is life that conditions them to be afraid.”

“Alway remember, the heart is not a weakness.”

“You may not be able to change the past, but with each action, you can change the future.”

Life is but a dream, and death is returning home.”

Forgiveness is not weakness.”

June CL Tan grew up in Singapore where she was raised on a diet of classic books and wuxia movies, caffeine and congee. After obtaining three degrees, she decided she had enough of academia. Thankfully, those degrees were somewhat related to telling stories and now, she resides in New York City, writing under the watchful eye of her crafty cat. Jade Fire Gold is her debut novel.
Website | Twitter | Instagram | Goodreads



https://tbrandbeyondtours.com/2021/09/18/tour-schedule-jade-fire-gold-by-june-cl-tan/

US ONLY

You can partecipate to the giveaway, too!

One winner will receive a finished copy of Jade Fire Gold. The giveaway starts on October 11th and ends on October 18th!

Direct Link: http://www.rafflecopter.com/rafl/display/fc15a59543/?

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

The Hawthorne Legacy di Jennifer Lynn Barnes- Review Party

Salve e benvenut* alla mia tappa del review party dedicato a “The Hawthorne Legacy” di Jennifer Lynn Barnes, organizzato da Ambra, che ha creato le stupende grafiche e, soprattutto, mi ha fatto conoscere questa saga bellissima! Un grazie enorme alla casa editrice per la copia in anteprima. Le mie opinioni non sono state in alcun modo influenzate.

Autore: Jennifer Lynn Barnes
Traduttore: Cristina Brambilla
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pandora
Anno edizione: 2021
Pagine: 390 p., Rilegato
Età di lettura: Young Adult
EAN: 9788820071318

L’atteso, emozionante sequel di The Inheritance Games, il romanzo bestseller di Jennifer Lynn Barnes che si è affermato come un caso editoriale internazionale.
«Non c’è nessuna regola che conti quanto vincere»
Dopo aver ricevuto inaspettatamente l’eredità di Tobias Hawthorne, Avery sta vivendo una nuova vita che mai avrebbe immaginato per sé: paparazzi, schiere di addetti alla sicurezza, una dimora immensa e tentacolare piena di tranelli e più denaro di quanto sia concepibile. Eppure, nella sua mente aleggia una sola domanda: perché io? Ed è per darsi una risposta che si ritrova invischiata in una caccia al tesoro letale a fianco dei quattro fratelli Hawthorne, che a volte paiono alleati, a volte temibili sfidanti sempre un passo avanti a tutti. Indovinello dopo indovinello, segreto dopo segreto, Avery è sempre più combattuta tra due dei ragazzi, Grayson e Jameson. Se il primo la attrae perché è razionale e responsabile, il secondo le piace per il motivo opposto, ovvero perché è folle e sempre pronto a correre rischi. Mentre minacce e pericoli sembrano celarsi dietro ogni angolo, Avery scoprirà qual è il legame tra lei e gli Hawthorne? E, soprattutto, riuscirà a capire a quale dei fratelli donare il suo cuore?

Ho conosciuto davvero da pochissimo questa saga e l’ho divorata in pochissimi giorni in lingua originale, quindi ero al settimo cielo per l’opportunità di leggere e recensire il secondo volume tradotto in italiano.

Dopo il rocambolesco inizio di The inheritance games, libro pieno zeppo di indovinelli, giochi e segreti da svelare, The Hawthorne Legacy non è affatto da meno. Avery lotta per abituarsi alla sua vita da ereditiera, vita complicata non solo dalla presenza di paparazzi, crisi di amicizie, padri che appaiono all’improvviso, tentati omicidi, ma anche da ulteriori segreti e dal triangolo amoroso in cui si ritrova coinvolta. La storia riprende subito dopo la fine di The inheritance games e Avery e i fratelli Hawthorne continuano nella loro ricerca della verità, cercando di capire perché la giovane sia stata scelta da Tobias Hawthorne e soprattutto dove sia Toby e chi sia per Avery. Avery si ritrova a dubitare della propria storia, della verità che credeva di conoscere, determinata, nonostante le molteplici difficoltà, a svelare i segreti che circondano lei e gli Hawthorne, soprattutto il mistero che avvolge Toby e ciò che gli sia successo. Ho adorato seguire Avery e i ragazzi nelle loro ricerche, è stato appassionante e molto interessante e la storia è davvero pienissima di colpi di scena, fino all’ultimo. Alcuni, devo ammettere, un po’ prevedibili, ma altri mi hanno lasciata senza fiato, davvero fenomenali. I rapporti interpersonali sono assolutamente realistici, così come i loro dubbi, paure e desideri, soprattutto quelli di Avery, il cui smarrimento, determinazione e testardaggine sono davvero resi benissimo.

Come nel primo libro, i misteri, i segreti del passato, le ricerche, gli indovinelli proseguono parallelamente alle storie personali dei personaggi, coinvolgendo il lettore nella nuova vita di Avery e le sue difficoltà, nel particolare triangolo amoroso tra Avery, Jameson e Grayson. Devo ammettere di non essere molto fan del romance e ho preferito decisamente gli indovinelli e i misteri, anche se mi è piaciuta la tensione tra i tre giovani. Ho anche apprezzato che sia stato dedicato più spazio a personaggi secondari, come Xander, che ho adorato da morire per il suo carattere e la sua allegria, Thea e Rebecca, i Laughlin… Avrei voluto sapere di più di Nash che, pur essendo leggermente più presente nel sequel rispetto al primo libro, non ha molto spazio. Spero, quindi, di conoscerlo meglio nel libro successivo.

In conclusione, ho amato da morire leggere questo libro, lo consiglio assolutamente e non vedo l’ora di sapere cosa porterà il terzo!

Date un’occhiata alle altre recensioni, eccovi il calendario:

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Tunnel di ossa di Victoria Schwab- Review Party

Salve e benvenut* alla mia tappa per il review party di Tunnel di ossa della mia brillante Victoria Schwab. Un enorme grazie ad Ambra per aver organizzato l’evento e per le grafiche e alla Mondadori per avermi dato l’opportunità di leggere e recensire questo libro in anteprima. Le mie opinioni non sono state in alcun modo influenzate.

Disponibile su:    

Collana: Fantastica

ISBN: 9788804740247

352 pagine

Prezzo: € 15,00

Cartaceo

In vendita dal 28 settembre 2021

CASS È NEI GUAI. Ancora più del solito.
Insieme a Jacob, il suo migliore amico fantasma, Cass si trova a Parigi, dove i suoi genitori stanno girando il loro programma televisivo sulle città più infestate del mondo. Certo, mangiare croissant e visitare la Tour Eiffel è un vero spasso, ma sotto Parigi, nelle raccapriccianti Catacombe, c’è in agguato un pericolo spettrale.
Quando Cass risveglia un poltergeist terribilmente potente, deve affidarsi alle sue abilità di cacciatrice di spettri, ancora tutte da dimostrare, e chiedere l’aiuto di amici vecchi e nuovi per svelare un mistero.
Se fallirà, le forze che ha ridestato potrebbero rimanere a infestare la città per sempre.
L’autrice bestseller Victoria Schwab torna al mondo di Città di spettri, regalandoci nuove emozionanti avventure e un’indimenticabile lezione sull’amicizia (perché, a volte, anche i migliori amici fantasma hanno segreti).

Dopo le terrificanti, ma interessanti, vicende della Scozia, Cassidy è “pronta” a una nuova avventura e quando i suoi genitori arrivano a Parigi per un’altra tappa del loro programma televisivo la giovane spera che la vacanza possa riguardare soltanto croissant e visitare la città. Ovviamente non è così. Quando la sua presenza e i suoi poteri risvegliano un poltergeist, Cassidy è costretta a rivestire nuovamente il ruolo di cacciatrice di fantasmi e affidarsi a vecchi e nuovi alleati, mentre si ritrova a imparare nuove cose su se stessa, il mondo che la circonda e sul suo migliore amico, che sembra avere segreti potenzialmente pericolosi.

Victoria Schwab ritorna con una nuova intrigante avventura ambientata nella meravigliosa Parigi. Come era accaduto con Edimburgo, tramite il racconto dei genitori di Cassidy e Cassidy stessa, il lettore scopre la città e i suoi segreti, con i suoi miti e leggende, omicidi, morti e spiriti inquieti. La presenza del poltergeist apre a Cassidy un mondo del tutto nuovo e pericoloso, spingendola ad agire prima che l’intera città possa essere stravolta dalla rabbia e dal caos scatenato dal giovane spirito.

Ho adorato leggere Tunnel di ossa, perché, esattamente come il primo, mi sono ritrovata coinvolta nelle leggende e miti della città, ricca di storia e di passato, spingendomi a visitare con i personaggi le Catacombe, le strade di Parigi, a seguirli nelle loro ricerche. Molto interessante, infatti, è stata l’indagine condotta da Cassidy, Jacob e Lara nel trovare chi fosse il poltergeist e il modo di proteggere se stessi e la città dalla sua rabbia.

La storia è stupenda, intrigante e i personaggi sono ben caratterizzati, sia i nuovi che i vecchi. Lara con la sua saggezza e supporto, i genitori di Cassidy che si completano a vicenda nel narrare storie e leggende e visitare la città, la nuova guida e un’alleata inaspettata… Ho molto amato sia la curiosità e impulsività di Cassidy, che si ritrova a rivestire il ruolo di cacciatrice di fantasmi, lottando per abituarsi a questa nuova realtà, che l’essere leggermente più cauto e “fifone” di Jacob, il modo in cui i loro caratteri si completano e si bilanciano. Molto realistico il loro rapporto e le loro azioni, in quanto teenagers dinanzi a un mondo a loro quasi del tutto nuovo.

Uno degli aspetti che amo di più di questa saga è, infatti, proprio lo straordinario rapporto tra Cassidy e Jacob, il modo in cui comunicano, battibeccano, accettano e seguono suggerimenti l’uno dell’altra, si completano a vicenda. Il loro rapporto è, però, “appesantito” dai sospetti di Lara e la paura di Cassidy che Jacob possa acquisire maggiori poteri e rappresentare un pericolo e la consapevolezza che lui abbia dei segreti, rendendo il loro legame più teso.

Leggermente più inquietante e triste del precedente, sia per la presenza del poltergeist che per i segreti rivelati, Tunnel di ossa è un avvincente avventura, dove spicca l’amicizia e il legame tra Cassidy e Jacob, che s’impegnano per comprendersi e parlare, anche di ciò che li turba e spaventa, regalando un’importante lezione sui rapporti.

Tunnel di ossa conferma, come se ce ne fosse bisogno!, la brillante capacità di Victoria Schwab nel coinvolgere, attrarre e catturare l’attenzione del lettore. Pur essendo un middle grade, quindi “leggermente” lontano dalla mia età, ho amato leggere questo libro, ho adorato i personaggi, le loro interazioni e avventure e non vedo l’ora di scoprire cosa succederà dopo l’intrigante conclusione.

Date un’occhiata alle altre tappe! Ecco a voi il calendario!

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Sidelined by Kara Bietz- TBR and Beyond Tours Book Tour




Hello and welcome to my stop for Sidelined by Kara Bietz book tour! Thank you so much to the publisher and TBR and Beyond Tour, for the free copy in exchange of an honest review!


Genre: Young Adult Contemporary
Publishing date: September 21st, 2021
Goodreads | Amazon | Barnes & Noble | Book Depository | IndieBound | Indigo

An emotional YA romance about small town secrets, high school football, and broken hearts.

Julian Jackson has a short to-do list for his senior year at Crenshaw County High School in Meridian, Texas: football, football, and more football. He knows he’s only got one chance to earn a college scholarship and make it out of his small town, and keeping his head down, his grades up, and his cleats on the field is that one chance. And then Elijah Vance walks back into his life, throwing all of his carefully-laid plans into a tailspin.

Elijah and Julian used to be best friends, maybe even on their way to something more than just friends. But three years ago, Elijah broke into the school to steal money from the coach’s office, and Julian was the one who turned him in. After that, Elijah and his family disappeared without a trace. And now he’s back, sitting at Julian’s grandmother’s kitchen table.

But time and distance haven’t erased all of their feelings, and Elijah knows that he finally has a chance to prove to Julian that he’s not the same person he was three years ago. But with secrets still growing between them and an uncertain future barreling towards them, it may be harder to lean on each other than they thought.

Julian Jackson knows what to do in senior year: get good grades, play football and hoping to get a scholarship and make it out of Meridien, but all his plans are upset when his best friend (and maybe something more) comes back in his life. Elijah Vance and Julian Jackson were best friends years ago, but when Julian caught him breaking into school to steal the car wash money and turned him in, Elijah and his family left without saying goodbay. Now that he’s back, Julian and Elijah realize time and space didn’t erase their feelings and Elijah is determined to show Julian he’s not the person everyone thinks he is. Between secrets, between them and in the city and the fear for their own futures, Julian and Elijah fight to be themselves and together.

Sidelined was a brilliant, sweet and funny read I devoured right away. The story is told by two POVs, Julian’s and Elijah, while they navigate high school, expectations from others, their history together, their past and present. Julian and Elijah are very different from one other. Julian is the son of the town hero, a town obsessed with football, traditions and history, while Elijah is, unfortunately, seen as the son of Eric Vance, who is in jail and who tried to steal money, three years ago. Both of them are weighed down by people’s, right and wrong, expectations and both are struggling to fit and escape them, to show the world and themselves they are more than their fathers’ sons. Elijah’s return to Meridien upset Julian’s plans and changes everything, unearthing secrets and so much more.

The story focuses on Julian and Elijah, on their journeys, getting more and more close to one other and facing the world and future together, understanding each other better, while, also, focusing on football, friends, town’s traditions and funny and moving moments.

Through Julian’s and Elijah’s POVs, the author talks about their feelings, attraction and love, their passions and friends, their struggles and fears. Julian and Elijah are teenagers, dealing with school’s pressures and expectations, unpredictable futures, friends and family and they are very realistic in their feelings and actions. They fight, laugh, they are scared, upset, in love with one other, afraid to lose each other in a windwhirl of emotions and beautiful and intense moments.

Their relationship is lovely, complicated by misunderstandings and secrets and I loved the way they are open with one other, talking and explaining, trusting, helping, supporting and loving one other.

The author also deals with people’s prejudices and preconceptions, expectations and how hurtful they can be, how often push others into boxes and refuse to let them out. Julian and Elijah are determined to be themselves, to be seen as they are, to be free from others’ expectations and be in love and together.

Here’s my interview with the amazing author!

1) 𝐖𝐡𝐚𝐭 𝐢𝐧𝐬𝐩𝐢𝐫𝐞𝐝 𝐲𝐨𝐮 𝐭𝐨 𝐰𝐫𝐢𝐭𝐞 𝐭𝐡𝐢𝐬 𝐛𝐨𝐨𝐤?


I lived in Texas for a few years and worked in a high school guidance office and later in the school
library. I learned so much about the culture of high school football and homecoming, and just how
important some of these traditions are to the students and honestly, the whole school community. I
also had a personal wish to see more joyful stories with queer characters falling in love, feeling safe
and respected in their neighborhoods, and being loved and celebrated by their families. These two
things were front and center in my life when I began writing Sidelined.


2) 𝐈𝐟 𝐲𝐨𝐮 𝐜𝐨𝐮𝐥𝐝 𝐝𝐞𝐬𝐜𝐫𝐢𝐛𝐞 𝐲𝐨𝐮𝐫 𝐛𝐨𝐨𝐤 𝐢𝐧 𝐚 𝐪𝐮𝐨𝐭𝐞, 𝐰𝐡𝐚𝐭 𝐰𝐨𝐮𝐥𝐝 𝐢𝐭 𝐛𝐞?


Ooh, that’s a tough one. I think I’ll go with a Maya Angelou quote: “In all the world, there is no heart
for me like yours. In all the world, there is no love for you like mine.”


3) 𝐖𝐡𝐚𝐭 𝐜𝐡𝐚𝐫𝐚𝐜𝐭𝐞𝐫 𝐰𝐚𝐬 𝐭𝐡𝐞 𝐦𝐨𝐬𝐭 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐢𝐜𝐮𝐥𝐭 𝐭𝐨 𝐰𝐫𝐢𝐭𝐞 𝐚𝐧𝐝 𝐰𝐡𝐲?


I think Julian and Elijah were both equally hard to write. There was never a point in which I felt
overwhelmed by either of them, though, and I think that’s important. If I absolutely had to pick
between the two of them, I think it was slightly harder for me to fall into Julian’s voice. He’s a rule-
follower and often sees the world in black and white. While I’m definitely a rule-follower, I think I
see the world a whole lot differently than Julian does.


4) 𝐂𝐨𝐮𝐥𝐝 𝐲𝐨𝐮 𝐭𝐞𝐥𝐥 𝐮𝐬 𝐚𝐛𝐨𝐮𝐭 𝐲𝐨𝐮𝐫 𝐟𝐮𝐭𝐮𝐫𝐞 𝐩𝐫𝐨𝐣𝐞𝐜𝐭𝐬?


I have a couple of (secret) YA projects cooking at the moment. I’m so excited to share details when
the time is right!


5) 𝐇𝐨𝐰 𝐦𝐮𝐜𝐡 𝐨𝐟 𝐲𝐨𝐮 𝐢𝐬 𝐢𝐧 𝐲𝐨𝐮𝐫 𝐜𝐡𝐚𝐫𝐚𝐜𝐭𝐞𝐫𝐬?


I think most writers will tell you that there’s a tiny little bit of themselves in every character they
write. There are some things about Julian that are very much like me, and some things about Elijah
that I can relate to. Usually, my characters tell me little quirks about their personalities throughout
the writing process. I don’t know that readers would be able to pick out the pieces of either Julian or
Elijah that are me, even readers who know me really well.

Kara Bietz was born in New England but currently resides just outside of Atlanta, Georgia with her family. Her first novel, Until I Break, was a Texas Library Association Spirit of Texas Reading Program selection. Her newest release, Sidelined, is a Junior Library Guild Gold Standard Selection.
When she’s not writing, you can find Kara hanging out with her family, singing show tunes to her dogs, and adding to her impressive pen collection. 
Website | Twitter | Instagram | Goodreads | Facebook


https://tbrandbeyondtours.com/2021/08/19/tour-schedule-sidelined-by-kara-bietz/
Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Things we couldn’t say by Jay Coles- CP Tours Book Tour

Hello and welcome to my stop for Thing we couldn’t say by Jay Coles! Thank you, CP tour, for the chance to read this amazing book and for the free copy.


Title:
Things We Couldn’t Say
Author:
Jay Coles
Publisher:
Scholastic Press
Publication Date:
September 21st, 2021
Genres:
Young Adult Contemporary



From one of the brightest and most acclaimed new lights in YA fiction, a fantastic new novel about a bi Black boy finding first love . . . and facing the return of the mother who abandoned his preacher family when he was nine.


There’s always been a hole in Gio’s life. Not because he’s into both guys and girls. Not because his father has some drinking issues. Not because his friends are always bringing him their drama. No, the hole in Gio’s life takes the shape of his birth mom, who left Gio, his brother, and his father when Gio was nine years old. For eight years, he never heard a word from her . . . and now, just as he’s started to get his life together, she’s back.


It’s hard for Gio to know what to do. Can he forgive her like she wants to be forgiven? Or should he tell her she lost her chance to be in his life? Complicating things further, Gio’s started to hang out with David, a new guy on the basketball team. Are they friends? More than friends? At first, Gio’s not sure . . . especially because he’s not sure what he wants from anyone right now.


There are no easy answers to love — whether it’s family love or friend love or romantic love. In Things We Couldn’t Say, Jay Coles, acclaimed author of Tyler Johnson Was Here, shows us a guy trying to navigate love in all its ambiguity — hoping at the other end he’ll be able to figure out who is and who he should be.


Book links:

Goodreads
Amazon
Book Depository
Barnes & Noble
IndieBound
Indigo

TW: racism, homophobia, parental abandonment, parental abuse, side character’s death, suicide (prior to the story), depression, trauma

I love reading Things we couldn’t say. With incredible sensitity, the author deals with themes like grief, parental abandoment, homophobia and racism, telling Gio’s story in his complexity, struggles and hopes. I loved the way the author talks about depression and anxiety, in a very relatable way and his writing style is absolutely amazing, I was really in love since the beginning.

The story is told by Gio’s POV and he’s a fantastic main character, complex and intricate, brave and scared, upset and willing to fight for himself, to be who he is. In his life there always have been an hole, ever since his birth mother left him, his bother and father, when he was nine years old. Gio struggled and struggles with depression, anxiety and, thanks to his therapy, is trying to get his life back together, when his mother suddenly came back, crashing into his life and upsetting everything and everyone. Things are even more complicated since the basketball team has a new member, Gio’s new neighbour, David and when they start to hang together, Gio is even more confused about his feelings, what he wants from life and for himself.

Things we couldn’t say is a powerful and moving book, written beautifully and I felt really involved in Gio’s story, following his struggles, fears, desires and hopes. He’s a very relatable character in his feelings, thoughts and actions and it was incredible following his journey towards accepting and loving himself, learning more about love, family and forgiviness.

Gio’s life isn’t easy. At home he struggles with his drinking and preacher father, who doesn’t want to accept his bisexuality and wants to impose his ideas and thoughts on Gio. He battles with his anxiety and depression, his feelings of unworthiness, ever since he was abandoned, fighting against nightmares and bad thoughts. His mother’s return upsets his already messy life, forcing him to deal with his feelings, fears and hopes. At the same time, while dealing with themes like abandoment, depression, homophobia and abuse, the story stands out for its hope and love, because it’s clear, right away, how Gio is surrounded by people who loves him, from the beautiful and strong bond with his best friends, Olly and Ayesha, his relationship with his brother Theo, with his stepmother Karina and, also, with David, his new friend and, maybe, something more.

I loved reading Gio’s journey, his friendship with Olly and Ayesha, the sweet and intense story with David, how they meet, fit together and love one other in a wonderful and brilliant relationship, made of love, understanding and support.

In Things we couldn’t say Gio tackles relationships and love, between friends, siblings, lovers and parents, grief, rage, identity, struggling to accept and love himself for who he is in all his parts, fighting against those who wants only some of him, learning what love and family means, learning to accept and forgive. It was moving and interesting reading how much Gio grows in this book, realizing how is worthy of love, what family means, the importance of being oneself in all his parts. I loved the importance of talking and therapy in this book, how much people can change and grow, how it’s vital to fight for one’s happiness and freedom.

I totally recommed this book to those who are looking for a cute love story, a journey to love and accept oneself and amazing friendships!





JAY COLES is the author of critically acclaimed
TYLER JOHNSON WAS HERE, a composer with ASCAP, and a professional musician residing in Muncie, Indiana. He is a graduate of Vincennes University and Ball State University and holds degrees in English and Liberal Arts. When he’s not writing diverse books, he’s advocating for them, serving with The Revolution church, and composing music for various music publishers. Jay’s forthcoming novel
THINGS WE COULDN’T SAY is set to be released 9.21.21 with Scholastic! His novels can be purchased at Barnes and Noble or at Amazon.

Author Links:
Website:
https://www.jaycoleswrites.com/
Twitter:
https://twitter.com/mrjaycoles
Instagram:
https://www.instagram.com/mrjaycoles/?hl=en
Goodreads:
https://www.goodreads.com/author/show/11573940.Jay_Coles
Tumblr:
https://jaycoleswritesbooks.tumblr.com/


“Lately I’ve felt so much like all my emotions are exposed to the world and I feel like I’ve got no place to hide.”

Loss fucks you up, but it doesn’t change who you are. I have to believe that. It forces you to be brave and strong so you can hold your life together, and the lives of the people you love together- the ones who are still here.”

“It’s like grief is a backpack we wear through life and we’re costantly putting hard things inside it. Not to ignore those things, but to carry them with us as we go on.”

“The most powerful and insanely beautiful thing you can be is yourself.”

“Memories can be recycled and forgotten, but feelings cannot.”

“When I look into your eyes, I see constellations.”

“You make me brave.”

“And I’m tired of feeling like a prisoner in my own body every damn day. I guess sometimes we meet people who remind us of all the reasons why we exist.”

This world can be so dark and cold and cruel and lonely. I’m so glad that we can face it all together.”

Pubblicato in: As Travars-Recensioni

Le streghe in eterno- Alix E. Harrow- Review Party

Salve a tutt* e benvenut* alla mia tappa per Le Streghe in eterno di Alix E. Harrow! Un grazie enorme a Valeria per aver organizzato l’evento, ad Ambra per la grafica meravigliosa e alla Mondadori per la possibilità di leggere in anteprima questo libro. Le mie recensioni non sono state in alcun modo influenzate.

Ecco a voi il calendario con le varie tappe!

Disponibile su:       
Collana: Fantastica
ISBN: 9788804737674
576 pagine
Prezzo: € 24,00

“Sono terrorizzata e sono terrificante. Sono spaventata e sono qualcosa da temere.” Nel 1893 non esistono streghe. Un tempo sì, c’erano, negli oscuri giorni selvaggi prima che iniziassero i roghi, ma adesso la stregoneria è solo una questione di graziosi incantesimi e filastrocche e vecchi racconti per bambini. Se le donne vogliono avere una qualsivoglia forma di potere, devono cercarla nell’urna elettorale.
Ma quando le sorelle Eastwood – James Juniper, Agnes Amaranth e Beatrice Belladonna – entrano nell’Associazione per le Donne di New Salem, iniziano a chiedersi se, recuperando antiche parole dimenticate, non sia possibile trasformare quello delle suffragette da un movimento di donne a un movimento di streghe. Inseguite da ombre e morbi, perseguitate da forze che vogliono impedire a una strega di votare – e forse persino di vivere -, le sorelle dovranno immergersi nell’antica magia, tessere nuove alleanze e recuperare il legame che le unisce.
Perché le streghe non esistono, ma esisteranno.
Le streghe in eterno è un racconto potente che parla di sfide, sorellanza, e del diritto di voto.

C’era una volta un tempo in cui esistevano le streghe, capaci di potenti incantesimi, prima dei roghi, prima delle violenze, prima di essere quasi del tutto estinte. Nel 1893 solo semplici incantesimi esistono, passati da donna a donna, di generazione in generazione, incantesimi per rammendare, pulire, guarire, magia nascosta in filastrocche, rime e canzoncine, considerate per bambini. Nel 1893 non esistono più le streghe di un tempo e l’unico potere che le donne possono sperare di avere è la speranza di poter votare. E’ all’interno del movimento di suffragette, che le tre sorelle Eastwood, James Juniper, Agnes Amaranth e Beatrice Belladonna, iniziano a pensare a ciò che potrebbero fare e ottenere se quel movimento diventasse un movimento di streghe, se ritrovassero i poteri perduti e riaffermassero le proprie identità.

Ambientato in un mondo profondamente patriarcale, all’interno del quale le donne sono incastrate in una serie di ruoli, quali la donna del focolare, la donna di chiesa e casa, le anime perdute, come le prostitute e le streghe, Le streghe in eterno è un libro potentissimo, brillantemente scritto e con una caratterizzazione fenomenale, ambientato in un mondo dominato dal sessismo, razzismo e dalla violenza, all’interno del quale le donne sono costrette a muoversi lungo binari precisi e violenza e morte aspetta chi osa ribellarsi. In queste circostante claustrofobiche e soffocanti, James e le sue sorella danno il via a una ribellione, determinate a recuperare il potere perduto delle streghe, ad affermare se stesse nelle loro complessità e desideri.

La storia è narrata da tre punti di vista, dalle tre sorelle che sono profondamente diverse l’una dall’altra. James nel suo essere selvaggia e ribelle, determinata a bruciare il mondo per ottenere rispetto e libertà, Agnes, quieta e attenta in un mondo che ha denti e non ha paura di usarli, Beatrice con i suoi libri, il suo rifugio e la sua saggezza. Le tre donne sono legate da un legame di sorellanza che, a causa di traumi, violenze e incomprensioni, si è sfilacciato e quasi distrutto nel corso del tempo. Ritrovatesi dopo anni, saranno costrette dagli eventi a ricucire il loro rapporto, a sostenersi e a riscoprire il loro legame, ritrovandolo più forte e solido che mai.

Il libro ruota attorno alla loro crescita, al loro legame e a ciò che saranno costrette ad affrontare, lottando contro i demoni del loro passato, contro una stregoneria potente fatta di ombre e controllo e disposta a tutto per impedire loro, alle donne, di reagire, vivere ed esprimere la loro opinione, di essere se stesse, di amare chi vogliono.

Le streghe in eterno è un libro molto stratificato. In quasi 600 pagine vengono affrontate numerosi questioni, quali il sessismo, il razzismo, la violenza di genere, abusi familiari, il diritto al voto e, in particolare, i problemi legati all’essere una donna nel 1893, in una società patriarcale, all’interno della quale incombe l’ombra dei roghi e delle violenze della Salem originale. Sono rimasta piacevolmente impressionata dalla caratterizzazione dei personaggi. James, Agnes e Beatrice si muovono in un mondo pericoloso e dove la politica si mescola alla violenza e alla magia, dove il loro sviluppo personale e la crescita del loro legame in quanto sorelle e streghe avviene di pari passo con i loro problemi, i ricordi, i traumi passati, nuovi amori e avventure.

I personaggi principali e secondari sono interessanti nelle loro complessità e sfaccettature, non sono stereotipati, si rifiutano di aderire ai ruoli imposti loro dalla società. James, Agnes e Beatrice sono donne che non rientrano nei canoni (non dirò in che modo per evitare spoilers) e non cercano di rientrarvi, si rifiutano di adeguarsi, ma lottano per essere libere di essere chi vogliono, vivere la loro vita e amare la persona che scelgono.

Ho adorato il modo in cui l’amore è presente all’interno della storia, nelle sue varie sfaccettature. L’amore nei confronti di una sorella, di una figlia, madre, nonna, di un’amica, di un’amante. La rappresentazione LGBTQIA+ è dolcemente presente in una relazione, della quale non parlerò per evitare spoilers, ma che ho molto adorato. Inoltre, è anche presente un personaggio secondario trans, del quale ho amato lo sviluppo, determinazione e forza.

Il libro è costellato di filastrocche e rime, incantesimi e formule magiche e il lettore segue le sorelle nella loro ricerca della magia antica, connettendosi al passato e al presente, incontrando diversi tipi di magia, tra storia antica, libri e magia nascosta in canzoni e storielle. La parte fantasy è mescolata sapientemente alla storia personale delle protagoniste, all’ambientazione storica e ho amato leggere Le Streghe in eterno. Se

Gli uomini presenti nella storia sono stereotipi di uomini crudeli, padri violenti e possessivi, mariti malvagi, politici assetati di potere e disposti a tutto per schiacciare le donne che non rientrano nei loro canoni. Pochissime le eccezioni (solo una, probabilmente) e il libro ruota interamente sulle donne, sul loro trionfo e la loro lotta.

Le donne sono le protagoniste assolute di Le Streghe in eterno. Donne come madri, sorelle, figlie, nonne, amiche, amanti, donne disposte a tutto per lottare per un mondo più giusto nei loro confronti, per proteggere se stesse e le persone che amano, per rivendicare il diritto di essere ciò che vogliono e amare chi vogliono. Questo libro è un inno al potere femminile, alla resilienza delle donne, capaci di trovare modi incredibili e fantasiosi per conservare e proteggere il loro passato e le loro conoscenze, in un mondo in cui uomini al potere sono disposti a tutto per schiacciarle e annullare la loro storia. Un inno alla sorellanza, alla speranza e alla resilienza e una storia che consiglio a tutt* coloro in cerca di un libro pieno di personaggi femminili nella loro complessità, trama avvincente e interessante e un bellissimo e coinvolgente stile di scrittura.